Stay Social

Seguici su:

[Ancora fischia il vento] Il movimento europeo ora il popolo si allarga

[Ancora fischia il vento] Il movimento europeo ora il popolo si allarga

Fonte: Ancora fischia il vento
di  Francesco Cecchini 

Dal 23 al 26 maggio 2019, come deciso dal Consiglio dellUnione Europea, si terranno le elezioni europee per il rinnovo del Parlamento europeo. Affinchè si crei una vera e propria alternativa questa si sta costituendo e organizzando sui territori nazionali e nei rapporti con le altre forze politiche internazionali. Potere al Popolo ha raccolto lappello di Lisbona del 12 aprile scorso, lanciato da Podemos, France Insoumise e Bloco de Esquerda, per una rivoluzione democratica, per organizzare la difesa dei nostri diritti e della sovranità dei nostri popoli. Il breve manifesto dal titolo Et maintenant le peuple, Ahora el pueblo, Agora o povo, E ora il popolo sarà senza dubbio il nome comune delle liste alternative possibili in tutti i paesi possibili. Lidea è di fondare un nuovo movimento politico in linea con i grandi cambiamenti che alla fine hanno modificato il volto della cosiddetta sinistra, prima con la caduta del Muro e poi con la dissoluzione della socialdemocrazia nel liberalismo sociale. È necessario farlo per affrontare le sfide sollevate dallattuale violenta agonia dellUnione Europea. Il manifesto propone di voltare pagina al neoliberismo e di uscire dagli attuali trattati. In breve, una chiara linea dazione per il prossimo decennio. Mercoledì scorso, 27 giugno, al Parlamento Europeo a Bruxelles, Jean-Luc Mélenchon (Francia Insoumise), Catarina Martins (Portogallo, coordinatore nazionale del Bloco de Esquerda), Pernille Skipper (Danimarca, portavoce dell’Alleanza Rosso-Verde), Li Andersson (Finlandia, presidente dell’alleanza di sinistra), Miguel Urban Crespo (Spagna, Podemos), Malin Björk (Svezia, Partito di sinistra), si sono incontrati per firmare una dichiarazione che formalizza l’allargamento del movimento. Erano presenti anche i deputati Marisa Mattias (Portogallo, Bloco de Esquerda) e Younous Omarjee (France Insoumise). La dicharazione firmata è la seguente.
ORA IL POPOLO. Dichiarazione di Bruxelles, 27 giugno 2018. Insieme, noi forze progressiste, vogliamo un nuovo progetto per i popoli europei. Ci opponiamo ai trattati istitutivi dell’Unione europea che pongono i diritti e gli interessi delle imprese al di sopra della legge e degli interessi dei popoli e del pianeta. L’Europa non è mai stata così ricca eppure così irregolare. 10 anni dopo lo scoppio della crisi finanziaria, vediamo che i leader europei ci hanno condannato a un decennio perduto. L’applicazione dogmatica e irrazionale delle politiche di austerità non ha risolto nessuno dei problemi strutturali che hanno portato all’emergere di questa crisi. Al contrario, l’Unione ha salvato le banche ei loro proprietari, quando i costi e i rimproveri dovevano essere sostenuti dalle persone che, hanno sofferto e continuano a subire le severe politiche di austerità che influiscono sul loro benessere e sulla loro diritti. Questa politica deve essere abbandonata. Ciò significa che abbiamo bisogno di altre regole europee, liberate dal dogma della liberalizzazione del mercato, regole che pongono l’uomo e il pianeta al primo posto. È tempo di rompere con i trattati europei antidemocratici. È tempo di costruire un nuovo ordine che smentisca l’austerità forzata e la promozione del dumping sociale e fiscale. È tempo che coloro che credono nella democrazia e nella giustizia sociale rompano questa spirale negativa. Insieme, vogliamo lavorare per un vero cambiamento per la gente, contro il vecchio ordine ingiusto. Mai il bisogno è stato così grande per un movimento progressista e una cooperazione internazionale basata sulla democrazia e sulla solidarietà. La scelta dei popoli non può essere rinchiusa