Toscana

[Siena] Con i lavoratori Mercatone Uno della Valdelsa

Ancora una volta, gli speculatori della distribuzione ottimizzano i loro traffici sulla pelle dei lavoratori. Con nessun rispetto per la professionalità degli addetti, che ha procurato lauti profitti all’azienda per anni, nonostante le ripetute ristrutturazioni, sempre a spese di chi lavora, la direzione aziendale intende chiudere il punto vendita di Colle, con vaghe promesse di ricollocare solo 21, dicui 6 part time, sui 50 attuali addetti.
Per gli altri licenziamento, c’è il jobs act, ce lo chiede l’Europa. Come al solito, tra “risorse finanziarie” e “risorse umane” (vale a dire famiglie di lavoratori) si privilegiano le prime, in nome del profitto aziendale, col comodo alibi legale della cessione di rami di azienda.
Chi rimane fuori avrà le elemosine del jobs act, Naspi, CIGS, e contentini vari. Chi resta dentro, i “fortunati”, godrà della “trasformazione da full time a part time dei rapporti di lavoro” con contratti di 20 e 24 ore settimanali, con “moduli contrattuali a blocchi di 4 ore”, e scelta dei lavoratori “a discrezione della Concessionaria”.
Come sempre, la condizione umana e la dignità dei lavoratori sono merce, e a prezzo di saldo.
Potere al Popolo – Siena solidarizza con la lotta dei lavoratori di Colle V.E., impegnandosi a sostenerne le iniziative per tutto quanto sarà necessario, e chiama tutti i cittadini alla solidarietà attiva con questa lotta.
Vediamo chi sta con chi lavora e chi con chi sfrutta!

Potere al Popolo – Siena

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X