#ALMENO10 CAMPAGNA PER IL SALARIO MINIMO

EsteroNews

COME GLI STATI UNITI SEPPELLISCONO LA SPERANZA DELL’AUTO ELETTRICA “MADE IN AFRICA”

*Il governo degli Stati Uniti ha tenuto il Vertice USA-Africa a metà dicembre, spinto in gran parte dai suoi timori sull’influenza cinese e russa sul continente africano. Piuttosto che dalla diplomazia di routine, l’approccio di Washington al vertice è stato guidato dalla sua più ampia agenda della Nuova Guerra Fredda, in cui un obiettivo sempre più importante degli Stati Uniti è stato quello di interrompere le relazioni che le nazioni africane hanno con la Cina e la Russia. Questa atteggiamento predatorio è guidato dai pianificatori militari statunitensi, che vedono l’Africa come “il lato meridionale della NATO” e considerano la Cina e la Russia come “minacce quasi alla pari”. Al vertice, il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha accusato Cina e Russia di “destabilizzare” l’Africa. Austin ha fornito poche prove a sostegno delle sue accuse, a parte indicare i sostanziali investimenti, il commercio e i progetti infrastrutturali della Cina con molti paesi del continente e diffamare la presenza in una manciata di paesi di diverse centinaia di mercenari della società di sicurezza privata russa, il Gruppo Wagner.

I capi di governo africani hanno lasciato Washington con la promessa del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di fare un tour in tutto il continente, un impegno a una spesa di 55 miliardi di dollari in investimenti e una dichiarazione di alto livello ma vuota sulla partnership USA-Africa. Sfortunatamente, dati i precedenti degli Stati Uniti nel continente, fino a quando queste parole non saranno supportate da azioni costruttive, possono essere considerate solo gesti vuoti e manovre geopolitiche.

Non c’era una sola parola nella dichiarazione finale del vertice sulla questione più urgente per i governi del continente: la crisi del debito a lungo termine. Il rapporto della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo del 2022 ha rilevato che “il 60% dei paesi meno sviluppati e di altri paesi a basso reddito erano ad alto rischio o già soffrivano di difficoltà debitorie”, con sedici paesi africani ad alto rischio e altri sette paesi – Ciad, Repubblica del Congo, Mozambico, São Tomé e Príncipe, Somalia, Sudan e Zimbabwe – già in difficoltà debitoria. Inoltre, trentatré paesi africani hanno un disperato bisogno di assistenza esterna per il cibo, il che aggrava il rischio già esistente di collasso sociale. La maggior parte del vertice USA-Africa è stata spesa pontificando sull’idea astratta di democrazia, con Biden che ha farsecamente preso da parte capi di stato come il presidente Muhammadu Buhari (Nigeria) e il presidente Félix Tshisekedi (Repubblica democratica del Congo) per dare loro lezioni sulla necessità di elezioni “libere, eque e trasparenti” nei loro paesi, impegnandosi a fornire 165 milioni di dollari per “sostenere le elezioni e il buon governo” in Africa nel 2023.

La maggior parte del debito detenuto dagli stati africani è dovuto a ricchi obbligazionisti negli stati occidentali con il Fondo monetario internazionale (FMI) come intermediario. Questi creditori privati – che detengono il debito di paesi come il Ghana e lo Zambia – si sono rifiutati di fornire qualsiasi riduzione del debito agli stati africani nonostante la grande sofferenza che stanno vivendo. Spesso escluso dalle conversazioni su questo tema è il fatto che il problema del debito a lungo termine è stato in gran parte causato dal saccheggio della ricchezza del continente.

D’altra parte, a differenza dei ricchi obbligazionisti occidentali, il più grande creditore governativo degli stati africani, la Cina, ha deciso nell’agosto 2022 di cancellare ventitré debiti, senza chiedere interessi, a diciassette paesi e offrire 10 miliardi di dollari delle sue riserve del FMI agli stati africani. Un approccio equo e razionale alla crisi del debito nel continente africano suggerirebbe che molto più del debito dovuto agli obbligazionisti occidentali dovrebbe essere cancellato e che il FMI dovrebbe assegnare diritti speciali di prelievo per fornire liquidità ai paesi che soffrono della crisi endemica del debito. Niente di tutto questo era all’ordine del giorno del Vertice USA-Africa.

Invece, Washington ha combinato la bontà verso i capi di governo africani con un atteggiamento sinistro nei confronti della Cina e della Russia. Questa cordialità da parte degli Stati Uniti è un sincero ramoscello d’ulivo o un cavallo di troia con cui cercano di contrabbandare la loro agenda della Nuova Guerra Fredda nel continente? Il più recente libro bianco del governo degli Stati Uniti sull’Africa, pubblicato ad agosto 2022, suggerisce che è la seconda. Il documento, che teoricamente doveva parlare di Africa, conteneva dieci menzioni di Cina e Russia, ma nessuna menzione del termine “sovranità”. Il documento affermava:

In linea con la strategia di difesa nazionale del 2022, il Dipartimento della Difesa si impegnerà con i partner africani per esporre ed evidenziare i rischi di attività negative della RPC [Repubblica popolare cinese] e della Russia in Africa. Sfrutteremo le istituzioni di difesa civile ed espanderemo la cooperazione in materia di difesa con partner strategici che condividono i nostri valori e la nostra volontà di promuovere la pace e la stabilità globali.

Il documento riflette il fatto che gli Stati Uniti hanno ammesso che non possono competere con ciò che la Cina offre come partner commerciale e ricorreranno al potere militare e alla pressione diplomatica per spingere i cinesi fuori dal continente. La massiccia espansione della presenza militare statunitense in Africa dalla fondazione nel 2007 del Comando Africa degli Stati Uniti – più recentemente con una nuova base in Ghana e manovre in Zambia – illustra questo approccio.