tra lo status quo neoliberista e l’estrema destra. Offriamo una vera alternativa: Combatteremo il dumping sociale e garantiremo i diritti sociali. I diritti dei lavoratori della protezione sociale, le leggi e i contratti collettivi devono avere la precedenza sulla libera circolazione delle imprese. Ci opponiamo al fatto che i lavoratori sono in competizione gli uni con gli altri e vogliono uno spazio di convergenza sociale dall’alto. Pertanto, dobbiamo rompere con i trattati europei e abbandonare il semestre europeo. La cooperazione europea deve basarsi su un protocollo sociale che ponga le condizioni di lavoro e i diritti sociali e collettivi al di sopra della libera circolazione di servizi e capitali. Chiederemo giustizia fiscale equa e un sistema finanziario equo, perché la libera circolazione dei capitali non deve essere una priorità per il benessere umano. Insieme, ci opporremo all’evasione fiscale e ai paradisi fiscali, sia all’interno che all’esterno dell’Unione europea. Lavoreremo insieme per garantire che le banche servano l’interesse pubblico e non gli interessi di una manciata. A tal fine, cercheremo anche di garantire il diritto al controllo pubblico e ai diritti di proprietà pubblica del settore bancario. Combatteremo contro i cambiamenti climatici e la sostenibilità ecologica. Ridurre le emissioni di gas a effetto serra deve essere una priorità chiave. Dobbiamo quindi rompere con l’approccio basato sul mercato dell’UE ai cambiamenti climatici. Invece, abbiamo bisogno di un chiaro approccio basato sul clima, nonché degli investimenti pubblici in energia pulita e sicura e tecnologie verdi. Difenderemo l’uguaglianza e i diritti delle donne. Gli attacchi dell’UE alle strutture e ai servizi sociali in molti paesi rappresentano una minaccia per l’uguaglianza e i diritti delle donne. Questo deve cambiare e l’uguaglianza deve essere raggiunta rendendo questo principio centrale per tutte le politiche europee. Difendiamo il diritto all’aborto sicuro e legale e ci opponiamo a tutte le forme di violenza di genere. Chiediamo politiche commerciali internazionali sostenibili e democratiche e rifiutiamo gli accordi di libero scambio. Gli interessi delle grandi imprese non possono ignorare le decisioni democratiche per proteggere e rafforzare la sicurezza sociale, economica e ambientale. Pertanto, le clausole di investimento che danno alle società il diritto di citare in giudizio gli Stati devono essere rimosse da tutti gli accordi commerciali dell’UE. Difendiamo il diritto di asilo e ci opponiamo alla fortezza europea. Le persone fuggono dai loro paesi a causa di guerre, conflitti e povertà, queste migrazioni sono spesso anche la causa di politiche interventiste e militariste condotte da paesi terzi. L’Europa deve essere un continente in cui le persone in cerca di rifugio sono garantite i loro diritti e la loro sicurezza. Ci opporremo alle politiche xenofobe e razziste ovunque minaccino la democrazia e la dignità umana. Ci opponiamo alla militarizzazione dell’Unione europea. Nessun fondo di bilancio dovrebbe andare alle armi. Vogliamo un divieto effettivo delle esportazioni di armi a dittature, paesi in guerra e paesi che violano i diritti umani. Lavoreremo insieme per porre fine alle politiche esterne neo-coloniali dell’Unione e alla spoliazione delle risorse di altri paesi. Nello spirito della Dichiarazione firmata a Lisbona il 12 aprile 2018, lavoreremo insieme e faremo campagne su tutta l’Unione europea su questi temi. Siamo per un cambiamento fondamentale. Non possiamo più aspettare. Vogliamo una cooperazione giusta ed equa, basata sulla democrazia e la solidarietà, che rispetti la sovranità popolare e serva gli interessi della gente. È tempo di costruire l’Europa dei popoli! E ora, il popolo!

SEGUICI SU FACEBOOK
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X