EsteroNewsNewsletter Tricontinental

L’ALLUVIONE BRASILIANA DI AUSTERITÀ E CATASTROFE CLIMATICA

Dal 28 aprile, forti piogge, venti impetuosi e inondazioni diffuse hanno colpito lo stato brasiliano meridionale del Rio Grande do Sul, causando oltre 160 morti e ingenti danni a 2,3 milioni di persone. Le acque si sono alzate in maniera esponenziale, travolgendo case e campi, cancellando non solo le abitazioni e i ricordi costruiti, ma anche molte coltivazioni nello stato che è il più grande produttore di riso e potenza agricola del Paese, il cui impatto si ripercuoterà in tutta la nazione.

Le agenzie meteorologiche e i funzionari avevano previsto gli eventi con inquietante precisione. A una settimana dall’alluvione, gli esperti hanno indicato nelle piogge straordinarie la causa principale. Estael Sias, direttore generale del meteorologo MetSul, ha scritto che non si trattava di “un semplice episodio di pioggia estrema”, ma di “un evento meteorologico i cui aggettivi sono tutti superlativi, da straordinario a eccezionale”. La pioggia apparentemente incessante, ha scritto, “è assurdamente e bizzarramente diversa da ciò che è normale”. Ci vorrà molto tempo perché questa regione del Brasile si riprenda dall’alluvione.

All’interno delle zone alluvionate si trovano diversi accampamenti e insediamenti del Movimento dei Lavoratori Senza Terra (MST) del Brasile, sui quali abbiamo pubblicato un dossier il mese scorso per commemorare il 40° anniversario del movimento . L’MST è nato dalle lotte per la terra nel Rio Grande do Sul, dove mantiene una forte presenza ed è diventato l’epicentro della produzione agro-ecologica di riso del MST. Sono gli stessi campi su cui l’MST ha coltivato gran parte delle 13 tonnellate di cibo che ha donato alla Striscia di Gaza da ottobre a dicembre dell’anno scorso e le oltre 6.000 tonnellate di cibo che ha donato alle comunità bisognose durante la pandemia COVID-19, come scriviamo nel nostro dossier. Molti di questi campi, così come le strutture utilizzate per la lavorazione dei raccolti, sono stati danneggiati dall’alluvione. I residenti di insediamenti MST come Apolônio de Carvalho e Integração Gaúcha hanno perso un’immensa quantità di risorse.

Le immagini di questa newsletter, tratte da un rapporto dell’Istituto Nazionale di Colonizzazione e Riforma Agraria (INCRA) del Brasile, che utilizza le immagini satellitari del Programma M.A.I.S. Brasile. Programma Brasile M.A.I.S. del Ministero della Giustizia e della Sicurezza Pubblica, mostrano alcune delle terre dell’MST prima delle inondazioni – terre ora inondate dall’acqua delle alluvioni che ha infiltrato materiali tossici nel terreno. L’MST ha concentrato i suoi sforzi di soccorso non solo sui propri membri, ma anche sulla popolazione della regione che ha perso tutto di fronte all’innalzamento delle acque da cui non può fuggire. Se desiderate aiutare l’MST nei suoi sforzi di soccorso per l’alluvione e per la ricostruzione degli insediamenti, potete farlo qui.

L’anno scorso, dopo che un’alluvione molto meno grave aveva colpito Porto Alegre, la capitale del Rio Grande do Sul, l’architetto brasiliano Mima Feltrin, ispirandosi al lavoro del professore di idrologia Carlos Tucci, avvertì che il Rio Grande do Sul si trovava ad affrontare un rischio imminente di inondazioni pari o peggiori di quelle storiche del 1941 e del 1967. Le analisi di studiosi come Tucci e Feltrin hanno ripetutamente messo in guardia sull’impatto e sulle minacce incombenti del cambiamento climatico indotto dalle emissioni di anidride carbonica in tutto il mondo, nonché sulle carenze delle politiche messe in atto da politici negazionisti del cambiamento climatico.

