EsteroNewsNewsletter Tricontinental

«HO IL CUORE IN GOLA»

Il titolo di questa newsletter, “Ho il cuore in gole”, è tratto da Pelle nera, maschere bianche di Frantz Fanon (1952). In un capitolo intitolato “L’esperienza vissuta del Nero”, Fanon scrive della disperazione che produce il razzismo, dell’immensa ansia di vivere in un mondo che ha deciso semplicemente che certe persone non sono umane o non lo sono abbastanza. Alle vite di queste persone, figli di un dio minore, viene assegnato un valore inferiore a quello delle vite dei potenti e dei possidenti. Una divisione internazionale dell’umanità fa a pezzi il mondo, gettando masse di persone nel fuoco dell’angoscia e dell’oblio.

Quello che sta accadendo a Rafah, la città più meridionale di Gaza, è orribile. Dall’ottobre 2023, Israele ha ordinato a 2,3 milioni di palestinesi di Gaza di spostarsi verso sud, mentre le forze armate israeliane hanno costantemente spostato i loro cannoni attraverso le zone umide di Wadi Gaza fino ai confini di Rafah. Chilometro dopo chilometro, mentre l’esercito israeliano avanza, la cosiddetta zona sicura si sposta sempre più a sud. A dicembre, con grande crudeltà il governo israeliano ha affermato che la tendopoli di al-Mawasi (a ovest di Rafah, lungo il Mar Mediterraneo) era la nuova zona sicura. Con una superficie di soli 6,5 chilometri quadrati (la metà dell’aeroporto londinese di Heathrow), la presunta zona sicura all’interno di al-Mawasi non è neanche lontanamente sufficiente a ospitare l’oltre un milione di palestinesi che si trovano a Rafah. Non solo è assurdo che Israele dice che al-Mawasi è un rifugio; secondo il diritto bellico una zona sicura deve essere concordata da tutte le parti.

“Come può una zona essere sicura in una zona di guerra se è decisa unilateralmente da una sola parte del conflitto?”, ha chiesto Philippe Lazzarini, commissario generale dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi (UNRWA); “Può solo promuovere la falsa sensazione che sarà sicura”. Inoltre, in diverse occasioni, Israele ha bombardato al-Mawasi, l’area che dice essere sicura. Il 20 febbraio, Israele ha attaccato un rifugio gestito da Medici Senza Frontiere, uccidendo due familiari del personale dell’organizzazione. Questa settimana, il 13 maggio, un membro del personale internazionale delle Nazioni Unite è stato ucciso dopo che l’esercito israeliano aveva aperto il fuoco contro un veicolo delle Nazioni Unite; si tratta di uno dei quasi 200 lavoratori delle Nazioni Unite uccisi a Gaza a cui si aggiungono gli assassinii mirati di operatori umanitari.

Non solo Israele ha iniziato a bombardare Rafah, ma ha anche inviato frettolosamente dei carri armati per occupare l’unico valico di frontiera attraverso il quale i pochi camion al giorno erano autorizzati a entrare. Dopo aver letteralmente sequestrato il confine di Rafah, Israele ha impedito completamente l’ingresso degli aiuti a Gaza. Affamare i palestinesi è da tempo una politica israeliana, che ovviamente è un crimine di guerra. Impedire l’ingresso degli aiuti a Gaza fa parte della divisione internazionale dell’umanità che ha determinato non solo questo genocidio, ma anche l’occupazione delle terre palestinesi a Gerusalemme Est, Gaza e Cisgiordania dal 1967 e il sistema di apartheid all’interno dei confini definiti da Israele dopo la Nakba (“Catastrofe”) del 1948.

Tre parole in questa frase sono fondamentalmente contestate da Israele: apartheid, occupazione e genocidio. Israele e i suoi alleati del Nord globale sostengono che utilizzare queste parole per descrivere le politiche israeliane, il sionismo o l’oppressione dei palestinesi equivalga all’antisemitismo. Ma, come notano le Nazioni Unite e numerosi autorevoli gruppi per i diritti umani, si tratta di descrizioni legali della realtà sul campo e non di giudizi morali espressi in fretta e furia o per antisemitismo. Per contrastare questa smentita, è necessario un breve excursus sull’accuratezza di questi tre concetti.

