EsteroNews

Brasile. La solidarietà del MST cerca di dimostrare che il nemico, al di là del virus, è il capitalismo

Da Brasil de Fato

In tutto il Brasile, le azioni di solidarietà del Movimento dos Trabalhadores Rurais Sem Terra (MST) sono state importanti alleati nella lotta contro il Coronavirus e la mancanza di politiche di protezione del governo di Jair Bolsonaro per le famiglie delle periferie – la maggior parte delle quali è composta da lavoratori informali – che hanno difficoltà ad accedere al reddito di base di emergenza.

Dal 13 marzo, il rispetto dell’isolamento sociale è stato l’orientamento del MST alla sua militanza. La definizione si basa sulle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). L’eccezione è nelle campagne, dove, con la sicurezza e l’informazione per evitare il contagio, i contadini continuano a lavorare per soddisfare la domanda di cibo nelle aree urbane – dove la gente vive con la paura del Covid-19 e la mancanza di risorse.

Kelly Maffort, della direzione nazionale del MST, spiega che la solidarietà è un principio fondamentale della pratica militante, per la costruzione di legami di resistenza tra i lavoratori, sia nella formazione politica che nella lotta per tutti i diritti.

“È in questo momento che dobbiamo esigere dallo Stato la sua responsabilità, per far sì che il nostro popolo non muoia di virus nè di fame. Solidarietà. Perseguiremo questo principio, per affidare alla società le politiche pubbliche, e per praticarlo. È un gesto così importante e necessario per la costruzione di una nuova società”, dice.

In Paraná, 10.000 famiglie vivono in 70 campi del MST. Circa 25 di loro sono a rischio di sfratto. Questa settimana, tre di questi campi hanno donato 5 tonnellate di cibo alle famiglie bisognose dei comuni di Castro e Ponta Grossa. Le donazioni fanno parte di un’azione coordinata in tutto lo Stato, che conta altre 20 cooperative del movimento.

“Con grande orgoglio, noi al [Campo] Padre Roque vogliamo condividere questa meraviglia che è qui. Non sappiamo quale istituzione ci sia qui a Castro, ma è un grande privilegio, perché il momento è così critico e possiamo condividerlo. Tutta la nostra produzione è qui”, dice Maria de Jesus, una contadina, indicando le verdure raccolte nel campo di Padre Roque Zimmermann a Castro (PR), che in seguito sarebbero state portate al Centro de Referência de Assistência Social (Centro di riferimento per l’assistenza sociale della città – CRAS).

Un’altra azione di solidarietà si è svolta la settimana scorsa a Rio Grande do Sul, dove 12 tonnellate di riso biologico sono state donate alle famiglie a basso reddito della periferia di Porto Alegre. L’iniziativa fa parte di una campagna del Comitê Gaúcho de Emergência no Combate à Fome (Comitato di Emergenza Rio Grande do Sul per combattere la fame), di cui il MST è membro.

“La solidarietà è sempre stata un segno della nostra storia e della nostra lotta. Spesso sono stati gli abitanti della città a portarci il cibo durante i periodi difficili del movimento negli accampamenti. La città ci ha sempre accolto. Certamente è una ricompensa per tutto quello che abbiamo ricevuto”, afferma Cedenir de Oliveira, della direzione statale del MST di Rio Grande do Sul.

A Goiânia (GO), nella più grande area periferica della città, il MST ha distribuito fagioli, zucche, uova di hickory, miele e varie verdure a 30 famiglie della regione nord-ovest della città. L’iniziativa è stata costruita insieme al Levante Popular da Juventude, al Coletivo Quilombo e alla Brigada do Congresso do Povo.

La coltivazione si è sviluppata in tre luoghi diversi: nel campo Dom Tomaz Balduíno, nel centro di formazione e produzione agroecologica di Santa Dica dos Sertões e nell’insediamento di Canudos.

Quello che abbiamo individuato è che, in realtà, la questione economica è già una grande difficoltà per queste famiglie, a causa del lavoro informale, perché sono lavoratori a giornata, autonomi, per la “rincorsa” giorno per giorno. Abbiamo constatato che c’è già un ritorno alla realtà della fame. Ma abbiamo anche individuato la convinzione che la strada da seguire sia quella della salute”, sottolinea Luiz Zarref, della direzione statale MST di Goiás, e aggiunge: “Quando ricevono cibo agroecologico, questo porta speranza”.

