Emilia RomagnaNews

Scuola, lavoro, cooperative: il precariato dell’Emilia-Romagna

La terra dell’educazione, così viene chiamata l’Emilia Romagna, e infinite parole ed eventi vengono usate e imbastiti dai vari comuni per dare peso a questa affermazione, perché alla fine tutti dobbiamo crederci.
Invece no, in questi anni a ben vedere vi è stata una netta divisione: tra la vetrina del “tutto va bene” e il retrobottega, dove gli educatori, e non solo, vivono, lavorano, faticano quotidianamente e vivono sulla pelle la reale condizione dei bandi comunali, delle cooperative, del contratto Nazionale e della precarietà.
Se nessuno degli altri partiti candidati in queste regionali vuole mettere mano al retrobottega, noi di potere al popolo invece intendiamo partire proprio da qui per creare un nuovo modello di educazione dove gli educatori siano veramente gli attori principali di questo nuovo processo.
Per iniziare questo percorso ci troviamo ai Chiostri della Ghiara il 21 Gennaio dalle ore 20:00 (aperitivo, segue incontro), con la partecipazione di Marta Collot – candidata presidente ER e Giorgio Cremaschi, portavoce nazionale di Potere al Popolo.

Interverranno:
Silvio Rosati – ADL Cobas Emilia Romagna
Danilo Miccoli – Eduki – Collettivo educatrici educatori Reggio Emilia
Andrea Bui – Potere al Popolo Parma

Post simili
CampaniaNewsRegionitavolo lavoroTerritori

[NAPOLI] DL Rilancio, lavoro nero e fase X

In evidenzaNewsTavoli tematiciTavolo scuola universita ricerca

La scuola si-cura non si chiude!

LiguriaNewsRegioniTerritori

[GENOVA] UN SOLO VERO MODELLO: REDDITO, LAVORO E WELFARE PER TUTTI

In evidenzaPrincipaletavolo lavoro

Lavorare meno, tutti, meglio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X