Elezioni 2024NewsRegioniTerritoriToscana

CAPANNORI POPOLARE: NON SOLO GRANDI EVENTI, PIÙ SPAZI, ATTENZIONE E ASCOLTO PER GIOVANI E ASSOCIAZIONISMO

Capannori Popolare è stata presente e ha partecipato al concerto del primo maggio in piazza Aldo Moro. Un appuntamento ormai tradizionale che favorisce socialità e ottima musica accessibile e gratuita, sicuramente da apprezzare.

Lascia però perplessi la cifra stanziata dalla giunta e riportata nella determina n. 530 del 23 aprile: 120mila euro alla ditta Live Emotion Group SRL per l’allestimento della piazza e l’organizzazione dei concerti del 30 aprile e del primo maggio. Non una novità, visti altri casi del passato, per esempio i 26mila euro a Massimo Recalcati per l’intervento alle celebrazioni del bicentenario del Comune di Capannori, che stridono con la cronica e diffusa carenza di risorse e spazi per le associazioni e per le politiche giovanili. Purtroppo la logica è sempre quella dei grandi eventi spot, che fanno il paio con le inaugurazioni a orologeria in campagna elettorale come quella di Artè, riaperta dopo anni di abbandono e dopo ingenti investimenti per la sua realizzazione.

Dietro i grandi eventi e le inaugurazioni si nasconde però una mancanza di ascolto effettivo, costante e per tutto l’anno verso l’associazionismo e chi porta avanti nell’ombra attività preziose in ambito sociale e giovanile, peraltro senza sedi e spazi di aggregazione disponibili. Come non pensare all’ex Centro Giovani di Santa Margherita, punto di riferimento per anni per i giovani capannoresi, sfrattato lo scorso anno per far spazio a “Music Zone”. Occorre quindi individuare in tempi rapidi uno spazio funzionale alle attività del Centro Giovani e realizzare una Casa delle associazioni che diventi un punto di riferimento per le tante associazioni del territorio prive di una sede.

Capannori Popolare ha inoltre inserito tra le sue proposte la riattivazione e il rilancio di strumenti partecipativi come il Forum delle associazioni, la Commissione pari opportunità e l’Osservatorio per la pace, affiancando l’istituzione di una Consulta giovanile e di una Consulta delle cittadine e dei cittadini extracomunitari ed apolidi residenti nel territorio.

Ma soprattutto Capannori Popolare, con la consapevolezza acquisita in questi anni alla Casa del Popolo dell’importanza di luoghi di aggregazione e per attività sociali e culturali, mette al centro del suo programma il recupero di aree verdi e edifici pubblici abbandonati e inutilizzati, da restituire alla cittadinanza. A partire dai Laghetti Isola Bassa, dal parco Ilio Micheloni e dalla stazione di Tassignano, da ristrutturare in convenzione con le Ferrovie dello Stato (seguendo l’esempio recente di quella di Piazza al Serchio) di pari passo col potenziamento con aperture serali del vicino Polo Culturale Artemisia. Senza dimenticare la vecchia scuola elementare di Segromigno in Monte, in una zona in cui peraltro è stata privatizzata l’ex circoscrizione togliendo alla cittadinanza un fondamentale punto di riferimento

Nella visione di Capannori Popolare il Comune deve infine tornare ad avere un ruolo di servizio verso l’associazionismo e a tal proposito è fondamentale la creazione di uno sportello di consulenza e assistenza che aiuti le associazioni a individuare le opportunità di finanziamento e a presentare e gestire le candidature.

Related posts
News

[CAPANNORI] ACQUA E MULTIUTILIY: FUORI I PROFITTI DAI BENI COMUNI! CAPANNORI POPOLARE DICE NO ALLA MULTIUTILITY E ALLA PRIVATIZZAZIONE DEI BENI COMUNI E DEI SERVIZI

NewsRegioniTerritoriToscana

[SIENA] NUOVO SPAZIO PER POTERE AL POPOLO!

Elezioni 2024NewsRegioniTerritoriToscana

[CAPANNORI] CAPANNORI POPOLARE: DOPO I TEATRINI DEL CENTRO-DESTRA È PARTITO IL GRANDE CIRCO DEL CENTRO-“SINISTRA”

Elezioni 2024NewsRegioniTerritoriToscana

[CAPANNORI] CAPANNORI POPOLARE: PRESENTATA UFFICIALMENTE LA LISTA CON OLTRE 260 FIRME A SOSTEGNO, ORA PORTIAMO CAPANNORI IN COMUNE, DAVVERO!

Lascia un commento