Conosci i candidati di ogni città e scopri il programma delle elezioni 2021 in Italia

Comunicati Stampa

Comunicato sul Centro sociale Askatasuna

Ieri mattina, 13 luglio 2018, nell’ambito di un’inchiesta partita dalla procura di Torino, sono state effettuate numerose perquisizioni a carico di attivisti del csoa Askatasuna e dello spazio popolare “Neruda”.

Al momento si parla di 15 misure cautelari, delle quali 9 arresti domiciliari.
Ancora una volta la procura torinese ha attivato un meccanismo repressivo che mira a colpire gli attivisti sociali che si mobilitano contro le politiche di austerity e le devastazioni ambientali, rivendicando il diritto all’abitare e agli spazi sociali. Pratiche e lotte che in questi anni hanno dimostrato, con i fatti e con le analisi, la vitalità di una generazione che molti, evidentemente, vorrebbero schiacciata dalla crisi.

L’operazione di ieri svela le carte in tavola: punisce chi si oppone alle barbarie quotidiane, punisce chi non si è arreso ad un destino di precarietà, punisce chi, alle lamentele, ha preferito la pratica dell’autorganizzazione, punisce chi si oppone ad un governo razzista e xenofobo.

Chiediamo l’immediato rilascio degli attivisti sottoposti alla cautela degli arresti domiciliari e la revoca di tutte le misure prescrittive eseguite, denunciamo la volontà del Ministro degli Interni di alzare il livello di “tensione” e ribadiamo il diritto a manifestare il dissenso.

Potere al Popolo!

Lascia un commento

X