NewsRegioniTavoli tematiciTavolo sanitàTerritoriToscana

[LIVORNO] Basta intramoenia nella nuova sanità pubblica!

Fase 2: ripensiamo la normalità

Gli eroi della sanità pubblica: i medici ospedalieri! Ma come strutturare il futuro?

All’interno di questa categoria professionale ci sono i rianimatori, gli addetti al pronto soccorso, gli infettivologi etc, quelli che insomma hanno lavorato in questa emergenza senza risparmio di energie, rischiando e talora perdendo la propria vita sul lavoro per il Covid, questi medici sono generalmente a tempo pieno e con una visione a difesa della sanità pubblica, gratuita e accessibile a tutti senza differenze di trattamento tra pazienti, paganti e no!

Ci sono anche gli altri medici ospedalieri del SSN: gli specialisti dermatologi, ortopedici, chirurghi, cardiologi, oculisti, ginecologi etc etc , insomma quei medici che in questi 2 mesi di semiparalisi di altri servizi sanitari per l’emergenza Covid hanno dovuto lavorare con il freno a mano tirato per la cancellazione di molti esami che hanno allungato, come se ce ne fosse ulteriore bisogno, le liste di attesa.

La soluzione proposta a livello regionale da alcuni sindacati è quella di effettuare prestazioni intramoenia. Una pessima pratica da contrastare da parte della sanità pubblica.

Per chi ancora non lo sapesse, intramoenia significa entro le mura, ovvero è consentito ai medici ospedalieri di effettuare visite specialistiche in regime libero professionale A PAGAMENTO all’interno della struttura ospedaliera pubblica. Insomma il principio è che se paghi, hai un accesso più rapido alla prestazione specialistica o strumentale oltre ad avere poi un trattamento privilegiato per eventuali ricoveri o controlli successivi.

Ricordiamo per inciso che in Regione Toscana tutti i medici ospedalieri hanno avuto incentivi economici extra-stipendiali da parte del governatore Rossi, quindi anche i medici non direttamente coinvolti nei reparti COVID.

E’ una sorta di cottimo per i medici che curano a fine orario di lavoro dei pazienti con prestazioni private usando le strutture pubbliche.

Alcuni sindacati dei medici ospedalieri, in una situazione di macerie economica e sociale quale viviamo, con un tempismo perfetto, stanno attualmente protestando per la futura perdita e/o diminuzione di questo guadagno in più, si lamentano infatti che tale attività resta consentita a medici che svolgono attività libero professionale pura nel privato o in extramoenia (con decurtazione dello stipendio e blocco delle carriere nei servizi pubblici).

In realtà una cosa è la libera professione vera con il rischio di impresa e comunque in totale autonomia organizzativa ed economica, mentre diversa è l’attività di un medico pubblico in Intramoenia che la svolge nella stessa struttura ma in orario extra cioè oltre all’orario di lavoro a tempo pieno in ospedale (in quanto dirigenti svolgono almeno 38 ore di lavoro con un orario fisso legato alla organizzazione della unità operativa di appartenenza) senza rinunciare né a parte dello stipendio né a possibilità di carriera, tanto che i più coinvolti sono spesso proprio i primari. Sono inoltre frequenti i casi in cui i medici interessati a esercitare la loro professione a pagamento sono costretti a effettuare visite ed esami specialistici in orari inusuali e talora effettuano un monte ore superiore a quanto previsto dalla normativa italiana (max di 48 ore settimanali), con conseguenti momenti di stress e eccessivo affaticamento durante il normale orario di lavoro.

Questa pratica che danneggia la sanità pubblica, è favorita dal permettere guadagni extra. Ma purtroppo anche dall’appiattimento delle carriere, dalla mancanza di gratifiche economiche e di ruolo che ha portato gli ospedali a diventare quasi delle aziende con manager.

La motivazione della protesta è che la Regione Toscana, come da tempo aveva intrapreso, intende cogliere il momento per ridurre le liste di attesa, oramai insostenibili, utilizzando a tempo pieno le strutture e le strumentazioni diagnostiche, coprendo orari che attualmente sono spesso utilizzati dai medici in Intramoenia.

Insomma c’è la volontà da parte di Rossi di favorire prestazioni pubbliche a scapito dell’attività intramoenia. Sicuramente una strada da perseguire e sulla quale non si può cedere anche dopo tutti i tagli alla sanità che ha effettuato il governatore in Toscana.

I medici in intramoenia affermano d’altro canto di essere una risorsa per ridurre le liste di attesa, peccato che l’accesso a tali prestazioni, come già detto, non sia gratuito ma in regime semi-libero professionale e quindi a pagamento per i cittadini che vi accedono.

Potere al Popolo è sempre dalla parte della sanità pubblica gratuita in grado di garantire accesso e trattamento uguale per tutti i cittadini. Ridurre le liste di attesa deve avvenire con l’utilizzo di risorse pubbliche garantendo la qualità e l’omogeneità delle prestazioni.

Se i medici in intramoenia minacciano di andare a lavorare nel privato, vuol dire che in futuro saranno possibili nuove e numerose assunzioni per giovani medici in grado di rispondere alle aspettative di salute del Servizio Pubblico.

L’emergenza Covid ha insegnato a tutti che ridurre le risorse alla Sanità pubblica porta solo a incapacità di affrontare non solo le emergenze ma anche di fornire tempestive risposte di qualità per i cittadini.

Crediamo che incentivare forme di sanità sostanzialmente privata con fondi pubblici non porti a un miglioramento della qualità, al contrario, come abbiamo visto, ha portato fino ad ora solo a una incapacità di risposta ai bisogni espressi e inespressi di salute dei cittadini.

In questo momento quindi è necessario che si ribadisca in modo ancora più forte, l’importanza di destinare risorse adeguate alla sanità pubblica e dichiarare la contrarietà a forme di prestazioni come quelle intramoenia fornite a pagamento, tali da rendere diseguale l’accesso e la qualità della prestazione a seconda della differente capacità economica dei cittadini.

Chiediamo quindi che la strumentazione e le strutture ospedaliere siano a disposizioni per visite ai pazienti in modo pubblico, per più ore al giorno rispetto alla vecchia normalità che lasciava questi spazi a una sorta di sanità privata all’interno degli ospedali pubblici.

C’è quindi anche assoluto bisogno di assunzione a tempo indeterminato di nuovo personale medico, infermieristico e di tutto ciò che una struttura ospedaliera necessita.

E di ampliare l’accesso agli studi universitari, spesso paralizzati da un numero chiuso troppo basso per gli attuali bisogni sanitari del paese.

Related posts
Estero

Conflitti nella sanità in Europa

RegioniTerritoriToscana

Al fianco dei lavoratori e delle lavoratrici Eurospin Italia

TerritoriToscana

Strage di Viareggio: arriva il momento della Cassazione

News

PRIMA LA SALUTE!

Lascia un commento

X