CampaniaNewsRegioniTerritori

De Luca lascia le scuole chiuse. Campania vergogna europea

È finito come si poteva immaginare l’incontro per valutare la riapertura delle scuole primarie. A 11 giorni dall’ordinanza di chiusura si fa sempre più concreto il rischio che non riaprano più, senza che De Luca sia riuscito a dimostrarne gli effetti positivi sulla curva dei contagi.

Secondo Giorgio Parisi, fisico e presidente dell’Accademia dei Lincei, sono al massimo una decina i giorni necessari per vedere gli effetti di un provvedimento. Ne sono passati 11 e la curva di crescita dei nuovi positivi in Campania è rimasta stabile, anzi il ritmo con cui si impenna è aumentato, esattamente come sta avvenendo nel resto del Paese, dove le scuole del primo ciclo d’istruzione sono rimaste aperte. La chiusura non è servita a niente, anzi è dannosa proprio per la diffusione del virus.

Il presidente De Luca snocciolava ieri i dati più recenti relativi agli accessi ai pronto soccorso pediatrico di pazienti positivi al Covid: con le scuole chiuse, dove si sono contagiati? I più piccoli in casa, secondo i medici del Santobono (con sintomi per fortuna lievi); i più grandi in giro, incontrollati, a differenza di quanto avveniva a scuola, l’unico luogo in cui – lo dice sempre Parisi – è possibile tenere un controllo appena più rigoroso dei contatti. Insomma, chiudendo le scuole De Luca non solo ha fatto un danno enorme a bambini, ragazzi, famiglie, disabili (insultati dai progetti di “isolamento scolastico in presenza” che sono dei veri e propri progetti di esclusione); ha preso anche una decisione pericolosa, l’ennesima, proprio rispetto all’epidemia.

Nei quartieri popolari della nostra Regione tutti noi vediamo bambini e ragazzini passare il tempo in strada o in lugubri circoli e sale gioco: scene che fanno piangere e che riportano la Regione a pagine buie e forse mai del tutto abbandonate, quelle che parlano di un disagio minorile e di un abbandono scolastico senza pari in Europa.

Non staremo a ricordare, a proposito di Europa, che paesi con un numero molto più elevato di nuovi positivi – la Francia – non hanno mai perso un giorno di scuola; saremmo stati pronti anche ad accettare provvedimenti mirati, complessi, articolati, con una durata temporale certa, se fosse stato utile per ridurre i contagi e allentare la pressione sulla sanità pubblica.

Niente di tutto questo è vero: restiamo tra le prime regioni per nuovi positivi, l’unica in Europa con le scuole chiuse, i bambini abbandonati davanti agli schermi (con una frequenza in forte calo specialmente nei contesti cosiddetti “a rischio”), e un quadro epidemiologico in netto peggioramento. Peggio di così non poteva essere.

Stendiamo un velo pietoso su quei sindacati che hanno applaudito alla chiusura, seguendo logiche di piccolissimo cabotaggio e mostrando di aver del tutto abbandonato ogni idea di che cosa debba essere il mondo dell’istruzione.

Noi non ci arrendiamo, e saremo in piazza oggi e ad ogni prossima occasione, per ricordare a De Luca e ai suoi che stanno uccidendo il futuro di questa terra.

Related posts
Comunicati StampaIn evidenzaNewstavolo lavoroTavolo scuola universita ricerca

Sciopero dell’8 Marzo: il Garante vuole fermare la lotta delle donne!

PiemonteRegioniTerritori

Hanno multato la Befana. Una piccola riflessione sulla socialità al tempo del Covid da parte della Casa del Popolo Estella

LazioRegioniTerritori

Riapertura scuole: per Atac serve un piano di rilancio pubblico, basta affidare linee ai privati

NewsTavolo scuola universita ricerca

Scuola: il fallimento del Governo, le nostre rivendicazioni

Lascia un commento

X