NewsRegioniTerritoriToscana

COSTRUIAMO UN DOMANI SENZA AMIANTO: PaP ADERISCE ALLA MANIFESTAZIONE DI “NO VALDERA AVVELENATA”

no valdera avvelenata

POTERE AL POPOLO! TOSCANA aderisce alla manifestazione indetta per sabato 4 marzo a Pontedera da organizzazioni politiche, sindacali e ambientaliste nonché comitati e singoli cittadini riuniti sotto il nome “Valdera Avvelenata”.

La scelta di scendere in piazza nel principale comune della Valdera è indicativa di quanto questo territorio da anni stia subendo un attacco continuo al patrimonio ambientale e alla salute dei suoi cittadini. Un territorio che al pari di altri in tutta la Toscana, dalla Valdelsa alla Versilia fino alla provincia di Arezzo, ha subito uno dei più grandi scandali toscani degli ultimi anni: lo sversamento di migliaia e migliaia di tonnellate di rifiuti conciari sotto forma di Keu. Anche se il Keu è solo il più noto degli sfregi compiuti ai nostri territori e alle nostre vite.

Terre avvelenate le nostre, dai rifiuti pericolosi e dalle discariche, dal cemento delle basi militari e dai grandi impianti di trattamento. Una devastazione che non può essere semplicemente derubricata a falla in un sistema che funziona, ma che è il prodotto diretto di questo sistema dove gli interessi privati vanno a braccetto con le decisioni pubbliche e dove la malavita non è che un facilitatore dei processi.

Un sistema marcio proprio perché alla sua base ha la ricerca di profitto ad ogni costo. È la ricerca del profitto che muove capitali, modifica leggi, crea consenso politico, rende la vita nei nostri territori impossibile, impedendo la soluzione dei gravi problemi che ci sono in Valdera e nella Toscana tutta. La ricerca del profitto privato è considerato un motore giusto per lo sviluppo, per la creazione della ricchezza e come unica via per il futuro. In quest’ottica viene sostenuto, incentivato, protetto. Si fanno decreti ad hoc, si emettono sentenze favorevoli, si programmano investimenti pubblici, si cedono quote delle tasse, si privatizzano beni comuni: tutto per sostenere il profitto privato.

Questa è un’enorme falsità. Questo sistema basato sul profitto non tiene conto affatto delle nuove generazioni e sta creando la più grande catastrofe ecologica dell’umanità, proprio a causa dell’aumento delle emissioni e del consumo di combustibili fossili. Tale sistema non tiene conto dei territori nei quali viviamo, specie quelli meno centrali e urbanizzati, i quali vengono trattati come luoghi dove scaricare veleni, costruire inceneritori o piazzare discariche. Non si pone il problema della salute dei cittadini, tanto che non si ferma nemmeno davanti all’aumento dell’incidenza dei tumori nella popolazione. Tanto meno si preoccupa dei lavoratori, dal momento che sono sotto gli occhi di tutti i suoi effetti: disoccupazione, salari da fame, contratti capestro nei servizi e condizioni insostenibili in agricoltura.

Il profitto non guarda in faccia le leggi, non rispetta la Costituzione e ha plasmato un sistema politico in grado solamente di tutelare solo i propri interessi. Prova ne sia il costante allontanamento di sempre più larghe fette della popolazione dalla partecipazione politica e anche la crescita dell’astensionismo. Il benessere e lo sviluppo che vengono promessi in realtà esistono esclusivamente per una piccolissima parte di persone, in barba alla maggioranza delle persone. Per questo lo striscione di apertura della manifestazione rappresenta il grido degli sfruttati, di chi abita territori soffocati dalle discariche, dai fanghi e dai pesticidi: “Avvelenati dal Profitto”.

L’unica possibilità di avere giustizia è la lotta, per cambiare lo stato di cose presenti, per affermare i diritti di chi abita i territori, per arginare gli attacchi all’ambiente e alla salute delle persone (amianto, geotermia industriale, inceneritori, gassificatori), per rialzare la testa e riprenderci quello che ci è stato tolto.

Related posts
NewsRegioniTerritoriToscana

[LIVORNO] VI RICORDATE L'APPELLO DEL SINDACO DI 5 ANNI FA CHE AL BALLOTTAGGIO INVITAVA I LIVORNESI ANTIFASCISTI A VOTARE PER LUI PER FERMARE ROMITI?

NewsRegioniTerritoriToscana

[LUCCA] POTERE AL POPOLO ADERISCE AL CORTEO DEL 9 FEBBRAIO ORE 16 - PIAZZALE VERDI

NewsPugliaRegioniTerritori

[LECCE] IN SALENTO IL CONSUMO DI SUOLO E' TARGATO PORSCHE E REGIONE PUGLIA

NewsRegioniTerritoriToscana

[PISA] LE "ITALICHE" LACRIME DI COCCODRILLO

Lascia un commento