Stay Social

Seguici su:

Potere al popolo! al fianco dei contrattisti Piaggio licenziati dall’azienda

Giovedì 12 settembre una folta delegazione di contrattisti Piaggio licenziati dall’azienda si è incatenata ai cancelli della sede dell’Unione Industriali di Pisa, come gesto estremo dopo mesi di “muro di gomma” da parte di Colaninno, che ignora volutamente le richieste di incontro con i lavoratori e il sindacato che li rappresenta, l’Unione Sindacale di Base.

Siamo di fronte ad un’azienda che ogni anno riceve milioni di euro di finanziamenti pubblici, nazionali e UE (soldi dei contribuenti), che accumula enormi profitti per gli azionisti, ma che non rispetta gli accordi a garanzia dell’assunzione dei 50 contrattisti, che da marzo sono a casa senza stipendio.

Nel 2009 è stato firmato un accordo (ancora in vigore) tra Piaggio e sindacati per il progressivo assorbimento dei lavoratori in base al monte ore svolto. Tutti i lavoratori espulsi dal lavoro hanno maturato quelle ore per l’assunzione in pianta stabile, ma sono stati sostituiti da altri disoccupati. Piaggio utilizza le norme del “decreto dignità” varato dal passato governo lega / M5S per liberarsi di manodopera che aveva acquisito un diritto, mettendo in stato di precarietà altri lavoratori, creando così le condizioni per quella “guerra tra poveri” funzionale al dominio aziendale.

Mentre i lavoratori erano incatenati, i sindacati concertativi cgil cisl uil sono entrati nella sede dell’Unione Industriali tra le contestazioni dei licenziati, dato che la trattativa iniziata il 12 settembre non prevede un confronto sulla loro condizione. Prima licenziati dall’azienda, poi abbandonati dalla triplice sindacale.

Di fronte a questa situazione l’unica strada per i lavoratori è quella della lotta.

Potere al Popolo! è e sarà al loro fianco, sino alla riassunzione di tutte e tutti.

Potere al Popolo! Pisa

www.poterealpopolo.org       poterealpopolopisa@gmail.com   3347850026

SEGUICI SU FACEBOOK
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X