News

25 APRILE: LIBERIAMOCI

Liberiamoci dal fascismo, dagli abusi di polizia, da chi mette i profitti davanti alle vite!

In questo 25 aprile di quarantena, di restrizioni, di enormi difficoltà sociali per milioni di persone, Potere al Popolo prenderà parola e iniziativa per riaffermare valori e princìpi che la narrazione dominante vorrebbe offuscare e stravolgere per imporre una visione di società che rigettiamo completamente.

In primo luogo l’antifascismo per noi non sarà mai una retorica da rendere innocua. C’è chi ci invita a cantare insieme l’inno del Piave e Bella Ciao per veicolare una melmosa unità nazionale che mette insieme interessi e prospettive antagoniste tra loro, per annullare ogni capacità critica di tenere ben separate due cose molto diverse. Il grande massacro della Prima Guerra Mondiale non ha nulla a che vedere con la lotta di Liberazione, non lo ha negli obiettivi come nelle forze che le hanno animate.

In secondo luogo questo 25 aprile avviene in un contesto di restrizioni forzate che hanno approfittato della pandemia per sperimentare forme di autoritarismo e lasciare spazio di discrezionalità ad abusi di potere verso le persone fermate fuori dalle loro case. Delle 340.000 denunce e sanzioni per violazioni delle restrizioni tra l’11 marzo e il 20 aprile ben poche sono verso aziende che non hanno rispettato le restrizioni, mentre la maggior parte sono state comminate verso singole persone per strada, additate come il nemico a portata di mano da dare in pasto alla paura e al risentimento di una società immobilizzata dalla quarantena.

Infine, e non certo per importanza, riaffermiamo anche in questo 25 aprile il nostro antagonismo a chi, come la Confindustria e la classe politica ad essa subalterna, hanno cercato ed agito ripetutamente per mettere al primo posto le ragioni del profitto privato rispetto alla salute e alla sicurezza dei lavoratori e dei loro familiari.

Lavoratrici e lavoratori sono stati e rischiano di essere ancora la carne da macello da gettare in questa guerra nelle fabbriche, negli ospedali, nei magazzini, esattamente come i soldati semplici mandati al macello nelle trincee.

Il 25 aprile celebreremo con ogni mezzo possibile la giornata della Resistenza e della Liberazione, senza fare sconti alla retorica dell’unità nazionale né a chi pensa che la vita delle persone siano sempre un accettabile costo da pagare in nome dei benefici da ottenere.

Sulla base di questi valori ci prepariamo alla prossima giornata di lotta del 1 Maggio nella quale gli obiettivi della giustizia sociale, dei diritti dei lavoratori, della lotta frontale alle disuguaglianze, della redistribuzione della ricchezza saranno al centro della mobilitazione internazionale, anche al tempo della pandemia globale.

Related posts
EsteroNews

[PARIGI] VERITA' E GIUSTIZIA PER GAYE CAMARA

NewsTerritori

45000 EURO DI MULTA AGLI ANTIFASCISTI. SOSTENIAMO LA RACCOLTA FONDI!

Estero

Francia. In piazza per Adama Traoré, contro il razzismo e le violenze della polizia

NewsTerritoriToscana

[LIVORNO] Tutti in piazza per George Floyd!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X