CampaniaNewsRegioniTerritori

[SALERNO] I RISULTATI DEL CONTROLLO POPOLARE SUL BUONO SPESA PER L’INTERA PROVINCIA

LINEE GUIDA CONFUSE, TROPPI ESCLUSI, FONDI SCARSI

SCARICA E LEGGI QUI IL REPORT INTEGRALE

In questi giorni, come attivisti e attiviste di Potere al Popolo Salerno e Provincia, abbiamo svolto un lavoro di Controllo Popolare rispetto ai fondi stanziati attraverso l’Ordinanza del Dipartimento della Protezione Civile n° 658 del 29 marzo 2020 e ripartiti tra i Comuni per l’assegnazione di Buoni Spesa alle persone in difficoltà economica a causa dell’emergenza Coronavirus.
Dalla lettura e dallo studio delle Delibere e della documentazione prodotta dai 158 Comuni della Provincia di Salerno sono emerse tutte le difficoltà degli Enti di Prossimità che, sulla base di generiche linee guida, sono stati abbandonati a loro stessi in un momento di emergenza e ciò ha portato all’emanazione di Delibere e provvedimenti che sono risultati escludenti per larga parte della popolazione.

Solo per fare qualche esempio:

  •  148 comuni (il 93,7%) hanno preso in considerazione la percezione di altri sussidi pubblici al momento della richiesta per l’accesso ai buoni spesa e di questi 148 Comuni, poco più di un terzo (56) hanno escluso dalla misura chi riceve un’ altra forma di sussidio pubblico, A PRESCINDERE da quale sia l’importo e nonostante si parli di entrate che costringono le famiglie al di sotto della soglia della povertà.
  • Inoltre abbiamo rilevato che 105 comuni (il 66,5%) non hanno specificato se l’accesso al Buono Spesa implichi anche la possibilità di acquistare prodotti per l’igiene personale e 95 Comuni (il 60,1%) se è possibile acquistare i farmaci
  • Ma cosa ancor più grave 28 Comuni (il 17,7%) hanno ESPLICITAMENTE ESCLUSO tale possibilità per l’acquisto di farmaci e 18 Comuni (l’11,4%) per l’acquisto di prodotti per l’igiene personale.

Ciò che emerge chiaramente dall’analisi effettuata è che la misura pensata dal Governo non risponde affatto alle esigenze della popolazione perché, inoltre, esclude alcune fasce che versavano già prima dell’emergenza Coronavirus in condizioni di povertà assoluta e relativa: basti pensare ai senzatetto delle nostre città e ai richiedenti asilo che vengono esclusi dal criterio della residenzialità e ai tanti che, nonostante redditi inferiori alla soglia di povertà (da 552,39 a 819,13 euro – dati Inps 2019), non possono accedere ai Buoni Spesa.

Crediamo che il Governo debba portare avanti delle misure che facciano respirare il popolo che lavora, gli artigiani, i piccoli commercianti, i collaboratori domestici, le precarie e i precari, chi lavora a nero, alcune forme di lavoro autonomo e le piccole partite Iva, gli ultimi della società insomma.

Continueremo come Potere al Popolo a rivendicare un Reddito di Emergenza per tutte e tutti perché vogliamo che nessuno venga lasciato indietro!

Post simili
NewsRegioniTerritoriToscana

Un anno di PaP nel consiglio comunale di Castelnuovo Berardenga

CampaniaNewsRegioniTerritori

Che cosa ha fatto la Casa del Popolo "Cohiba" durante il Lockdown?

NewsSiciliaTerritori

Non pagheremo noi questa crisi!

NewsRegioniSiciliaTerritori

BILANCI E PROPOSTE A CATANIA: L'EPIDEMIA SOCIALE AVANZA, FATE PRESTO!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X