Nel 2023, inondazioni simili a quella del Rio Grande do Sul hanno inondato anche Derna (Libia), la Grecia centrale, la Cina meridionale, il Nevada meridionale (Stati Uniti) e la Turchia nord-orientale. La spiegazione immediata di queste inondazioni è che sono causate dal cambiamento climatico indotto dalle emissioni di carbonio, intensificato dal rifiuto dei governi del Nord globale di contenere le loro emissioni di carbonio fuori misura. Ma la spiegazione più ampia è che la catastrofe climatica è in gran parte il prodotto di uno sviluppo capitalistico sconsiderato, in particolare nelle città situate in aree che sono a rischio per gli abitanti (come gli insediamenti costieri di pianura costruiti accanto a foreste di mangrovie devastate e a fiumi mal gestiti o accanto a foreste che devono affrontare lunghi periodi di siccità). Questo sviluppo sconsiderato è aggravato dal dilagante sotto-finanziamento delle agenzie di regolamentazione ambientale e dalla deliberata riduzione dei budget destinati alla manutenzione e alla rivitalizzazione delle infrastrutture, fondamentali per proteggere le persone dagli eventi climatici avversi. Con l’alluvione in Libia per esempio, lo Stato – già distrutto dai duri bombardamenti della NATO nel 2011 e immerso nella confusione e nella corruzione – ha trascurato le dighe fatiscenti di Derna. Lo stesso tipo di atteggiamento è stato mostrato nel sud del Brasile negli ultimi decenni.

I due sindaci più recenti di Porto Alegre, Nelson Marchezan Júnior (2017-2021) e Sebastião Melo (2021-presente) , così come il governatore del Rio Grande do Sul Eduardo Leite (2019-marzo 2022 e poi gennaio 2023-presente) hanno trascorso i loro mandati erodendo le istituzioni di base delle loro amministrazioni. Il governatore Leite, ad esempio, ha minato 480 norme del codice ambientale del suo Stato come parte dell’agenda anti-ambientale perseguita dal presidente di estrema destra Jair Bolsonaro (2019-2022). Nel frattempo, il sindaco Marchezan Júnior ha ignorato la necessità di finanziare le infrastrutture di prevenzione delle inondazioni, tra cui la ristrutturazione di tredici case di pompaggio che erano fondamentali per il sistema di drenaggio di Porto Alegre, e la sua amministrazione ha chiuso l’intero Dipartimento dei Sistemi di Drenaggio Temporale (DEP), che era stato istituito nel 1973 per gestire il drenaggio. Marchezan Júnior e Melo, insieme al loro predecessore José Fortunati, hanno tagliato il numero di dipendenti nei dipartimenti che gestivano i sistemi fognari e idrici.

Persone come Leite, Marchezan Júnior e Melo hanno un atteggiamento di disprezzo per la maggioranza della popolazione e un atteggiamento di massima considerazione per i conti bancari offshore dei ricchi e dei loro amici, la classe degli investitori occidentali. Queste persone sono state plasmate dal grande capitale brasiliano, i cui interessi sono consolidati da gruppi come l’Instituto Liberal, creato nel 1983 per promuovere le idee neoliberiste di Friedrich Hayek e Ludwig von Mises, e da intellettuali della dittatura militare (1964-1985) come i suoi ministri dell’economia Roberto Campos e Hélio Beltrão. Queste idee sono state portate in auge dall’ex presidente brasiliano Fernando Henrique Cardoso (1995-2003), il cui Piano per la Riforma dell’Apparato Statale (1995) ha utilizzato l’idea di “modernizzazione” per minare le istituzioni statali e dare il via a ciò che la professoressa Elaine Rosseti Behring ha definito un periodo di “aggiustamento fiscale permanente”. Cardoso, Leite, Marchezan Júnior e Melo sono uomini dell’austerità, fautori di una controrivoluzione contro l’umanità.

