News

È arrivato il vaccino, siamo salvi! o no? Fondi pubblici, profitti privati e distribuzione ineguale, quali alternative?

È arrivato il vaccino, siamo salvi! o no?
Fondi pubblici, profitti privati e distribuzione ineguale, quali alternative?

Dopo un 2020 catastrofico su tanti aspetti, dalla difficoltà a coltivare le nostre relazioni sociali al lavoro, non vediamo l’ora di voltare pagina. Gran parte delle nostre speranze sono rivolte all’arrivo del vaccino. Ci pensiamo ogni giorno, anche quando vorremmo abbracciare i nostri cari, o semplicemente andare a trovarli senza dover tremare al ricordo di quella corsa in autobus senza aver igienizzato le mani. Ne parlano tutte i mezzi di informazione, per lo più con toni entusiastici, ma ogni tanto lasciando emergere i tanti lati oscuri e le irrazionalità: sarà efficace? Ci renderà immuni e non più contagiosi? La prospettiva di enormi profitti per le grandi compagnie farmaceutiche avrà minato l’efficienza della fase sperimentale? Quanto ci costerà, oltre tutti i finanziamenti pubblici regalati per la sua creazione? Quando finirà questo incubo se per i 3/4 del mondo il vaccino arriverà solo a fine anno a causa dei brevetti che ne limitano la produzione?
Sono tantissime le cose che ancora non sono chiare. Tuttavia è chiaro che le cose potrebbero andare in maniera diversa.
Crediamo che nell’ambito di una pandemia globale in cui tenere il conto delle vite perse – siamo alla soglia dei 2 milioni di morti nel mondo – fa rabbrividire, sia inconcepibile che l’accesso al vaccino sia limitato dai brevetti di vaccini prodotti con finanziamenti pubblici.
Ci deve essere un’alternativa all’assenza di trasparenza sui contratti tra le istituzioni (nel nostro caso la Commissione Europea) e le compagnie farmaceutiche private, alla loro necessità di profitto e ai limiti imposti dai brevetti alla produzione e distribuzione del vaccino.
Su questa idea, che parte dall’assunto che la salute deve esser parte di quei diritti inalienabili delle nostre comunità, alcune organizzazioni a livello europeo si sono organizzate in campagne per contrastare il dominio delle grandi case farmaceutiche sulle nostre istituzioni.
Ci sono anche esempi concreti di un’altra via. Cuba ci dimostra come una piccolissima isola nel mezzo dell’Atlantico, con solo 11 milioni di abitanti e un embargo che dura da quasi 60 anni, possa far a meno delle grandi big pharma e si organizzi per produrre un vaccino completamente pubblico e gratuito.
Parleremo di questo e tanto altro in questo webinar con due ospiti eccezionali:
  • Fabrizio Chiodo, immunologo e professore di chimica all’Avana, da poco rientrato al Cnr di Pozzuoli. Fabrizio è l’unico Italiano nel team statale cubano che lavora alla ricerca dei vaccini contro il COVID-19, il Soberana.
  • Marc Botenga, europarlamentare e membro del Partito del lavoro belga. Marc è il coordinatore della campagna europea Right2cure, collegata all’iniziativa dei cittadini europei NoprofitonPandemic. La campagna si pone l’obiettivo di contrastare il controllo sulla salute pubblica da parte delle multinazionali farmaceutiche imponendo la rimozione dei brevetti sui vaccini, aumentando la trasparenza e agevolando in questo modo la loro produzione in tutto il mondo.
E con i nostri portavoce Viola Carofalo e Giorgio Cremaschi
Related posts
Tavoli tematicitavolo lavoro

SICUREZZA SUL LAVORO PER I RIDERS!

EsteroNews

Dobbiamo dire “grazie” al capitalismo per il vaccino?

RegioniTerritoriToscana

LIVORNO: IN PIAZZA PER BLOCCARE GLI SFRATTI

RegioniTerritoriVeneto

Zaia, il virus e la pesca a strascico. La gestione fallimentare della pandemia in Veneto

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X