maggio, 2018

24mag12:3014:30Torino - Mai più compromessi: diritto totale ad aborto e salute!#accettolasfida

more

Dettagli evento

22 Maggio 1978 – 22 maggio 2018: 40 anni della Legge 194

MAI PIÙ COMPROMESSI: DIRITTO TOTALE ALL’ABORTO E ALLA SALUTE FISICA E PSICHICA DELLE DONNE!

Sono passati 40 anni dall’approvazione della legge sull’interruzione volontaria di gravidanza e ancora alle donne non è garantito pienamente il diritto alla salute psichica e fisica, e la libertà di scelta in tema di maternità.
La L.194/’78 è certamente una conquista ottenuta grazie alla lotta delle donne unite in un grande movimento dal basso, che denunciò l’oppressione dello Stato e del Vaticano, soprattutto verso le donne delle masse popolari, le proletarie, costrette ad abortire clandestinamente e con metodi pericolosi che spesso portavano anche alla morte.
Pur consapevoli di alcuni limiti presenti nella L.194, dopo 40 anni siamo nuovamente in piazza per denunciare come sia fortemente in pericolo il diritto alla salute per le donne, a causa del crescente numero di medici e infermieri obiettori che, più che difendere principi personali e credo religioso, ostacolano pericolosamente la libertà e la salute delle donne, in uno Stato che peraltro si proclama laico. Pertanto ci opponiamo fermamente all’obiezione di coscienza e alle politiche dei governi che già da anni stanno praticando tagli alle strutture ospedaliere anche nei reparti in cui si praticava l’aborto.
In molte Regioni, oggi, è quasi impossibile il ricorso all’IVG e la percentuale di obiettori nella penisola raggiunge vette altissime con una media nazionale del 70%: Basilicata (85,2%), Bolzano (l’81.3%) Campania (83,9%), Molise (85,7%), e Sicilia (80,6%) Veneto (76.7%), e tranne in Val d’Aosta, la percentuale non scende mai al di sotto del 50%.
Il clima oscurantista che sta attraversando l’Europa, promosso in Italia da fanatici movimenti proLife (come i manifesti, di Citizen Go, comparsi a Roma con la frase “L’aborto è la prima causa di femminicidio nel mondo”) e dai partiti di destra, è un palese attacco al diritto d’aborto che, con i connessi tagli ai servizi, diventa sempre più una minaccia per la difesa della nostra salute e della nostra autodeterminazione. E’ altresì una vera e propria guerra alle classi popolari che, anche in questo caso, vedono negarsi il diritto ad abortire, nelle strutture pubbliche, da medici obiettori che, poi, si propongono abortisti in strutture private, come anche in Spagna hanno denunciato le donne in lotta contro il progetto di legge Gallardon, gridando “Le ricche abortiscono, le povere muoiono”.

E allora noi non accettiamo più alcun compromesso e lottiamo unite per l’abrogazione dell’art.9 dalla Legge 194, dicendo a gran voce:
Fuori gli obiettori dalle strutture pubbliche e dalle farmacie!

Presidio giovedì 24 davanti al Sant’Anna dalle ore 12.30!

Ora

(Giovedì) 12:30 - 14:30

Luogo

Ospedale Ostetrico Ginecologico Sant'Anna

Via Ventimiglia 3, Torino

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X