NewsRegioniTerritoriVeneto

[VERONA] SBOARINA E LA SUA GIUNTA DEVONO DIMETTERSI

Un disastro di proporzioni inaudite il nubifragio e la tromba d’aria di ieri: allagamenti, crolli, più di 500 alberi distrutti, il giardino Giusti devastato. Sindaco e giunta si difendono parlando di imprevedibilità ed eccezionalità del fenomeno e si auto-assolvono da qualsiasi responsabilità.

Ma quello successo ieri è stato il quarto evento simile in pochi mesi. Tutte le volte ad essere colpita è stata la parte est della città: Veronetta, Borgo Venezia, via XX Settembre, San Nazaro, lungadige porta Vittoria. Oltre ai portoni Borsari di cui proprio il sindaco aveva vantato i lavori e la messa in sicurezza salvo essere impietosamente smentito dai fatti. Ieri però i danni sono stati ovunque: ma in questi mesi l’amministrazione che cosa ha fatto? Assolutamente nulla.

L’attività di ordinaria amministrazione e di ripulitura del sistema fognario è stata poca e malfatta, la cura per il verde pubblico inesistente, l’allarme per i cambiamenti climatici addirittura ridicolizzato e contrastato. A novembre dello scorso anno il deputato e consigliere comunale della Lega Comencini organizzava il convegno dai toni negazionisti “cambiamenti climatici e informazione scientifica”, all’hotel Due Torri, con il patrocinio di Serit. Ma se “prevenzione” per questo tipo di fenomeni è una parola sconosciuta, “sicurezza” viene invece usata a getto continuo.

Un passo avanti si potrà fare quando “sicurezza” vorrà dire cura e manutenzione del territorio, corretta gestione idro geologica, stop al consumo di suolo, alla grandi opere, alle opere inutili per i cittadini.

Ma la situazione della città è grave anche per le condizioni delle aziende partecipate. Agsm è senza presidente dopo lo scontro sul mancato allargamento alla multiutility lombarda A2A; Amia è investita da uno scandalo e ha un ex presidente ai domiciliari; Acqueveronesi certo non ha brillato per efficienza nella gestione del sistema fognario. Aggiungiamoci anche Atv, senza un piano per i trasporti in linea con le norme anti Covid, che a pochi giorni dalla riapertura delle scuole parla di “bus a capienza completa” quando non ha fatto ancora ripartire il servizio serale.

Crisi ambientale e pandemia fanno venire al pettine i tanti nodi e i tanti problemi di una città che sembra senza guida e senza direzione. Le politiche securitarie sono l’esatto contrario della sicurezza, grandi opere e consumo di suolo le premesse per nuovi disastri su un territorio già abbondantemente disastrato. Verona non può continuare ad essere governata dall’incuria e dall’abbandono: Sboarina e la sua giunta devono dimettersi!

Related posts
Comunicati StampaNewsPrincipaleTavolo Ambiente, territorio, modello di sviluppo

Rincari? No, grazie, abbiamo già dato!

Tavoli tematiciTavolo Ambiente, territorio, modello di sviluppo

NO FORESTE NO PARTY

NewsTavoli tematiciTavolo Ambiente, territorio, modello di sviluppo

SCIOPERO GLOBALE PER IL CLIMA! IL 19 MARZO SAREMO DALLA PARTE DEI FRIDAYS

Tavoli tematiciTavolo Ambiente, territorio, modello di sviluppo

STIAMO SEGANDO IL RAMO SU CUI SIAMO SEDUTI

Lascia un commento

X