Presentazione e obiettivi del tavolo

I movimenti e le lotte delle donne e delle soggettività LGBTQIA hanno cambiato radicalmente il modo di fare e pensare la politica.

Lo abbiamo sempre saputo: lavoriamo di più e veniamo pagate di meno, la salute e la cura non sono costruite a nostra misura, su di noi – sui nostri corpi e sulle nostre scelte – si esercitano costantemente violenza, pressione, costrizione.

Viviamo in un mondo che è ancora al maschile. Per questo, oggi più che mai, ci sembra necessario lottare, produrre riflessione, riempire le piazze per demolire l’idea che i generi, o gli orientamenti e le scelte sessuali, siano vincolati ad un elemento biologico, ad un “destino” del corpo scritto e immutabile, per contestare l’idea che la divisione del lavoro, dei compiti, dei ruoli sarebbero attribuiti una predisposizione, un’inclinazione, di una presunta “natura”.

Ma la strada è lunga e tutta in salita, perché se per un verso ci siamo unite e lottiamo assieme, per l’altro l’ondata di destra che attraversa il nostro Paese promette di aggravare una situazione già compromessa da decenni di politiche che, sottraendoci il diritto ai servizi fondamentali (istruzione, salute, lavoro stabile e sicuro), hanno tartassato tutti e doppiamente le donne e da una visione patriarcale che stenta a tramontare.

Il ddl Pillon è l’ultimo di una serie di obbrobri legislativi mirati a limitare la nostra libertà di scelta e la nostra autonomia.

Gli attacchi alla 194 e la vera e propria persecuzione delle soggettività LGBTQIA in nome di una fantomatica famiglia tradizionale, l’assoluta mancanza di volontà di intervenire sulla disparità salariale e di condizioni di lavoro, il discorso pubblico sempre più orientato nel giudicare indistinguibile “vittima” e carnefice nei casi di violenza fisica, psicologica, sessuale, ci riportano quotidianamente alla necessità di intensificare e unire le lotte.

L’Ungheria di Orban difende la violenza contro le donne

Nei giorni scorsi, grazie ai pieni poteri assunti da Orban, è stato sferrato un gravissimo attacco alle donne. Il parlamento ungherese non ha ratificato la Convenzione di Istanbul, strumento che va nella direzione della prevenzione...

Partiamo da noi. Un’esperienza di autodifesa femminista

Questo documento vuole porsi come continuazione del documento “Potere al Popolo! sarà femminista o non sarà” e mira a socializzare come il nostro collettivo abbia affrontato un caso di molestia al suo interno. Purtroppo, abbiamo...

Aborto: la normalità era il problema

Prima dell’emergenza Covid-19 una donna, per abortire, avrebbe dovuto intraprendere un lungo percorso a ostacoli, un campo minato fatto di colloquio psicologico, settimana di riflessione, ospedalizzazione, permanenza in reparto con neomamme o quasi mamme. Sempre…

L’ABORTO E’ UN DIRITTO PRIMARIO E CONTINUEREMO A DIFENDERLO!

“Non dimenticate mai che sarà sufficiente una crisi politica, economica o religiosa perché i diritti delle donne siano rimessi in discussione. Questi diritti non sono mai acquisiti. Dovete restare vigili durante il corso della vostra…

[ROMA] SUI DIRITTI NON SI LUCRA, LA SALUTE NON SI PAGA!

L’Italia è uno degli ultimi paesi in Europa per quanto riguarda l’educazione sessuale ed è al 26° posto (su 45) per l’accesso alla contraccezione e all’informazione sul tema, il fanalino di coda dell’Europa occidentale.Se a…

Potere al popolo sarà femminista o non sarà 

Sin dai nostri primi passi nella costruzione di Potere al Popolo, abbiamo affermato di voler essere un movimento femminista, di credere nell’autodeterminazione delle donne e di voler combattere la violenza maschile. Ma cosa vuol dire,...

Potere al Popolo! al fianco delle donne curde!

Come compagne e compagni del tavolo nazionale su genere, diritti e laicità di Potere al Popolo! sentiamo l’urgenza di prendere parola rispetto a quanto sta succedendo in Siria settentrionale e Orientale. Sentiamo la necessità di...

28 Settembre: scendiamo in piazza per il diritto all’aborto!

Come movimento politico che si riconosce fin dall’inizio nei valori del femminismo e dell’uguaglianza di genere, oggi Potere al popolo! scende in piazza a sostegno del diritto all’aborto libero, sicuro e gratuito. Nonostante il recente...

Un commento sul “codice rosso” e sulle contraddizioni di questo governo

Contributo del tavolo Genere, laicità e diritti di Potere al popolo È di qualche giorno fa la notizia dell’approvazione del cosiddetto “Codice Rosso”, ovvero un provvedimento proposto dal governo che punta ad inasprire le pene...

Report tavolo genere, diritti e laicità – Inventare l’avvenire!

La discussione è iniziata riconoscendo la centralità della prospettiva di genere nella nostra elaborazione teorica e pratica. Ci siamo definiti fin dall’inizio come un movimento politico antisessista e intendiamo continuare a porre un’attenzione costante sul…

[VERONA] ARRIVA SERGEI POLUNIN: IL ROMEO OMOFOBO E SESSISTA CHE PIACE A SBOARINA

E così Verona ha trovato il suo Romeo. E’ di qualche giorno fa l’annuncio della prima mondiale all’ Arena di Verona dello spettacolo “Romeo + Giulietta”, balletto in atto unico con protagonisti star della danza…

Ambiente, genere e classe. Incontro-dibattito internazionale!

Ambiente, genere e classe. Come i nuovi movimenti sociali possono lottare contro il capitalismo globalizzato? Con: – Viola Carofalo, portavoce Potere al Popolo! – Giuseppe Antonio Di Marco, filosofo marxista – Gáspár Miklós Tamás, filosofo…

A Verona il “congresso mondiale delle famiglie”: fermiamoli!

L’8 marzo le donne di tutto il mondo sono scese in piazza al grido di “Non una di meno!” per denunciare la violenza agita dagli uomini e che non si esprime solo con un pugno…

Potere al popolo sostiene lo sciopero dell’8 marzo: basta violenza e discriminazioni di genere

Scarica qui il volantino da distribuire! Anche quest’anno il mondo intero vedrà le donne mobilitarsi al grido di Non Una Di Meno contro ogni forma di violenza e discriminazione di genere. Da tre anni, ormai,…

Nuova sezione del sito di Potere al Popolo: Tavoli tematici

Abbiamo inaugurato la nuova sezione del sito dei tavoli tematici Ambiente, territorio e modello di sviluppo Immigrazione e emigrazione Capitale e lavoro Mutualismo Giustizia Genere, laicità e diritti Guerra e Antimilitarismo Sanità Piattaforma LQFB Scienza,...