Stay Social

Seguici su:

Tavolo Ambiente, territorio, modello di sviluppo

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_facebook][vc_separator type="normal" color="#820024" thickness="3" up="20" down="20"][vc_column_text]Con il partecipato convegno organizzato da Potere al Popolo a Potenza, a fine settembre, abbiamo portato tutte le nostre forze e le nostre idee per costruire un’alternativa alle trivellazioni e alle estrazioni petrolifere, per il benessere del territorio e dei suoi abitanti. Potere al Popolo convintamente sostiene la conversione ecologica e questa non può prescindere da una transizione energetica a partire dall’uscita da fonti energetiche fossili. Da troppi decenni, le multinazionali del petrolio (Eni, Shell, Total, e molte altre) hanno nutrito i propri profitti a danno della...

Il consiglio dei ministri ha approvato il “decreto sul clima”. I pentastellati esultano e portano in trionfo i 450 milioni di euro stanziati per la manovra. In realtà, queste sono briciole: una cifra di gran lunga inferiore ai 23 miliardi per le spese militari del 2018 e ai 7,2 miliardi promessi per nuovi programmi militari e armamenti. Ma il problema centrale di questo decreto è la debolezza dei provvedimenti, l’incapacità di una visione di sistema e il mancato taglio ai sussidi dannosi per l’ambiente, a partire dai combustibili fossili. Taglio che avrebbe potuto costringere l’economia nazionale a una vera conversione ecologica. Le...

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_facebook][vc_separator type="normal" color="#820024" thickness="3" up="20" down="20"][vc_column_text]Potere al Popolo partecipa alla settimana di mobilitazione sulla crisi climatica che culminerà nel terzo sciopero globale per il clima il 27 Settembre. Aderiamo dunque in tutte le città alla manifestazione che FFF - Fridays For Future - ha organizzato. Anche USB - Unione Sindacale di Base - ha proclamato lo sciopero generale nazionale di tutte le categorie pubbliche e private, per l’intera giornata del 27 e la FLC CGIL ha annunciato lo sciopero di tutto il personale del Comparto Istruzione e Ricerca, dell'Area dirigenziale, dei docenti universitari...

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_column_text] Anche durante il campeggio di quest'anno, Potere al Popolo! ha riunito il proprio tavolo tematico su ambiente, territorio e modello di sviluppo. L'interesse per la lotta ambientale, stimolato anche dall'attenzione riservata al tema dai principali media, ha portato moltissima partecipazione al nostro tavolo da diverse assemblee territoriali presenti in tutta Italia. La condivisione delle esperienze di lotta sui diversi territori ha arricchito la discussione con moltissimi stimoli ed idee; pertanto abbiamo perfezionato l'organizzazione al nostro interno, con l'obbiettivo di valorizzare lotte e riflessioni nate nei territori.   Le riflessioni sul tema ambientale di Potere...

Negli stessi giorni in cui il Lido di Venezia è illuminato dai riflettori della Mostra del cinema, dal 4 all’8 settembre, centinaia di attivisti per il clima da tutta Europa si sono dati appuntamento per approfondire i temi del cambiamento climatico e confrontarsi sulle pratiche da opporre per fermarlo. L'iniziativa lanciata dal comitato No Grandi Navi e da Fridays For Future vede la partecipazione di movimenti di lotta climatica e per la giustizia climatica da tutt'Italia e da tutta Europa a quattro giorni di workshop, assemblee, incontri e azioni di protesta. Potere al Popolo, come unico movimento politico, è presente...

La secessione dei ricchi, ovvero la cosiddetta Autonomia Differenziata, ha come presupposti il disegno separatista della Lega e la revisione dell’articolo V della Costituzione e come obiettivo la creazione di nuove forme di sfruttamento delle persone e dell’ambiente, con un conseguente allargamento delle disuguaglianze tra le regioni del nord e del sud (già molto forti) e le tra classi sociali. L’antefatto: tutto ha inizio con la riforma del titolo V della Costituzione varata nel 2001 dal governo di centro-sinistra di Giuliano Amato. Nel 2017 le Regioni Veneto e Lombardia hanno indetto e realizzato rispettivi referendum per chiedere maggiore autonomia. Su questa falsa...

In Italia il consumo di suolo è una piaga che sembra inarrestabile: nonostante la crisi, si continuano a perdere circa 50 kmq di terreni liberi l'anno, circa il doppio della media degli altri paesi UE. Questo equivale a cementificare ogni due ore un’area grande come piazza Navona, nonostante le decine di migliaia di capannoni e appartamenti inutilizzati presenti su territorio nazionale. I comuni continuano a mettere mano a strumenti urbanistici in cui aree agricole o semi-naturali diventano terreni edificabili la cui destinazione d’uso è assolutamente incoerente con le reali esigenze della popolazione che abita quei territori, smascherando così quanto questi...

Il 26 luglio prossimo il governo deve comunicare all'Unione Europea se l’Italia intende proseguire la TAV Torino-Lione. Ieri, il primo ministro Conte attraverso un comunicato da Palazzo Chigi pubblicato sulla sua pagina facebook [sic] annuncia che la Tav si farà perchè costa meno finirla che interromperla, vista anche la disponibilità di ulteriori finanziamenti europei. Pochi mesi prima lo stesso Conte aveva riconosciuto l’inutilità dell’opera. E’ l’ennesima mistificazione dietro la quale nascondersi per continuare un’opera che non è motivata da un bisogno reale di trasporto, ma che devasta un ampia regione, lasciando gli abitanti a pagarne sia i costi ambientali, finanziari e...

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_column_text]Le mobilitazioni dei Fridays for Future, Rise for Climate, Extinction Rebellion che hanno riempito le piazze europee nell’ultimo anno e la stessa marcia nazionale che si è tenuta a Roma il 23 marzo reclamano dai governi azioni concrete e immediate per contrastare il cambiamento climatico. Il rapporto IPCC 2018 afferma che è indispensabile non superare il riscaldamento globale di 1,5 °C per evitare conseguenze gravissime, non solo per la sicurezza dei territori, la biodiversità, la qualità della vita di tutti, ma per la sopravvivenza della specie umana. Gli stessi risultati elettorali delle europee...

L’incidente del 2 giugno ha visto la nave da crociera MSC Opera urtare il lancione turistico Michelangelo e scontrarsi contro il molo, danneggiandoli entrambi. Fortunatamente la tragedia non è avvenuta, ma è una conferma che, anche dal puntodi vista della sicurezza, la presenza di GRANDI NAVI NELLA LAGUNA SONO UN PERICOLO. Ricordiamoci che la laguna, per permettere il normale svolgersi della vita quotidiana, è attraversata da mezzi pubblici e altre piccole imbarcazioni e le grandi navi possono costituire un rischio per l’incolumità di abitanti, lavoratori e turisti, nonché per imbarcazioni, rive e infrastrutture della città. Non ci sarebbe bisogno di conferme,...

X