Quando arriva la catastrofe, come nel caso del Rio Grande do Sul, questi funzionari neoliberali sono pronti a dare la colpa al cambiamento climatico, come se fosse una sorta di calamità inevitabile in cui non hanno alcun ruolo. Tuttavia, quando si parla di clima, queste persone sono le prime a portare avanti l’agenda delle compagnie di combustibili fossili e a promuovere idee e politiche che equivalgono al negazionismo del cambiamento climatico. Il loro negazionismo non ha radici scientifiche, ma interessi di classe che privilegiano le grandi imprese rispetto alle persone e al pianeta. Non hanno argomenti scientifici per spiegare la catastrofe climatica, perché non c’è alcuna base scientifica per il negazionismo, che cerca – con totale disprezzo per il destino del pianeta – di garantire la distribuzione della ricchezza verso l’alto.

Dal 1968 al 1980, il poeta brasiliano Mário Quintana (1906-1994) ha vissuto nell’Hotel Majestic di Porto Alegre, dove ha scritto bellissime poesie su quelle che chiamava “cose semplici”. Poco prima che Quintana morisse, i suoi sostenitori e amici costruirono la Casa de Cultura Mário Quintana nell’Hotel Majestic, che il governo statale acquistò, restaurò e trasformò in un centro culturale negli anni Ottanta. L’hotel, casa di Quintana, divenne un rifugio per scrittori e artisti per mostrare le loro opere. È stato sommerso dall’alluvione di quest’anno.

Nel 1976, da quell’albergo, Quintana scrisse “A Grande Enchente” (La grande alluvione), motivato dalle inondazioni del 1941 e del 1967:

I cadaveri di Ophelias e i cani morti
si sono fermati momentaneamente sulla soglia di casa nostra,
ma sempre in balia del gorgo,
continueranno a percorrere le loro strade incerte.

Quando l’acqua raggiunge le finestre più alte
Dipingerò rose di fuoco sui nostri visi gialli.
Che importanza ha quello che verrà?
T
utto è risparmiato ai pazzi
e i pazzi si permettono tutto.

Forza, spirito degli dei.
Sulle acque scivoliamo.
Alcuni dicono che siamo solo nuvole.
Altri, pochi, dicono che stiamo diventando sempre più morti,
ma non riesco a vedere, qui sotto, i nostri morti.

E invano mi guardo intorno.
Dove siete, amici miei,
del primo e dell’ultimo giorno?
Dobbiamo, dobbiamo, dobbiamo continuare insieme.
E così, in un ultimo, diluito pensiero,
sento che il mio grido è solo il sussulto del vento.

Con affetto,
Vijay

*Traduzione della ventiduesima newsletter (2024) di Tricontinental: Institute for Social Research.

Come Potere al Popolo traduciamo la newsletter prodotta da Tricontinental: Institute for Social Research perché pensiamo affronti temi spesso dimenticati da media e organizzazioni nostrane e perché offre sempre un punto di vista interessante e inusuale per ciò che si legge solitamente in Italia. Questo non significa che le opinioni espresse rispecchino necessariamente le posizioni di Potere al Popolo. A volte accade, altre volte no. Ma crediamo sia comunque importante offrire un punto di vista che spesso manca nel panorama italiano.

Chi è Vijay Prashad?

Related posts
EsteroNewsNewsletter Tricontinental

IL LORO ORDINE INTERNAZIONALE BASATO SULLE REGOLE È IL GOVERNO DELLA MAFIA

EsteroNewsNewsletter Tricontinental

CONTINUA A COMBATTERE IN UN MONDO LIBERO

EsteroNewsNewsletter Tricontinental

«HO IL CUORE IN GOLA»

EsteroNewsNewsletter Tricontinental

GLI STUDENTI NON TOLLERERANNO L’IPOCRISIA

Lascia un commento