LazioNewsRegioniTerritori

[ROMA] GRAVE ATTACCO AL DIRITTO DI SCIOPERO CONTRO I LAVORATORI E LE LAVORATRICI AEC!

Vi abbiamo raccontato, in questi due anni, le terribili condizioni di precarietà degli operatori e delle operatrici sociali che si occupano di assistenza ai bambini con disabilità nelle scuole di Roma.

La battaglia per internalizzare questo servizio è finalmente arrivata alle battute conclusive: dopo la raccolta di 12.000 firme, e il voto favorevole di 6 municipi alla delibera di iniziativa popolare, il 16 ottobre ci sarà la votazione del consiglio comunale per riportare questo servizio in una azienda pubblica.

In concomitanza con il voto è stato proclamato uno sciopero degli AEC, per permettere a tutti e tutte di assistere al voto che potrebbe segnare una svolta storica per le vite di migliaia di operatori e operatrici.

L’autorità garante degli scioperi tuttavia, adducendo motivazioni capziose volte a tutelare il sistema marcio delle cooperative che portano precarietà e sfruttamento, ha deciso di sanzionare lo sciopero. E’ chiara la volontà di impedire ai lavoratori e alle lavoratrici di scioperare per il proprio futuro, per la propria dignità.

Condanniamo duramente questo atto antidemocratico, che dimostra ancora una volta quanto siano estremiste e violente le politiche antipopolari nel nostro Paese.

I lavoratori e le lavoratrici AEC hanno deciso di non demordere e confermano la piazza del Campidoglio.

Invitiamo tutti e tutte a sostenere questa battaglia per la giustizia sociale e contro questi provvedimenti antidemocratici!

Related posts
LazioNewsRegioniTerritori

No alla svendita delle case popolari Ater a Roma!

CampaniaComunicati StampaRegionitavolo lavoro

[CAMPANIA] STATI GENERALI DEL TURISMO?

Comunicati StampaIn evidenzaNewstavolo lavoroTavolo scuola universita ricerca

Sciopero dell’8 Marzo: il Garante vuole fermare la lotta delle donne!

LazioNewsRegioniTavolo MutualismoTerritori

[Roma] Sgomberata l'Ex lavanderia al Santa Maria della Pietà: ennesimo attacco a chi promuove attività dove mancano le istituzioni

Lascia un commento

X