LazioNewsRegioniTavoli tematiciTavolo sanitàTerritori

[LAZIO] Andrà tutto bene se la salute di tutti non sarà più il business di pochi

Oggi Potere al Popolo ha manifestato davanti al San Raffaele di Rocca di Papa e alla RSA Covid di Albano, ai Castelli Romani.
Le vicende dei contagi e delle morti per Covid  legate alle RSA hanno mostrato, in Lombardia come nel Lazio e significativamente nel territorio dei Castelli Romani, che la sanità privata convenzionata non garantisce la tutela della salute pubblica, soprattutto tra le fasce di popolazione più deboli. La gestione sanitaria organizzata sui presidi ospedalieri con l’azzeramento della medicina territoriale e il ricorso al privato convenzionato per la gestione di una cospicua fetta di servizi sanitari è stata la rappresentazione plastica del fallimento della gestione aziendalistica del servizio sanitario, modello perseguito anche nel Lazio da tutti i governi che si sono succeduti negli ultimi 10 anni. La naturale conseguenza della gestione con logiche di profitto di un servizio essenziale è che oltre a non garantirne l’efficacia, non si garantiscono nemmeno i posti di lavoro. E così, dopo aver messo a repentaglio la salute dei lavoratori, oggi il San Raffaele di Rocca di Papa utilizza lo spauracchio del licenziamento di 160 lavoratori come arma di ricatto contro la ventilata ipotesi di revoca dell’accreditamento. Tutto ciò mentre a pochi chilometri, in un’altra struttura della stessa proprietà Angelucci (San Raffaele Pisana) si registra un nuovo focolaio che sta mettendo a rischio sanitario la regione.
Tra una proprietà spregiudicata che ha agito senza tenere conto della salute degli utenti e dei lavoratori, che ha messo a repentaglio la salute di un intero territorio, che utilizza i licenziamenti come arma di ricatto, e una gestione politica che negli anni ha favorito gli “amici degli amici” e che ha elargito convenzioni drenando soldi pubblici senza occuparsi del controllo sulla gestione delle strutture del privato convenzionato,  pensiamo che gli unici a non dover ulteriormente pagare per questo fallimento sono proprio gli utenti e i lavoratori.
Riteniamo necessaria la immediata requisizione delle strutture del San Raffaele, la ripubblicizzazione del servizio, il mantenimento delle RSA pubbliche di Albano e Genzano, la tutela di tutti i lavoratori impiegati con la presa in carico diretta da parte della regione
Se c’è una cosa che questa pandemia ha mostrato è che la nostra salute non può essere fonte di profitto di pochi; una sanità pubblica, laica, centralizzata, articolata territorialmente è l’unico modello che ci potrà mettere al riparo dalle pandemie e dalla mercificazione delle nostre vite.
Related posts
PiemonteRegioniTerritori

[TORINO]No al Parco della Salute! Banchetto informativo al Balon

News

Solidarietà a Francesca: medico d'urgenza sospeso per aver detto la verità!

NewsPugliaRegioniTerritori

TARANTO OLTRE IL RICATTO OCCUPAZIONALE, VERSO UNA RICONVERSIONE ECOLOGICA: 4 TERMINI CHIAVE DELLE NOSTRA POSIZIONE

CampaniaNewsRegioniTerritori

La Campania è il futuro! - Programma Regionali 2020

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X