Il governo degli Stati Uniti ha costruito una retorica volta a offuscare la reputazione della Cina in Africa, che caratterizza come “nuovo colonialismo”, come ha detto l’ex segretario di Stato americano Hillary Clinton in un’intervista del 2011. Questo riflette la realtà? Nel 2017, la società di consulenza aziendale globale McKinsey & Company ha pubblicato un importante rapporto sul ruolo della Cina in Africa, osservando dopo una valutazione completa: “Nel complesso, riteniamo che il crescente coinvolgimento della Cina sia fortemente positivo per le economie, i governi e lavoratrici e lavoratori africanə”. Le prove a sostegno di questa conclusione includono il fatto che dal 2010 “un terzo della rete elettrica e delle infrastrutture dell’Africa è stato finanziato e costruito da società statali cinesi”. In questi progetti gestiti dalla Cina, McKinsey ha scoperto che “l’89% dei e delle dipendenti erano africanə, aggiungendo fino a quasi 300.000 posti di lavoro per lavoratrici e lavoratori africanə”.

Certamente, ci sono molte sollecitazioni e tensioni coinvolte in questi investimenti cinesi, tra cui prove di cattiva gestione e contratti mal progettati, ma questi non sono né unici per le società cinesi né endemici al loro approccio. Anche le accuse degli Stati Uniti secondo cui la Cina sta praticando la “diplomazia della trappola del debito” sono state ampiamente smentite. La seguente osservazione, fatta in un rapporto del 2007, rimane vera: “La Cina sta facendo di più per promuovere lo sviluppo africano di qualsiasi retorica di governance ad alto livello”. Questa valutazione è particolarmente degna di nota dato che proviene dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) con sede a Parigi, un blocco intergovernativo dominato dai paesi del G7.

Quale sarà l’esito del recente impegno degli Stati Uniti di 55 miliardi di dollari agli stati africani? I fondi, che sono in gran parte destinati alle imprese private, sosterranno lo sviluppo africano o semplicemente sovvenzioneranno le multinazionali statunitensi che dominano i sistemi di produzione e distribuzione alimentare e i sistemi sanitari in Africa?

Ecco un esempio eloquente della vacuità e dell’assurdità dei tentativi degli Stati Uniti di riaffermare la propria influenza sul continente africano. Nel maggio 2022, la Repubblica Democratica del Congo e lo Zambia hanno firmato un accordo per sviluppare autonomamente batterie elettriche. Insieme, i due paesi ospitano l’80% dei minerali e dei metalli necessari per la catena del valore delle batterie. Il progetto è stato sostenuto dalla Commissione economica per l’Africa delle Nazioni Unite (ECA), il cui rappresentante Jean Luc Mastaki ha dichiarato: “Aggiungere valore ai minerali delle batterie, attraverso un’industrializzazione inclusiva e sostenibile, consentirà sicuramente ai due paesi di aprire la strada a un modello di crescita robusto, resiliente e inclusivo che crei posti di lavoro per milioni di persone”. Nell’ottica di aumentare la capacità tecnica e scientifica interna, l’accordo avrebbe attinto da “un partenariato tra scuole congolesi e zambiane di miniere e politecnici”.

Acceleriamo il nastro fino al vertice e vediamo questo: dopo che questo accordo era già stato raggiunto, il ministro degli Esteri della RDC Christophe Lutundula e il ministro degli Esteri dello Zambia Stanley Kakubo si sono uniti al segretario di Stato americano Antony Blinken nel firmare un memorandum d’intesa che presumibilmente avrebbe “supportato” la RDC e lo Zambia nella creazione di una catena del valore delle batterie elettriche. Lutundula lo ha definito “un momento importante nella partnership tra Stati Uniti e Africa”.

Il Partito Socialista dello Zambia ha risposto con una dichiarazione forte: “I governi dello Zambia e del Congo hanno ceduto la catena di approvvigionamento e la produzione di rame e cobalto al controllo americano. E con questa capitolazione, la speranza di un progetto di auto elettrica di proprietà e controllato panafricano è sepolta per le generazioni a venire”.

È con il lavoro minorile, stranamente chiamato “estrazione artigianale”, che le multinazionali estraggono le materie prime per controllare la produzione di batterie elettriche piuttosto che consentire a questi paesi di elaborare le proprie risorse e produrre le proprie batterie. José Tshisungu wa Tshisungu del Congo ci porta nel cuore dei dolori dei bambini nella RDC nella sua poesia, Inaudible (Impercettibile):

Ascolta il lamento dell’orfano
Marchiato con il sigillo della sincerità
È un bambino di queste parti
La strada è la sua casa
Il mercato il suo quartiere
La monotonia della sua voce lamentosa
Corre da una zona all’altra
Impercettibile.

Con affetto,
Vijay

*Traduzione della cinquantaduesima newsletter (2022) di Tricontinental: Institute for Social Research.

Chi è Vijay Prashad?

Related posts
EsteroNewsNewsletter Tricontinental

SCRIVERE DI UNA GIOIA CHE INVADE JENIN

EsteroNewsNewsletter Tricontinental

LE LAVORATRICI E I LAVORATORI CI HANNO PORTATO LA DEMOCRAZIA, SARANNO ANCORA LORO A STABILIRNE UNA PIÙ PROFONDA

EsteroNewsNewsletter Tricontinental

QUANDO IL POPOLO NON AVRÀ PIÙ DA MANGIARE, ALLORA MANGERÀ I RICCHI

EsteroNewsNewsletter Tricontinental

NEL CIRCOLO POLARE ARTICO SOFFIANO I VENTI DELLA NUOVA GUERRA FREDDA

Lascia un commento

X