Apartheid. Il governo israeliano tratta la popolazione palestinese minoritaria all’interno dei confini definiti nel 1948 (21%) come cittadini di serie B. Esistono almeno 65 leggi israeliane che discriminano i cittadini palestinesi di Israele. Una di queste, approvata nel 2018, definisce il Paese “Stato nazionale del popolo ebraico”. Come ha scritto il filosofo israeliano Omri Boehm, attraverso questa nuova legge, il governo israeliano “approva formalmente” l’uso di “metodi di apartheid all’interno dei confini riconosciuti di Israele”. Sia le Nazioni Unite che Human Rights Watch hanno affermato che il trattamento riservato da Israele ai palestinesi rientra nella definizione di apartheid. L’uso di questo termine è del tutto veritiero.

Occupazione. Nel 1967, Israele ha occupato i tre territori palestinesi di Gerusalemme Est, Gaza e Cisgiordania. Dal 1967 al 1999, queste tre aree sono state indicate come parte dei Territori arabi occupati (che in tempi diversi comprendevano anche la penisola del Sinai in Egitto, la regione del Golan in Siria e il Libano meridionale). Dal 1999, sono stati definiti Territori Palestinesi Occupati (TPO). Nei documenti delle Nazioni Unite e presso la Corte internazionale di giustizia, Israele viene definito “potenza occupante”, un termine artistico che impone a Israele determinati obblighi nei confronti di coloro che occupa. Sebbene gli accordi di Oslo del 1993 abbiano istituito l’Autorità Palestinese, Israele rimane la potenza occupante dei TPO, una designazione che non è stata rivista. L’occupazione è identica al dominio coloniale: una potenza straniera domina un popolo nella sua patria e gli nega sovranità e diritti. Nonostante il ritiro militare di Israele da Gaza nel 2005 (che ha incluso lo smantellamento di ventuno insediamenti illegali), Israele continua a occupare Gaza costruendo una recinzione perimetrale intorno alla Striscia di Gaza e sorvegliando le acque mediterranee di Gaza. L’annessione di parti di Gerusalemme Est e della Cisgiordania e il bombardamento puntuale di Gaza sono violazioni degli obblighi di Israele in quanto potenza occupante.

Un’occupazione impone una condizione strutturale di violenza agli occupati. Per questo motivo il diritto internazionale riconosce a chi è occupato il diritto di resistere. Nel 1965, nel pieno della lotta della Guinea Bissau contro il colonialismo portoghese, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò la Risoluzione 2105 (“Attuazione della Dichiarazione sulla concessione dell’indipendenza ai Paesi e ai popoli coloniali”). Vale la pena leggere attentamente il paragrafo 10 di questa risoluzione: “L’Assemblea Generale… [riconosce] la legittimità della lotta dei popoli sotto il dominio coloniale per esercitare il loro diritto all’autodeterminazione e all’indipendenza e invita tutti gli Stati a fornire assistenza materiale e morale ai movimenti di liberazione nazionale nei territori coloniali”. Qui non c’è ambiguità. Coloro che sono occupati hanno il diritto di resistere e, di fatto, tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite sono obbligati da questo trattato ad assisterli. Invece di vendere armi alla potenza occupante, che è l’aggressore nel genocidio in corso, gli Stati membri delle Nazioni Unite – in particolare quelli del Nord globale – dovrebbero aiutare i palestinesi.

Genocidio. Nell’ordinanza pubblicata il 26 gennaio, la Corte internazionale di giustizia (CIG) ha rilevato l’esistenza di prove “plausibili” che Israele stia commettendo un genocidio contro i palestinesi. A marzo, la relatrice speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani nei Territori palestinesi occupati, Francesca Albanese, ha pubblicato un rapporto monumentale intitolato Anatomia di un genocidio. In questo rapporto, Albanese ha scritto che “ci sono ragionevoli motivi per credere che la soglia che indica che Israele stia commettendo un genocidio sia raggiunta”. Inoltre ha scritto: “Più in generale, le azioni di Israele stanno seguendo una logica genocida integrale al suo progetto coloniale in Palestina che segnala una tragedia annunciata”.

