Comunicati StampaIn evidenzaNews

Mattarella non parla in nostro nome. No al golpe in Venezuela!

L’Italia è per ora l’unico paese dell’Unione Europea a non aver riconosciuto il golpista scelto dagli Usa, Juan Guaidò, come presidente autonominato del Venezuela. Su quest’unico punto, almeno, i Cinque Stelle, sembrano aver svolto una qualche funzione “positiva”.

Ma oggi ha provveduto Sergio Mattarella a mettere in moto un pronunciamento parlamentare – che sembra annunciare una nuova maggioranza anche di governo, con i renziani al posto dei grillini – per allineare anche il nostro paese sulla linea golpista della Ue, chiedendo esplicitamente “chiarezza su una linea condivisa con tutti i nostri alleati e i nostri partner: l’Ue”.

La motivazione è pura ipocrisia: “non ci può essere incertezza né esitazione” perchè la scelta sarebbe tra “la volontà popolare e la richiesta di autentica democrazia da un lato e dall’altro la violenza della forza”. Ignorando le oltre venti elezioni in quasi venti anni di Rivoluzione Bolivariana e uso autodeterminato delle ricchezze petrolifere del paese.

Ricordiamo che promotore della “posizione europea” è quell’Emmanuel Macron di cui la Francia intera, da quasi tre mesi, chiede le dimissioni e che stamattina ha inviato la polizia a perquisire il giornale Mediapart, “reo” di aver svelato molti dettagli dell’”Affaire Benalla”, il suo bodyguard che si divideva tra incarichi diplomatici, “sicurezza del presidente” e pestaggio di pacifici manifestanti il 1 maggio.

Come scrive Jean-Luc Mélénchon, leader de La France Insoumise, principale formazione dell’attuale sinistra francese, “non è la Francia che sostiene i golpisti in Venezuela. E’ soltanto Macron! Resistete! Insieme all’Onu noi diciamo Nicolas Maduro è il presidente del Venezuela. Pace e libertà per il Venezuela!”.

Il diritto all’autodeterminazione di tutti i popoli è il primo dei valori da rispettare nelle relazioni internazionali. Mentre è risaputo, ormai, che la cosiddetta “ingerenza umanitaria” è tanto più decisa quanto maggiori sono le risorse petrolifere sotto terra.

E dunque anche noi gridiamo forte che le parole di Mattarella vengono dette non in nostro nome!

Giù le mani dalla Repubblica Bolivariana del Venezuela!

Post simili
News

Potere al Popolo condanna la tentata invasione dalla Colombia contro il Venezuela!

NewsTavoli tematiciTavolo Europa

IL TEMPO DEL CORONAVIRUS DEVE ESSERE IL TEMPO DELLA FINE DELLE SANZIONI UE E USA CONTRO IL VENEZUELA

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X