Stay Social

Seguici su:

Fermiamo le esercitazioni militari in Sardegna: anche Potere al Popolo scende in piazza il 12 ottobre!

Fermiamo le esercitazioni militari in Sardegna: anche Potere al Popolo scende in piazza il 12 ottobre!

Evento Facebook del corteo!

Potere al Popolo! – Sardegna è tra le più di 40 realtà , tra associazioni, movimenti e partiti politici, che hanno rivolto un appello alla mobilitazione contro l’asservimento del nostro territorio all’industria bellica in tutte le sue manifestazioni.

Siamo stufe e stufi del continuo ricatto fra la nostra dignità di esseri umani, che per noi comprende anche quella di salvaguardare il nostro territorio e la nostra salute, e il lavoro. Un ricatto che non è solo meschino, ma anche basato su premesse totalmente false. I poligoni militari hanno di fatto impedito lo sviluppo locale, impoverendo le nostre comunità sia dal punto di vista dello sfruttamento del territorio, sia dal punto di vista sociale. A fronte di poche e magrissime buste paga e di qualche caffè consumato episodicamente nei bar dei paesi coinvolti, infatti, le comunità interessate hanno visto le loro popolazioni ridursi a causa dell’emigrazione e, non ultima, a causa dell’altissima mortalità per tumori che solo la malafede può non imputare alle allarmanti concentrazioni di elementi quali il torio e l’uranio impoverito. In zone come quelle intorno a Quirra, sede del poligono interforze dove, oltre agli eserciti di tutto il mondo, le industrie belliche vengono a sperimentare gli effetti dei loro strumenti di distruzione, ci sono percentuali di morte per tumori legati a questi metalli assolutamente sproporzionate rispetto alla casistica generale, così come sproporzionato è il numero di malformazioni dei bambini che hanno la sfortuna di nascere in queste aree compromesse.

La nostra terra è sproporzionatamente gravata da queste servitù e dai loro effetti nefasti. Basti pensare che se in Italia esplodessero solo 10 bombe all’anno 8 lo farebbero in Sardegna, ugualmente se i territori gravati da servitù militari equivalessero a soli 10 kilometri quadri, 6 di questi sarebbero sull’Isola.

Noi però non vogliamo che le basi in Sardegna siano chiuse per essere aperte altrove, vogliamo togliere il terreno da sotto i piedi all’industria bellica per essere finalmente strumento di pace per noi e per il mondo intero.

Nessuno deve fare profitto con le morti delle popolazioni civili nostre sorelle, in Yemen, a Gaza o in Siria del Nord!

Le richieste di chi sarà domani in piazza sono molto semplici:

1) L’immediata sospensione delle esercitazioni al fine di consentire un’operazione di ricognizione dei danni procurati dalle esercitazioni;
2) La bonifica dei territori interessati dai poligoni, e il risarcimento per i danni provocati;
3) La restituzione dei territori al controllo di chi li abita.
Ognuna di queste fasi dovrà essere svolta sotto controllo popolare, con il continuo coinvolgimento reale, non di facciata, delle popolazioni coinvolte.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X