Stay Social

Seguici su:

NICOLETTA LIBERA! NOTAV LIBERI

Dov’era il no, faremo il sì

FRANCO FORTINI

Più di 100 gruppi attivi.
Facciamo rete.
Diamo forza alle lotte e alle comunità.

Assemblee, dibattiti, eventi culturali.
Mutualismo e controllo popolare.
Un processo nuovo, radicale, aperto.

Prendi parte al movimento, ovunque
tu sia. Contattataci, fai sentire la tua voce.
C’è bisogno di tutti!

Potere al Popolo - Materiali Utili

La cassetta degli attrezzi.
Per costruire e organizzare
la campagna su tutti i territori.

News

  • ...

  • Potere al Popolo! denuncia l’escalation di violenza israeliana sulla Striscia di Gaza che finora ha provocato la morte di 18 palestinesi. Potere al Popolo!, inoltre, critica con forza l’omicidio mirato del leader del Jihad Islamico Baha Abu Ata compiuto l’altra notte dall’aviazione israeliana su ordine del premier israeliano uscente Netanyahu e dei vertici militari. La tempistica dell’assassinio non è casuale: avviene infatti nelle ore in cui le forze politiche israeliane non riescono ancora a trovare una intesa per la formazione di un governo. Il raid è una chiara mossa da parte di Netanyahu per ricompattare le file e costruire un......

  • ...

  • Lavoro o salute? Garanzia di un reddito dignitoso o garanzia di una vita sana? Salvaguardia della produzione o salvaguardia dell’ambiente? Chiusura dello stabilimento ex-Ilva o apertura e mantenimento della produzione? Queste sono domande che i tarantini si sottopongono e sottopongono ai loro familiari, ai loro conoscenti, agli amici, nei bar, nei negozi, nei presidi, nelle assemblee, nei cortei, durante gli scioperi e in ogni luogo collettivo. Ma la cosa più rilevante è che sono domande alle quali ogni risposta sembra essere parziale e ingiusta. Non possiamo però fermarci a questo. Come Potere al popolo siamo convinti che la vittoria di Taranto e la “soluzione” del caso Ilva passino necessariamente......

  • ...

  • ...

  • Potere al Popolo! denuncia l’escalation di violenza israeliana sulla Striscia di Gaza che finora ha provocato la morte di 18 palestinesi. Potere al Popolo!, inoltre, critica con forza l’omicidio mirato del leader del Jihad Islamico Baha Abu Ata compiuto l’altra notte dall’aviazione israeliana su ordine del premier israeliano uscente Netanyahu e dei vertici militari. La tempistica dell’assassinio non è casuale: avviene infatti nelle ore in cui le forze politiche israeliane non riescono ancora a trovare una intesa per la formazione di un governo. Il raid è una chiara mossa da parte di Netanyahu per ricompattare le file e costruire un......

  • ...

  • ...

  • ...

  • Lavoro o salute? Garanzia di un reddito dignitoso o garanzia di una vita sana? Salvaguardia della produzione o salvaguardia dell’ambiente? Chiusura dello stabilimento ex-Ilva o apertura e mantenimento della produzione? Queste sono domande che i tarantini si sottopongono e sottopongono ai loro familiari, ai loro conoscenti, agli amici, nei bar, nei negozi, nei presidi, nelle assemblee, nei cortei, durante gli scioperi e in ogni luogo collettivo. Ma la cosa più rilevante è che sono domande alle quali ogni risposta sembra essere parziale e ingiusta. Non possiamo però fermarci a questo. Come Potere al popolo siamo convinti che la vittoria di Taranto e la “soluzione” del caso Ilva passino necessariamente......

  • Che l’aumento della disuguaglianza tra ricchi e poveri stia diventando IL problema, lo dimostrano le proteste popolari che stanno esplodendo ad ogni latitudine. Dalla Francia dei Gilet Gialli, al Cile e l’Ecuador di queste settimane, passando per il Libano, milioni di uomini e donne stanno scendendo in piazza per dire che non ce la si fa più. Che un sistema che produce enorme ricchezza, ma a costo delle sofferenze di tantissimi e che la concentra nelle tasche di pochissimi ultra-ricchi, è un sistema che non funziona. Non è semplicemente “sbagliato”, “ingiusto”, “marcio”. È un sistema che non fa i nostri......

  • Poche ore fa si è consumato il golpe contro Evo Morales. In conferenza stampa il presidente boliviano ha rassegnato le proprie dimissioni, dopo che le Forze Armate l’avevano “invitato” a rinunciare a nuove elezioni e a una nuova candidatura. Ci sarà il tempo per analisi più approfondite. Ci limitiamo ad alcune considerazioni che possano diffondere un minimo di ragionamento e di informazioni su quanto sta accadendo in Bolivia, visto che in gioco ci sono le vite di migliaia di attivisti, militanti e semplici cittadini. 0. È un golpe. Che piacciano o meno Evo Morales e García Linera che un presidente......

Dai territori

SEGUICI SU FACEBOOK
X