Presentazione e obiettivi del tavolo

La cultura è qualcosa di cui tutti e tutte abbiamo bisogno e che ognuno di noi possiede (indipendentemente dalle possibilità economiche e dal livello di istruzione): è uno strumento potente che, se viene abbandonato in mano di altri, possiamo soltanto “subire”.

Per questo, come abbiamo già detto nel nostro programma, al punto 8: “Per noi la cultura e l’informazione sono un bene pubblico, patrimonio di tutti, non privatizzabile e non mercificabile. Sono diritti fondamentali e inalienabili.

Solo l’intervento pubblico può garantire un reale pluralismo e una reale indipendenza della produzione e dell’offerta di cultura e di informazione dalle logiche di mercato. Anche su questo si misura oggi la disuguaglianza: non solo tra chi ha e chi non ha, ma anche tra chi sa e chi non sa.”

Il diritto fondamentale e inalienabile alla fruizione e produzione libera della cultura è ormai giorno dopo giorno sempre di più messo sotto attacco dalla continua industrializzazione e mercificazione del settore culturale e dello spettacolo, a tutto discapito sia delle lavoratrici e dei lavoratori del settore sia dell’intera collettività, costretta a sottostare a un’offerta culturale misera e poco accessibile, una produzione in serie di intrattenimento sterile e vuoto di qualsiasi obiettivo culturale, sociale e politico.

Il tavolo quindi vuole prima di tutto essere un punto di riferimento per i tanti lavoratori del settore, che ogni giorno vivono condizioni di sfruttamento, lavoro sottopagato o -nella maggior parte dei casi- non pagato. Il settore culturale, al pari di altri settori lavorativi, è diventato terra selvaggia dove trovare lavoratori a basso costo o a costo zero, con la promessa di visibilità o di “fare esperienza”, o affidandosi all’unica speranza di “vincere un bando” in cui spesso i requisiti richiesti per partecipare si rivelano ben più onerosi di ciò che verrà eventualmente corrisposto in caso di vittoria.

Spesso dietro alle proposte di laboratori, stage, tirocini ci sono poi grandi enti pubblici e privati che non avrebbero certo difficoltà a pagare i lavoratori, ma che preferiscono portare avanti i loro progetti a costo zero, per poi magari pagare cifre esorbitanti per il grande nome di turno.

A questo scopo è nato l’Osservatorio nazionale permanente sulle condizioni di lavoro e il rispetto dei diritti dei lavoratori della cultura, dell’arte, dello spettacolo: un punto di riferimento per chiunque voglia condividere informazioni, denunciare ingiustizie e tentare di mettere in atto forme di comunicazione e protesta che possano contribuire a fermare le tante violazioni dei diritti che avvengono in questo settore.

Partiamo dai lavoratori perché siamo convinti, essendo anche noi lavoratori del settore, che siano gli unici ad avere il potere di cominciare a invertire la rotta.

Un altro obiettivo fondamentale del tavolo però è anche quello di costituirsi come un vero e proprio “braccio artistico” di Pap!, uno strumento comunicativo efficace di produzione culturale e artistica, di diffusione dei contenuti, delle lotte e delle vertenze che ogni giorno la nostra comunità porta avanti e di intervento in quell’ambito culturale troppo spesso abbandonato a se stesso. Una spinta a una produzione di un’arte politica, che si schiera, prende posizione, che vede lo spettatore come un soggetto in cui dover provocare una riflessione, una presa di coscienza, non come un oggetto da intrattenere e meravigliare.

Un intervento reale in un settore che è stato abbandonato da troppo tempo, ma che è “una rotella o una vitina” fondamentale del meccanismo generale del cambiamento al quale vogliamo arrivare.

Contattaci alla mail: poterealpopolo.spett.cult@gmail.com

DOCUMENTO EMERGENZA Operatrici e Operatori dello Spettacolo

Da diversi mesi, in tutta Italia, stanno nascendo gruppi autorganizzati, tavoli di lavoro e di discussione tra operatori e operatrici del settore dello Spettacolo e della Cultura. Migliaia di uomini e donne hanno avviato percorsi…

CULTURA E SPETTACOLO: RIPARTIRE SENZA LAVORATORI?

Lunedì 11 maggio, in seguito alle comunicazioni del CTS riguardo la possibilità di una ripartenza del settore culturale, il Mibact ha voluto incontrare Agis, Federvivo e Anfols per discutere l’ipotesi di una riapertura. Peccato che…

Il Primo Maggio dei lavoratori della cultura

Non c'è sicurezza sul lavoro senza sicurezza del lavoro Siamo lavoratrici e lavoratori dello spettacolo e della cultura, stiamo dietro le quinte o sul palco, tra centinaia di cavi della corrente o in stanze a...

RIVOLUZIONARE PER RIPARTIRE. Le nostre proposte per il mondo della cultura e dello spettacolo

Al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte Al Ministro per i Beni e le Attività Culturali Dario Franceschini Alla Ministra del Lavoro e delle Politiche sociali Nunzia Catalfo Il settore della cultura e dello…

La cultura non viene (mai) dopo. Il reddito di quarantena è l’unica cura

L’ emergenza sanitaria causata dall’ espandersi del contagio del Covid 19, e le conseguenti misure prese dal governo per il contenimento del contagio, hanno messo in ginocchio anche un settore che già prima era in...

REDDITO DI QUARANTENA ANCHE PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DELLA CULTURA E DELLO SPETTACOLO!

Stiamo vivendo una situazione drammatica , in cui le emozioni si confondono, sia per le possibili ripercussioni sanitarie che per quelle sociali. È però questo il momento di rimanere lucidi. Ci vengono chiesti dei sacrifici…

IL CORONAVIRUS NON FA DISTINZIONI, LO STATO SÌ! 

Viviamo una situazione grave, spiacevole e inedita, dove è necessaria lucidità e attenzione per tutelare la salute di tutti. Sembra però di vivere in una serie televisiva di bassa qualità, ambientata in un futuro distopico…

Stati Generali della cultura in Campania: poco più di una passerella allestita dal sovrano De Luca

Il 21 e 22 Ottobre, nella prestigiosa location del Palazzo Reale di Napoli, si sono tenuti gli Stati Generali della Cultura della Regione Campania, convocati dall’amministrazione presieduta da Vincenzo De Luca. Stati generali della cultura,…

Report tavolo Cultura e Spettacolo – Inventare l’avvenire!

Sabato 11 maggio 2019 il tavolo Cultura e Spettacolo si è riunito nella due giorni di Potere al Popolo! “Inventare l’avvenire”. L'appuntamento ha costituito l'occasione per un confronto e un dibattito sulla situazione in cui...

Report del primo tavolo nazionale Cultura e Spettacolo di PaP!

13/14 aprile 2019 – Roma – Casa del Popolo Casal Bruciato La prima riunione nazionale di Potere al Popolo! Cultura e Spettacolo è nata dall’esigenza e dalla necessità di aprire e trovare un confronto sia…

Nuova sezione del sito di Potere al Popolo: Tavoli tematici

Abbiamo inaugurato la nuova sezione del sito dei tavoli tematici Ambiente, territorio e modello di sviluppo Immigrazione e emigrazione Capitale e lavoro Mutualismo Giustizia Genere, laicità e diritti Guerra e Antimilitarismo Sanità Piattaforma LQFB Scienza,...