L’intenzione di commettere un genocidio è facilmente dimostrabile nel contesto dei bombardamenti di Israele. Nell’ottobre 2023, il presidente israeliano Isaac Herzog ha dichiarato che “un’intera nazione è responsabile” degli attacchi del 7 ottobre e che non è vero che “la popolazione civile non ne era consapevole e non ne era coinvolta”. L’CIG ha sottolineato questa dichiarazione, tra le altre, in quanto esprime l’intento e l’uso da parte di Israele di una “punizione collettiva”, un crimine di guerra genocida. Il mese successivo, il ministro israeliano per gli Affari di Gerusalemme e il Patrimonio culturale, Amichai Eliyahu, ha dichiarato che sganciare una bomba nucleare su Gaza era “un’opzione”, poiché “non ci sono non-combattenti a Gaza”. Prima della pubblicazione della sentenza della CIG, Moshe Saada, membro del parlamento israeliano del partito Likud del primo ministro Benjamin Netanyahu, ha affermato che “tutti i gazawi devono essere distrutti”. Gli tandard internazionali dimostrano che questi sentimenti corrispondono all’intenzione di commettere un genocidio. Come per “apartheid” e “occupazione”, l’uso del termine “genocidio” è del tutto accurato.

All’inizio di quest’anno, Inkani Books, un progetto di Tricontinental: Institute for Social Research con sede in Sudafrica, ha pubblicato la traduzione in isiZulu di I dannati della terra di Fanon, Izimpabanga Zomhlaba, tradotta da Makhosazana Xaba. Siamo molto orgogliosi di questo risultato, che porta l’opera di Fanon in un’altra lingua africana (è già stata tradotta in arabo e in swahili).

L’ultima volta che sono stato in Palestina, ho parlato con dei bambini delle loro aspirazioni. Quello che mi hanno raccontato mi ha ricordato una sezione de I dannati della terra: “A dodici, tredici anni i contadini conoscono il nome dei vecchi che hanno assistito all’ultima insurrezione e i sogni nei douars [agglomerazioni di tende], nei villaggi non sono i sogni di lusso o di promozione agli esami che fanno i bambini delle città, ma sogni di identificazione a questo o quel combattente, la storia della cui morte eroica provoca ancor oggi copiose lacrime”.

I bambini di Gaza ricorderanno questo genocidio almeno con la stessa intensità con cui i loro nonni ricordano il 1948 e i loro genitori l’occupazione che incombe su questo stretto pezzo di terra fin dalla loro infanzia. I bambini in Sudafrica leggeranno queste righe di Fanon in isiZulu e ricorderanno coloro che sono caduti per inaugurare, trent’anni fa, un nuovo Sudafrica.

Con affetto,
Vijay

*Traduzione della ventesima newsletter (2024) di Tricontinental: Institute for Social Research.

Come Potere al Popolo traduciamo la newsletter prodotta da Tricontinental: Institute for Social Research perché pensiamo affronti temi spesso dimenticati da media e organizzazioni nostrane e perché offre sempre un punto di vista interessante e inusuale per ciò che si legge solitamente in Italia. Questo non significa che le opinioni espresse rispecchino necessariamente le posizioni di Potere al Popolo. A volte accade, altre volte no. Ma crediamo sia comunque importante offrire un punto di vista che spesso manca nel panorama italiano.

Chi è Vijay Prashad?

Related posts
News

LETTERA DI ANAN DAL CARCERE

NewsPiemonteRegioniTerritori

[TORINO] DALLA PROPAGANDA ALLA REPRESSIONE VIOLENTA, OVVERO: IL GIOCO INIZIA A ROMPERSI?

NewsPrincipale

CONTRO IL GOVERNO MELONI, REAZIONARIO, PADRONALE E GUERRAFONDAIO PER UNA VERA ALTERNATIVA IL PRIMO GIUGNO MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA – h. 14 PIAZZA VITTORIO

News

[ROMA] CONTESTATA LA VON DER LEYEN A ROMA: LA VOSTRA UNIONE EUROPEA È COMPLICE DEL GENOCIDIO!

Lascia un commento