News

PERCHE’ POTERE AL POPOLO NON ERA IN PIAZZA IERI ALLA MANIFESTAZIONE “CONTRO L’ANTISEMITISMO” A PIAZZA DEL POPOLO? PER NOI RIFIUTARE L’ANTISEMITISMO OGGI VUOL DIRE ESSERE AL FIANCO DEL POPOLO PALESTINESE.

Vogliamo essere chiari. Rifiutare, oggi, concretamente, l’antisemitismo, vuol dire essere solidali con il popolo palestinese.

E chi, come Salvini, Tajani e La Russa, ma anche Schlein e Conte, ha manifestato ieri spalla a spalla “contro l’antisemitismo” sotto la bandiera di uno stato genocida come Israele, sta in realtà fomentando l’odio razziale nelle nostre società.

Partiamo dalla definizione più semplice, quella di antisemitismo. Essa è “l’avversione nei confronti dell’ebraismo, maturatasi in forme di persecuzione o addirittura di mania collettiva di sterminio da una base essenzialmente propagandistica, dovuta a degenerazione di pseudoconcetti storico-religiosi o a ricerca di un capro espiatorio da parte di classi politiche impotenti”. E’ l’odio per gli ebrei in quanto ebrei.

Se una lezione ci ha lasciato l’Olocausto, è quella di non ripetere la disumanizzazione di una etnia o di una religione in quanto tali, facendone un capro espiatorio da abbattere e sterminare. Tanto Zygmunt Bauman, quanto Hannah Arendt (autrice quest’ultima non a caso per lungo tempo osteggiata dalla stessa cultura israeliana) hanno dimostrato che lo sterminio degli ebrei ad opera dei nazifascisti non sia stata una parentesi diabolica della nostra modernità burocratica, ma una sua conseguenza diretta, che rischia di ripetersi in forme diverse.

La sostanza di ciò che è avvenuto agli ebrei nel corso del Novecento, si sta riproducendo oggi in forme diverse in quel fazzoletto di terra che è la Palestina ai danni degli arabo-palestinesi, e ciò da almeno 75 anni. Il sionismo, alla base della fondazione dello Stato di Israele, è infatti una corrente politica dell’ebraismo europeo che nasce alla fine dell’800 in piena epoca coloniale e che teorizza la fondazione di uno stato ebraico, Israele appunto, nella regione della Palestina storica.

Il sionismo non solo immagina, ma pratica questo processo, a partire dagli inizi del 900, intensificandolo mentre la Palestina era sotto controllo britannico. Nei fatti, quello che il movimento sionista ha realizzato in Palestina in alcuni decenni – precedenti alla seconda guerra mondiale e all’Olocausto – è la colonizzazione di una terra che gli scritti sionisti pretendono “vuota”, o abitata da rozzi e inferiori arabi (come sempre accade nel contesto di una colonizzazione).

E’ su questa base che è nato lo Stato di Israele. Un progetto che da prima della sua nascita ha goduto dell’assenso del colonialismo occidentale e in particolare anglosassone, il quale, mentre in Europa non muoveva un dito per contrastare le pericolosissime ondate antisemite che vi prendevano piede, aveva bisogno di un alleato in Medio Oriente per contrastare le legittime aspirazioni nazionali e anticoloniali delle masse arabe.

Scrive Ilan Pappe che “Il concetto di “transfer” era ed è profondamente radicato nel pensiero politico sionista” così come la “connessione tra sionismo e colonialismo” e “ l’idea di un’economia esclusivamente ebraica”. Dal 1948 in poi l’espansione israeliana è esplosa, dell’esproprio di terre e risorse a danni dei palestinesi, della cacciata di 800.000 arabi dalla regione (oggi sono 6 milioni i profughi palestinesi che non hanno diritto a tornare nella propria terra, alle proprie case).

Il sionismo è anche l’ideologia che copre e legittima questo movimento – ormai vecchio di quasi un secolo – di espulsione ed espropriazione fatto sulla pelle dei palestinesi, lo stato di apartheid di fatto in cui vivono gli arabi palestinesi e la pulizia etnica che continua imperterrita nel tentativo di sterminare la popolazione autoctona.

Esso si basa sulla continua vittimizzazione del carnefice: mentre occupa le terre palestinesi, uccide a sangue freddo in Cisgiordania, Israele ha bisogno di raccontare a sé e agli altri come la legittima resistenza del popolo palestinese, che è anche resistenza armata all’occupazione, sia guidata dall’odio “degli ebrei in quanto ebrei”, cioè da antisemitismo, e non dal diritto all’autodeterminazione del popolo palestinese che ne è esattamente l’opposto in quanto principio che riconosce a tutti i popoli pari dignità.

Israele ha bisogno di disumanizzare gli arabi e di equipararli ai nazisti, in un gioco di specchi pericoloso, che ha effetti devastanti nelle società occidentali dove vivono milioni di stranieri e cittadini arabi o di origine araba.

L’illusione ottica che la propaganda israeliana spaccia per verità da decenni, e che era alla base della manifestazione di ieri, consiste appunto nel far coincidere il progetto sionista di colonizzazione della Palestina con l’essere ebrei tout court, e dunque di far coincidere la critica alla colonizzazione, ossia l’antisionismo, con l’odio per gli ebrei, ossia l’antisemitismo.

Noi invece vogliamo dirlo forte e chiaro. Chi oggi in Italia è più ferocemente a sostegno della politica coloniale e razzista di Israele, sono non a caso gli stessi à la Ignazio La Russa che hanno il busto di Mussolini in casa, ossia di colui che ieri ha contribuito a deportare e sterminare milioni di ebrei in tutta Europa. Sono gli stessi personaggi che ancora oggi covano o mantengono relazioni nemmeno tanto velate con personalità, correnti e gruppi apertamente antisemiti.

Le immagini di Schlein e Conte a braccetto con questa gente ci dicono solo di quanto il centrosinistra italiano sia succube dell’ultradestra e della politica estera USA, e di come ci sia un maledetto bisogno di far crescere una vera sinistra oggi, concretamente antirazzista e senza se e senza ma per il diritto all’esistenza, all’autodeterminazione e alla resistenza del popolo palestinese.

Related posts
News

UN SASSOLINO NELL’INGRANAGGIO. PERCHE’ PARLARE DI PALESTINA, IN TUTTI I LUOGHI, CON TUTTI I MEZZI, E’ COMUNQUE IMPORTANTE.

NewsRegioniTerritoriToscana

[LUCCA] POTERE AL POPOLO ADERISCE AL CORTEO DEL 9 FEBBRAIO ORE 16 - PIAZZALE VERDI

NewsRegioniTerritoriToscana

[PISA] LE "ITALICHE" LACRIME DI COCCODRILLO

EsteroNewsNewsletter Tricontinental

L’UNICO DIRITTO CHE NON È STATO NEGATO AI PALESTINESI È IL DIRITTO DI SOGNARE

Lascia un commento