Stay Social

Seguici su:

Difendiamo i/le partigian*! Petizione perché non venga applicata la sorveglianza speciale a Eddi, Davide, Jack, Jacopo, Paolo e Luisi, che hanno combattuto l’Isis in Siria

Difendiamo i/le partigian*! Petizione perché non venga applicata la sorveglianza speciale a Eddi, Davide, Jack, Jacopo, Paolo e Luisi, che hanno combattuto l’Isis in Siria

Al Ministro di grazia e giustizia

 

al Consiglio superiore della magistratura

 

ai gruppi parlamentari

 

a tutti/e i/le candidati/e alle prossime elezioni amministrative e per il rinnovo del Parlamento Europeo

 

Salve,

Come tant* il 18 marzo scorso ho appreso della morte di Lorenzo Orsetti, detto Orso. Ho scoperto così l’esistenza di centinaia di combattenti internazionali, per lo più giovani, che hanno scelto di mettere a repentaglio la propria vita per lottare contro l’Isis. Molt* di quest* ragazzi e ragazze sono andat* a difendere un esperimento democratico tra i più avanzati nel mondo: la confederazione democratica del Rojava, nata intorno alla lotta per l’autodeterminazione del popolo curdo, ma che propone un modello di integrazione e di convivenza tra tutte le etnie e le religioni che abitano il Medio Oriente, fondato sulla giustizia sociale, sulla parità totale tra uomini e donne, su una vera democrazia. È stato grazie all’impulso dei popoli del Rojava che si è formato un esercito di centinaia di migliaia di volontari e volontarie, in grado di sgominare l’Isis. Quando si difende qualcosa in cui si crede, come una società più equa e più giusta, si è anche disposti a mettere in gioco la propria vita. Lorenzo, mosso da questa tensione ideale, aveva deciso di difendere la rivoluzione del Rojava – e con essa l’idea di un Medio Oriente e di un mondo più giusti – dall’avanzata della barbarie. Esperienze come la sua andrebbero raccontate nelle scuole, tra i giovani, proprio come oggi si studia, purtroppo con sempre meno convinzione, l’esperienza partigiana che ha dato vita alla Resistenza contro il nazi fascismo e ad una delle Costituzioni tra le più avanzate d’Europa.

Perché mi rivolgo a voi? Purtroppo studiando la storia di Lorenzo, ho scoperto con sgomento che in Italia ci sono altre sei persone, sei ragazzi e ragazze, che hanno fatto la sua stesa scelta, e per le quali ben due questure del nostro paese hanno chiesto l’applicazione di misure che ne restringono la libertà di movimento. I loro nomi sono: Maria Edgarda Marcucci detta Eddi, Davide Grasso, Paolo Andolina, Fabrizio Maniero detto Jack, Jacopo Bindi e Pierluigi Caria detto Luisi. Le prime cinque sono attualmente sotto la giurisdizione della procura di Torino, Luisi sotto quella di Sassari, ma per tutt* è stata chiesta l’applicazione della sorveglianza speciale. Si tratta di una controversa misura di controllo fortemente lesiva della libertà personale, che si applica in assenza di reati specifici, sulla base di semplici “sospetti”, che impone il divieto di allontanarsi dall’abitazione nella quale si viene domiciliati, e che prevede l’obbligo di presentarsi alle autorità di sorveglianza nei giorni stabiliti e ogni qualvolta venga richiesto.

Mi chiedo cosi come mai, dopo che in tanti e tante hanno omaggiato la scelta di Lorenzo, dopo che lo stesso Consiglio Comunale di Torino ha espresso il suo sostegno agli/alle inquisit*, si decida di perseguitare in questo modo quest* ragazz*, trattandoli come dei criminali, senza che abbiano commesso alcunché di illegale. Quale colpa si attribuisce loro? Quella di aver messo la propria vita in pericolo nella lotta contro l’Isis? Quella di aver difeso una democrazia per certi versi più avanzata di quella in cui attualmente ci è dato vivere? Quella di essere fortemente critici nei confronti della Turchia e dell’Arabia Saudita, due stati che hanno responsabilità enormi nella repressione del popolo curdo e nel conflitto siriano, che il nostro governo continua a ritenere importanti alleati nel quadro Mediorientale? O quella di essere portatori di ideali?

In nessuno di questi casi, meritano il trattamento che in questo momento viene riservato loro.

Vi chiedo pertanto una presa di posizione pubblica affinché Eddi, Davide, Jack, Jacopo, Paolo e Luisi siano sollevati da questa misura di controllo.

In fede

Nome:

Cognome:

Nato/a a:
Il:
Mail:

Considerazioni:

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X