Stay Social

Seguici su:

Lazio

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_column_text]In questi giorni Potere al Popolo Civitavecchia ha partecipato a due grandi mobilitazioni per la giustizia ambientale e sociale. Stiamo parlando dell’ormai consueta manifestazione NO TAV dell’ 8 dicembre in Val di Susa e della marcia per il clima svoltasi a Madrid in occasione del vertice ONU COP25. Il gruppo di ragazzi che è partito per la Val Susa ha ritenuto indispensabile condividere con i NO TAV la battaglia ai combustibili fossili, principale causa dei cambiamenti climatici nel mondo e drammatica criticità ambientale del nostro territorio. Stessa cosa hanno fatto a Madrid gli...

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_column_text]“… Per quanto mi riguarda non lavorerò su questo progetto di fusione”. Allora siamo sulla buona strada!   Il sindaco di Ladispoli Alessandro Grando ha rilasciato un'intervista al quotidiano Civonline.it nella quale illustra i progressi che a suo parere sono stati fatti dalla sua amministrazione e quanti ancora ne vedremo prossimi mesi. Non siamo assolutamente d'accordo sui successi di questa amministrazione e dalle affermazioni di Grando appare evidente che il filo conduttore sia lo sviluppo urbanistico, altro cemento ed un ulteriore sviluppo incontrollato di Ladispoli. Al termine dell'intervista il giornalista chiede a Grando cosa ne pensa...

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_facebook][vc_separator type="normal" color="#820024" thickness="3" up="20" down="20"][vc_column_text]Dopo l'Assemblea del 14 settembre indetta da Potere al Popolo di Ladispoli e Cerveteri che ha approvato la decisione di procedere con lo studio e l'informazione sul tema della riunificazione dei due comuni, si sono svolte alcune riunioni tecniche ed altre seguiranno coinvolgendo esperti della materia, compresi anche alcuni economisti e giuristi, per costruire un vero e proprio progetto di fattibilità il cui stato di avanzamento verrà reso pubblico ad iniziare dall'Assemblea del 14 novembre. Siamo sempre più convinti che le “chiacchiere” che si sono succedute nel merito...

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_column_text]14 settembre – ore 16.00 ASSEMBLEA PUBBLICA sui problemi dei cittadini di Ladispoli e Cerveteri Via Rimini 10 - Ladispoli   Potere al Popolo organizza un'Assemblea pubblica aperta a tutte le cittadine ed i cittadini di Ladispoli e Cerveteri su alcuni temi che riguardano il nostro territorio. Il confronto riguarderà due problematiche del comune di CERVETERI: la prima, generale, affronta l'orizzonte e il progetto di un diverso sviluppo fondato sul turismo, la ricchezza archeologica e la produzione agricola di Cerveteri; la seconda sulla valorizzazione dei servizi, il mantenimento e lo sviluppo del pubblico e nello specifico il No al consorzio...

Assemblea pubblica sabato 14 settembre! Potere al Popolo è una forza politica e sociale nata e sviluppatasi negli ultimi due anni. Non è e non vuole rappresentare l'erede della "vecchia-nuova" sinistra che ha purtroppo fallito almeno nell'ultimo decennio e chiaramente è del tutto estranea alle logiche del PD e di altri partiti di centro. E' chiara l'avversione e l'alternatività a tutto ciò che rappresenta la destra e le politiche di austerità che l'Unione Europea e i governi italiani hanno attuato negli ultimi decenni. Vogliamo costruire a livello nazionale un'alternativa politica e sociale che non passi esclusivamente dalla presenza in parlamento e...

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_column_text]Non c'è stato neanche il tempo di gioire per la revoca della procedura di licenziamento da parte della Armeni Wpa, che subito si è aperta un’altra vertenza occupazionale. La ditta Mcp infatti ha deciso di avviare in queste ore una procedura di licenziamento collettivo per 21 operai tra coibentatori, manutentori, verniciatori, edili e ponteggiatori. Tutto questo su un organico totale di 71 dipendenti di cui 60 operai e 11 impiegati. Questo contesto in perenne sofferenza, con il sistema logistico-portuale in crisi e lo svantaggiosissimo processo di riconversione a gas di TVN, di fatto...

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_column_text]Comunicato sullo sgombero di Primavalle Negli ultimi mesi diversi militanti e attivisti sono stati umanamente e politicamente a fianco delle persone che fino ad oggi abitavano nell'ex scuola Don Calabria di Via Cardinal Capranica a Primavalle. Per questo, vogliamo prima di tutto mandare loro un messaggio di vicinanza e solidarietà, oltre che di ammirazione per la dignità, la determinazione e la capacità di resistenza che hanno dimostrato. Saremo con voi nei prossimi giorni e non vi lasceremo mai da soli, siete la nostra gente, le persone con cui ogni giorno coltiviamo la voglia di...

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_column_text]La riunione tenutasi lunedì tra sindacati, comune, associazioni datoriali e Regione Lazio, seppure ancora lontana dal risolvere la situazione, indica secondo noi la giusta strada da percorrere per uscire dalla crisi in cui versa da mesi il comparto metalmeccanico cittadino e per cominciare, fin da ora, a lavorare per un modello di sviluppo alternativo che interessi tutta Civitavecchia. Riteniamo infatti che l'annunciata ed attesa uscita dal carbone di TVN non possa ricadere sulle spalle dei lavoratori (siano essi metalmeccanici delle ditte appaltatrici o lavoratori elettrici dipendenti di Enel) ed è proprio per...

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_column_text] Alla vigilia dei prossimi e fondamentali incontri tra l'Enel, i ministeri interessati ed il neoeletto sindaco di Civitavecchia ci sembra importante intervenire rispetto all'annunciata riconversione della locale centrale TVN. Nei mesi scorsi, rispetto alla lotta contro le emissioni di gas serra nell'atmosfera e contro i cambiamenti climatici, la nostra analisi si è concentrata principalmente sulla questione del phase out del carbone con particolare attenzione alla gestione della grande centrale TVN di Civitavecchia. Infatti, nonostante il Piano Strategico 2019-2021 presentato da Enel nel novembre 2018, ponesse al centro della sua policy ingenti investimenti per lo sviluppo...

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_column_text] Apprendiamo da fonti sindacali che la Armeni  WPA, azienda che opera da anni sul nostro territorio, ha avviato in queste ore le procedure di licenziamento per 8 lavoratori metalmeccanici. Di fronte a questo ennesimo schiaffo ai diritti e alla dignità di altri lavoratori e nostri concittadini, non possiamo più rimanere in silenzio. Sapevamo che l'inaccettabile annullamento di alcuni appalti a TVN voluto da Enel in questi mesi, oltre ad incidere sulla sicurezza dell'impianto,  avrebbe acuito la crisi che da anni attanaglia l'indotto delle centrali, ma riteniamo comunque inaccettabile la decisione di far ricadere...

X