NewsRegioniTavolo Ambiente, territorio, modello di sviluppoTerritoriToscana

LIVORNO NON E’ LA PATTUMIERA DI FIRENZE!

Queste foto non sono state scattate nella Piana. Non a Sesto, Calenzano o Campi. Sono le foto della manifestazione, organizzata dai comitati, che si è tenuta sabato davanti alla raffineria Eni di Stagno (Livorno), contraria alla costruzione di una “bioraffineria” – leggi inceneritore – Eni a Livorno.
Sì, perchè l’impianto Waste to Methanol​, truffaldinamente chiamato “bioraffineria”,​ ​ quello che Giani vorrebbe difendere con i “carriarmati” e che Rossi e la Regione Toscana sponsorizzano quale impianto per produrre “carburanti” dai rifiuti esportati dalla provincia di Firenze, E’ UN INCENERITORE!
L’incenerimento non è una soluzone, MA UN AFFARE. Con i nostri soldi vorrebbero pagare le imprese disposte a “farsene carico”. L’incenerimento diviene così un incentivo a produrre più rifiuti, perchè si mette il profitto davanti alla salute e alla necessità impellente di ridurre i consumi e la produzione di scarti. Il nuovo inceneritore di Livorno, venduto come un impianto di “riciclo chimico” volto a “produrre carburanti dagli scarti” in realtà attiverebbe un processo dissipativo di materiali ancora recuperabili e risorse naturali , a partire dalla più preziosa, l’acqua. E’ un progetto a tutt’oggi basato SU UNA TECNOLOGIA NON PROVATA.
Pur di far salire i dividendi di Eni, Giani, Rossi e il loro partito sono disposti a utilizzare i cittadini come delle cavie.

Per questo in tanti cittadini e comitati della Piana siamo andati a Livorno a manifestare. Non ci siamo opposti/e all’inceneritore di Case Passerini perchè ci fa schifo respirare diossine sotto casa nostra. Noi non vogliamo dioissine da nessuna parte, né a Firenze, né a Livorno.

Le alternative all’incenerimento ci sono:

  • una strategia efficace di riduzione dei rifiuti e di massimizzazione della quantità e qualità dei materiali avviati a riciclo. Serve un piano “rifiuti zero” (qui la strategia spiegata in breve da Ercolini )
  • una uscita dalla strategia dell’incenerimento​ ​ e delle discariche (strategia​ integrata), con la previsione di chiusura degli impianti ancora attivi e l’abbandono della programmazione di nuovi impianti come quello ipotizzato da ENI a Stagno e quello di Baciacavallo (Po).​
  • L’implementazione anche a Firenze di ALTERNATIVE che stanno dando buoni risultati nei comuni della Piana che le hanno avviate come Calenzano, Campi e Sesto.
    Sono proprio i RISULTATI POSITIVI DELLE RACCOLTE DIFFERENZIATE di questi comuni a dire che CAMBIARE SI PUO’!
  • La fine del ricatto ambiente – lavoro. La raccolta differenziata, il riciclo e il riuso degli scarti, le economie circolari producono tanto lavoro buono, contro il poco lavoro inquinante prodotto dagli inceneritori e dalle discariche, al servizio di pochi inquinatori.

Come Potere al Popolo! c’eravamo, ci siamo e ci saremo, facendo nostre le rivendicazioni dei comitati della piana e di Livorno. Sono rivendicazioni che porteremo nella campagna elettorale per le prossime regionali, a sostegno della lista Toscana a sinistra, rompendo il falso dualismo centrosinistra – centrodestra, entrambi schiaramenti al servizio delle lobby estrattiviste.

Non vogliamo inceneritori, né qui, né altrove.

Post simili
NewsTerritoriToscana

[Livorno] Vergognosa manifestazione renziana a favore dell'inceneritore ENI

NewsRegioniTerritoriToscana

CARO NARDELLA, CARO GIANASSI, DI FRONTE ALLA CRISI SOCIALE LA GIUNTA NON PUO’ LAVARSENE LE MANI!

NewsTerritori

45000 EURO DI MULTA AGLI ANTIFASCISTI. SOSTENIAMO LA RACCOLTA FONDI!

NewsRegioniTerritoriToscana

[LIVORNO] IL PD BOCCIA IL NOSTRO ATTO COMUNALE A SOSTEGNO DI AFFITTO, BUONI SPESA E PACCHI ALIMENTARI

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X