Oltre alla produzione di cibo nell’area rurale, il MST ha realizzato anche altri tipi di iniziative di solidarietà. A Recife (PE), le marmellate sono distribuite alla popolazione di strada attraverso Armazém do Campo, un negozio del movimento che vende prodotti biologici e in transizione agroecologica. A Santa Catarina si produce e si offre agli ospedali il 70% di alcool in gel.

Nelle regioni intorno a Pernambuco, gli attivisti del movimento hanno distribuito più di tre tonnellate di frutta e verdura alle famiglie dei quartieri poveri dei comuni di Santa Maria da Boa Vista e Petrolina. Tra i prodotti distribuiti c’erano anguria, mango, zucca, acerola, passion fruit, banana e manioca, prodotti negli insediamenti di Safra, Vitória, Brilhante, Conceição e Boqueirão.

A Paraíba, la campagna di solidarietà Leite Fraterno è iniziata giovedì (9 aprile) per fornire latte alla popolazione vulnerabile dello Stato. Oltre alla distribuzione, ne beneficeranno circa 390 famiglie dedite all’agricoltura familiare. Coordinata dal MST e dalla Procura Federale, l’iniziativa prevede la raccolta di donazioni in denaro per l’acquisto di camion del latte prodotti dai contadini della famiglia. Ogni camion ha la capacità di trasportare 4.000 litri di latte, che saranno acquistati a 3 R$ al litro. Oltre alla capitale João Pessoa, sono coinvolti i comuni di Barra de Santana, Caturité e Boqueirão, nella regione Cariri di Paraíba.

A livello nazionale, il lavoro è incentrato su due iniziative: la campagna “Vamos Precisar de Todo Mundo” (Avremo Bisogno di Tutti), che riunisce, attraverso una piattaforma online, le azioni in corso di realizzazione di oltre un centinaio di enti che compongono il Frente Brasil Popular e il Povo Sem Medo; e la campagna “Periferia Viva” incentrata sulla lotta per le politiche pubbliche e il lavoro di base costruito nei territori.

Nel campo della salute, lo sforzo è collettivo e costruito insieme alla Rede Nacional de Médicas e Médicos Populares (Rete Nazionale dei Medici e dei Medici del Popolo). In ogni Stato brasiliano c’è un gruppo di medici MST formati a Cuba che prestano servizio per assistere la popolazione. Inoltre, in tutto il paese sono in corso campagne di distribuzione di farmaci erboristici e donazioni di sangue.

Siamo in contatto con i dipartimenti sanitari comunali e statali e con i centri ematologici di ogni stato. È così che pensiamo alle migliori strategie affinché la nostra base non si allontani da dove si trova, evitando agglomerazioni e la diffusione del coronavirus, ma anche, in questo momento, possiamo essere solidali con chi ne ha più bisogno, tenendo presente che le banche del sangue sono in deficit a livello nazionale”, spiega Edinaldo Novaes, della direzione nazionale del settore sanitario del movimento.

È attraverso azioni di solidarietà, secondo Luiz Zareff, che il MST intende rafforzare l’organicità delle famiglie nei loro territori, ma anche dimostrare che il nemico al di là del virus è il capitalismo.

È la solidarietà che costruisce le strade per superare il capitalismo. Il capitalismo non ha una prospettiva di solidarietà. Al contrario, promuove la concorrenza tra le persone, provoca l’asservimento della classe operaia e il beneficio delle élite. È la solidarietà che annulla questi nefasti e malvagi legami del capitalismo”, conclude.

Related posts
CampaniaNewsRegioniTerritori

[CAMPANIA]’A SALUTE È ’A PRIMMA COSA! GIORNATA DI MOBILITAZIONE REGIONALE

EsteroNews

Fora Bolsonaro: anche noi aderiamo alla campagna!

NewsTavoli tematiciTavolo scuola universita ricerca

Scuola: Epic Fail al Ministero, le piazze si riempiono

Comunicati StampaEsteroNews

Solidarietà a Cosmas Musumali, segretario generale del Socialist Party of Zambia, e a tutti gli arrestati del 20 agosto. [ENGLISH VERSION BELOW]

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X