EsteroNews

MOBILITIAMOCI A FIANCO DELLA PALESTINA! ECCO TUTTE LE PIAZZE.

“Tutti a dire della rabbia del fiume in piena e nessuno della violenza degli argini che lo costringono”. Parafrasiamo Brecht perché di fronte alle dichiarazioni di sostegno dei politici nostrani (da Fratelli d’Italia al PD, nessuna differenza) al governo israeliano per l’operazione lanciata oggi dalla resistenza palestinese, nessuno ha il coraggio di dire quello che tutti sanno e che viene costantemente riportato nei bollettini delle Nazioni Unite, nell’ultimo report di 280 pagine di Amnesty International sui crimini di guerra del governo e dell’apparato militare israeliano, nelle quotidiane testimonianze di centinaia di ONG internazionali presenti nel paese.

La pulizia etnica della popolazione palestinese non si è mai fermata e ha visto una ripresa se possibile ancora più violenta con l’ulteriore spostamento nell’estrema destra religiosa del governo Netanyahu, incapace di gestire la crisi interna e costantemente proiettato a mantenere, come tutti i governi israeliani, la paura per il nemico esterno, il palestinese, il terrorista, mentre anche in Israele le tensioni sociali e le disuguaglianze aumentano in misura mai vista prima.

Solo negli ultimi mesi possiamo enumerare numerose operazioni terroristiche israeliane nei confronti della popolazione palestinese: i massacri nei campi profughi di Jenin, le incursioni armate sulla spianata delle moschee e nel luogo sacro per eccellenza per gli arabi islamici (la moschea di Al-Aqsa), e il vero e proprio pogrom di due notti fa a Huwara. Morti e atti terroristici e coloniali che non fanno notizia perché a morire sono i palestinesi e ad attaccare sono gli occupanti israeliani.

Da più di 75 anni i palestinesi resistono alle espulsioni e alle omicidi di massa, alle operazioni militari contro il quarto esercito più armato al mondo, all’arresto e alla tortura di migliaia di detenuti politici, alle misure illegali di detenzione amministrativa (carcere senza processo, che ha colpito recentemente anche un nostro concittadino, Khaled el Qaisi) alla violazione del diritto al ritorno, alla demolizione illegale delle loro case (il villaggio di Al Araqib è stato distrutto recentemente per la 211 volta dalle forze israeliane), all’assedio illegale della striscia di gaza, la più grande prigione a cielo aperto del mondo, alle incursioni deliberate dell’esercito israeliano per colpire qualsiasi fronda di resistenza palestinese anche nei territori che dovrebbero essere sotto totale controllo palestinese secondo gli accordi di Oslo.

E il mondo “civile” tace. Cosa dovrebbero fare i palestinesi di fronte a tutto questo? Cosa fareste voi se tutto ciò accadesse alla vostra persona, ai vostri concittadini, alla vostra famiglia?

Condannare le azioni della resistenza palestinese, come fa la nostra classe politica, senza spendere una parola sulla violenza dell’occupazione illegale israeliana vuol dire contribuire ad aggravare un conflitto e un’occupazione coloniale che dura dal 1948. Il rispetto del diritto internazionale deve essere valido per tutti e non solo per l’Ucraina come ha di recente dichiarato anche Gustavo Petro, presidente della Colombia, all’assemblea generale delle Nazioni Unite citando proprio la questione palestinese e il doppio standard occidentale.

Solo ponendo fine all’occupazione coloniale della Palestina, solo rispettando il diritto all’autodeterminazione del popolo palestinese, sarà possibile avviare un duraturo processo di pace.

Ecco tutte le piazze:

  • ROMA: 13/10 h 15:30 Sapienza contro il raduno delle destre europee e h 18:00 in piazza della Repubblica
  • NAPOLI: 13/10 h 16:30 piazza Garibaldi
  • TORINO: sabato 14 dalle ore 15 in piazza Crispi
  • MILANO: sabato 14 dalle ore 15 in piazza Duca d’Aosta
  • BRESCIA: 14/10 h 18:00 in piazza Garibaldi
  • PARMA: sabato 14 ottobre alle 17, in piazzale della Pace
  • CAGLIARI: Sabato 14 Ottobre, ore 17 – Piazza Garibaldi
  • BARI: 14/10 h 16:00 piazza Cesare Battisti
  • PISA: 14/10 h 10:30 presidio sotto il comune
  • COSENZA: 14/10 h 17:00 piazza XI Settembre
  • VERONA: 15/10 h 15:30 in piazza Cittadella
  • SIENA: 15/10 h 15:00 piazza Tolomei
  • L’AQUILA – 18/10 h.19.00, Piazza Regina Margherita
  • PESCARA – 19/10 h. 17.30, Piazza Sacro Cuore
Related posts
EsteroNews

DALLA PARTE DI CUBA SOCIALISTA!

EsteroNews

LA SINISTRA (NON) RIPARTA DA BONELLI

EsteroNews

ILAN PAPPE': IL CROLLO DEL SIONISMO

EsteroNews

LA RESISTENZA NON SI ARRESTA! LA RESISTENZA NON SI PROCESSA! LIBERTA’ PER ANAN, ALI E MANSOUR

Lascia un commento