Estero

La Francia vuole estradare in Turchia Sefik Sarikaya, prigioniero rivoluzionario

Şefik Sarıkaya è un rivoluzionario turco imprigionato in Francia per il suo impegno e attivismo politico. Il 20 dicembre 2012 è stato condannato a 8 anni di reclusione per “associazione a delinquere in relazione ad associazione terroristica”. È accusato in particolare di aver organizzato un concerto del Grup Yorum e di aver organizzato raccolte di fondi per i prigionieri politici in Turchia. Il tribunale per l’esecuzione della sentenza ha appena annunciato il suo rilascio il 21 aprile. L’8 aprile, la prefettura della Loira gli ha inviato una lettera in cui gli comunicava che sarebbe stato estradato in Turchia al momento della sua liberazione.

Lo Stato francese, dopo numerose perquisizioni, la custodia della polizia, il ritiro dello status di rifugiato politico, vuole estradare Şefik Sarıkaya, prigioniero politico, in Turchia. Lo Stato francese ha sempre represso i rivoluzionari turchi attraverso retate, perquisizioni, arresti e la rimozione dello status di rifugiato politico. Oggi, stanno cercando di infliggergli una doppia punizione cercando di estradarlo. La prefettura dice che se Şefik Sarıkaya avesse dei timori sulla sua vita in Turchia, potrebbe scegliere un paese terzo. Abbiamo parlato con il suo avvocato per ottenere maggiori informazioni.

L’avvocato della Şefik Sarıkaya ci ha detto che avrebbe fatto ricorso contro la decisione della prefettura della Loira, specificando che la Şefik Sarıkaya è un rifugiato politico, il suo permesso di soggiorno è valido fino al 2022, ha un indirizzo fisso dove intende soggiornare dopo il suo rilascio. Il comitato di sostegno per la sua liberazione ha scritto una dichiarazione in cui esprime che la Francia non deve estradare un rivoluzionario e che Şefik Sarıkaya deve essere rilasciato immediatamente e senza condizioni.

Pubblichiamo di seguito la dichiarazione del Comité de Liberté en France.

*****

Şefik Sarıkaya deve essere rilasciato immediatamente!
Libertà per la Şefik Sarıkaya!

Lo Stato francese vuole estradare il prigioniero politico Şefik Sarıkaya in Turchia!
Quasi 30 anni fa, il rivoluzionario turco Şefik Sarıkaya è arrivato in Francia come rifugiato politico, uno status che gli è stato concesso.

Il 9 giugno 2008 è stato arrestato e imprigionato a seguito di un raid organizzato contro i rivoluzionari turchi che vivono nella regione parigina. Il 7 luglio 2009 è stato rilasciato con la condizionale. Tre anni dopo, il 2 novembre 2012, è iniziato il suo processo, che durerà 4 settimane. Il 20 dicembre 2012 è stata emessa la sentenza del processo. Şefik Sarıkaya è stato quindi condannato a 8 anni di reclusione. Ha scelto di non andare al suo ultimo processo, non accettando questa pesante condanna è fuggito per continuare a lottare contro il fascismo in Turchia. È stato arrestato il 23 maggio 2016 in Svizzera, tenuto in custodia della polizia per 8 giorni ed estradato in Francia.

Ha scontato la sua condanna prima al centro penitenziario di Fresnes per 16 mesi, poi, dopo una variante attraverso il centro penitenziario del Sud della Francia, è stato portato al centro di detenzione di Roanne. In ogni prigione, il nostro compagno ha dovuto affrontare l’isolamento e il decadimento dei suoi diritti.

Il 5 aprile 2020 è stato portato davanti alla commissione per l’applicazione della pena, in seguito alla quale è stato informato che sarebbe stato rilasciato il 21 aprile 2020. Il 7 aprile, ha ricevuto una visita nella prigione della Loira. Pensando di avere una possibilità di visita, si è trovato davanti a loro senza il suo avvocato. Ha rifiutato questo incontro improvvisato senza il suo avvocato. L’8 aprile, ha ricevuto una lettera dalla prefettura della Loira che lo informa che sarà preso in custodia quando sarà rilasciato dal carcere per essere estradato nel suo Paese d’origine, la Turchia. Nella stessa lettera, inviata via fax alla prigione, la prefettura gli ha anche dato la possibilità di scegliere un paese terzo ospitante.

Su questi fatti, Şefik Sarıkaya ha chiesto al suo avvocato di opporsi a questa decisione.
Şefik Sarıkaya ha vissuto in Francia come rifugiato politico per quasi 30 anni, per tutta la vita ha partecipato alla lotta contro il fascismo in Turchia. È stato preso in custodia 5 volte e ha trascorso in totale 14 anni in prigione. Oggi si trova ad affrontare una doppia condanna, lo Stato francese in collaborazione con il governo fascista turco vuole estradare Şefik Sarıkaya.

Şefik Sarıkaya ha vissuto 14 anni nelle carceri francesi. Oggi è minacciato di essere estradato in Turchia, il cui Presidente della Repubblica proclama con orgoglio di praticare la tortura.
Ricordiamo che Ayten Öztürk, una rivoluzionaria turco, era stata estradata clandestinamente dal Libano in Turchia il 13 marzo 2018. Era stata rapita, rinchiusa in una cella clandestina e torturata per 6 mesi senza che nessuno lo sapesse. Dichiarata scomparsa, è stata messa in una prigione legale dopo 6 mesi, aveva 898 segni di tortura sul corpo.

  • Il governo francese deve smettere di collaborare con lo Stato fascista turco!
  • Şefik Sarıkaya non deve essere estradato in Turchia o in qualsiasi altro paese!
  • Essere rivoluzionari, combattere contro il fascismo non è un crimine ma un dovere!
  • Şefik Sarıkaya deve essere rilasciato senza condizioni! Libertà a Şefik Sarıkaya!
  • L’imperialismo francese sarà ritenuto responsabile di tutto ciò che può accadere a Şefik Sarıkaya in caso di estradizione!

Comité de Liberté en France
@FransaOzgurlukKomitesi
comitedeliberte@gmail.com

Post simili
RegioniTerritori

[TORINO] BASTA MILIARDI ALLE IMPRESE (E A FCA)! SI’ ALLE NAZIONALIZZAZIONI!!

EsteroNews

[FRANCIA] I giorni felici della sanità?

EsteroNews

Francia. Le problematiche della riapertura delle scuole

EsteroNews

BASTA REPRESSIONE IN TURCHIA: FREE GRUP YORUM

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X