#ALMENO10 CAMPAGNA PER IL SALARIO MINIMO

News

EMILIO SCALZO TORNA FINALMENTE NELLA SUA VALLE!

emilio libero subito

EMILIO E’ FINALMENTE TORNATO NELLA SUA VALLE!

Libero dopo lunghi mesi, prima incarcerato poi costretto a rimanere in Francia.
Libero, ma con un processo da affrontare, perchè incapace di rimanere indifferente ai soprusi e alla sofferenza altrui. Continueremo a tenere alta l’attenzione sulla sua vicenda giudiziaria.
Continueremo a denunciare l’ingiustizia e l’ipocrisia di un sistema che usa due pesi e due misure, che si erge a baluardo di civiltà mentre è violento nel reprimere, che propaganda il dovere sacrosanto dell’accoglienza ma con insopportabili differenze. Continueremo a stare al fianco di chi si batte per terra e ambiente e lotta contro la devastazione del territorio per il profitto di pochi.
Su quei sentieri c’eravamo tutt*, com’è rimasto scritto sul muro della vecchia dogana a Claviere e la gioia di Emilio, libero e circondato dall’affetto di famiglia e compagni, è anche la nostra


IL BELLISSIMO ARTICOLO DI NICOLETTA DOSIO

Claviere., 20 marzo 2022

Sui terreni che d’inverno diventano piste da sci e d’estate campi da golf grava una nebbia spessa, pesante d’umidità, che s’insinua nei vicoli e sommerge la via principale, tra alberghi sbarrati e vetrine spente.
Un paese come dimenticato in mezzo alle montagne, sul quale scende la sera uggiosa, senza luci, ad eccezione dell’addobbo natalizio che ancora ingombra i rami di un abete solitario, in un posteggio deserto.

Ma, a un passo dalla frontiera, davanti alla vecchia dogana, la scena si anima. Un gruppetto di umani e cani, una piccola cassa che spara canzoni di lotta, striscioni srotolati ai bordi della strada: è il comitato di accoglienza per Emilio che torna dopo mesi di arresti in Francia perché colpevole di solidarietà concreta verso donne e uomini in fuga dalla fame e dalle guerre che devastano il mondo. C’è allegria e il freddo sembra meno intenso per chi si sente più che mai vivo e dalla parte giusta.
Ed ecco l’auto che sbuca solitaria dall’ultima curva, rallenta , si ferma davanti alla gioiosa barriera dello striscione portato in mezzo alla strada; ecco Emilio, un po’ smagrito ma sorridente e abbronzato dai lavori campestri di Provenza…e sono abbracci, battute, qualche lacrima… poi festa tra i bagliori colorati dei fumogeni a rendere più surreale la scena. La provvidenza materna di Marinella ha preparato panini, taralli, e c’è la colomba di una Pasqua tardiva, ma capace di volare in alto, libera, messaggera di un mondo senza frontiere e ingiustizie.
Mentre si alzano i brindisi, vediamo sbucare dal paese i lampeggianti blu: un’auto dei carabinieri, poi un’altra e infine l’immancabile digos. Rallentano, si fermano e poi ripartono; giri su giri con l’occhio fisso delle telecamere puntate dai finestrini a riprendere il nuovo episodio del lungo film che, anche attraverso la narrazione nemica, racconta la storia di una collettività fraterna, libera e felice, sì, felice nonostante tutto.
Ma ormai è giunto il momento di ripartire, di riaccompagnare Emilio a casa, al primo saluto corale della Valle che lo aspetta in Credenza.
Si arrotolano gli striscioni, si compone una festosa carovana di auto, si parte sotto l’occhio inquisitore di in potere incapace di capire che è impossibile ridurre all’obbedienza chi non vuole comandare.
Sui muri della vecchia dogana resta una scritta: SU QUEI SENTIERI C’ERAVAMO TUTT*

Related posts
News

VALSUSA: IL PRIMO INCONTRO TRA AMMINISTRATORI E PARLAMENTARI NOTAV ITALIANI E FRANCESI!

News

EMILIO LIBERO SUBITO!

News

ANCHE DA CUBA, SOLIDARIETA' A NICOLETTA E AI NOTAV!

News

UN ANNO E UN MESE DI CARCERE PER NICOLETTA DOSIO. NOTAV LIBER*!

Lascia un commento

X