NewsTavolo scuola universita ricerca

NORMALI PER CHI? GIU’ LE MANI DALLA SCUOLA, DALLE STUDENTESSE E DAGLI STUDENTI

Leggendo l’editoriale di Galli della Loggia, dalle pagine del Corriere della sera, la sensazione che emerge è quella di una chiara visione classista della scuola, che ci riporta indietro di molti anni, al tempo delle classi differenziali e delle scuole speciali. L’editorialista contesta, infatti, la scuola inclusiva adoperando una frase che ignora anni e anni di studi e avanzamenti culturali del concetto stesso di disabilità non più come mancanza di salute ma come condizione in un ambiente sfavorevole: “accanto ai “normali” ci sono i Bes, i disabili e gli stranieri”.

Le studentesse e gli studenti nell’articolo vengono trattati alla stregua di un problema da gestire o meglio da eliminare perché da intralcio all’apprendimento dei cosiddetti “normali”. Qui si aprirebbe una importante riflessione sul concetto di normalità e anormalità che sarebbe troppo lunga da proporre in questo testo. Forse a Galli della Loggia la docente torinese Mirella Casale risponderebbe che la scuola non deve creare ghetti, ma piuttosto offrire a chiunque le stesse possibilità nel rispetto delle differenze di apprendimento di ciascun*.

Una spiegazione, non certo una giustificazione però, a una visione così retrograda e classista dell’istruzione crediamo sia da rintracciare in una altrettanto distorta idea di scuola come azienda, in cui i saperi scompaiono per dare rilievo a competenze dettate dal mercato e in cui si valutano performance con scale numeriche standardizzate come impone l’Europa. Un grande sistema dove viene insegnata la competizione a tutti i costi con ritmi incalzanti che devono spazzare via ogni intralcio o rallentamento e non importa se siano esseri umani, cioè che importa è che ci sia selezione. I più meritevoli devono andare avanti per poter essere meglio sfruttati in futuro.

L’osservazione  di Galli, oltre che razzista, è anche poco attinente alla realtà visto che il declino degli apprendimenti riguarda in generale tutta l’area OCSE, dove il modello inclusivo italiano è minoritario. Le cause quindi vanno ricercate altrove, in qualcosa che invece accomuna le riforme dei vari paesi e cioè la mistificazione delle competenze , la standardizzazione dei processi valutativi, la logica dei test e la spersonalizzazione dei percorsi educativi.

Nonostante il sistema scolastico italiano abbia dei limiti, anche per via di nefaste riforme scolastiche che si sono succedute, a partire dalla riforma Gelmini, e per un investimento di finanziamenti pubblici sempre più esiguo, non si può non constatare che il modello di scuola inclusiva sia valido e che molti paesi europei lo guardano come buona pratica da esportare. La Francia da anni invia personale ministeriale per osservare e studiare il sistema di istruzione italiano.

Perché mai allora dovremmo conformarci ai modelli europei che impoveriscono i saperi e fanno del diritto all’istruzione un privilegio per pochi? La scuola italiana è bella perchè è multiculturale ed è una scuola per tutte e tutti e piuttosto il nostro impegno deve essere quello di migliorare maggiormente il suo carattere inclusivo.

Tavolo Scuola di Potere al Popolo!

Related posts
EsteroNewsNewsletter Tricontinental

SE POSSO CAPIRE IL MONDO, ALLORA POSSO MARCIARE PER CAMBIARLO

NewsPiemonteRegioniTerritori

[TORINO] RIAPRITE LO SPAZIO "NON SOLO MAMME"!

NewsPiemonteRegioniTerritori

[TORINO] SCUOLA: EDUCAZIONE SESSUALE SI', CATTOLICA NO.

NewsPiemonteRegioniTerritori

[TORINO] SPAZIO NON SOLO MAMME: DAL COMUNE SOLO PROMESSE

Lascia un commento