News

PICCHIATI CON BASTONI E SASSI I LAVORATORI DELLA FEDEX! NOI STIAMO CON I LAVORATORI!

Questa notte verso l’una, al magazzino Zampieri di Tavazzano (Lodi) il picchetto dei lavoratori Fedex in lotta contro i licenziamenti, convocato dal Si Cobas Lavoratori Autorganizzati , è stato aggredito a colpi di bastoni e corpi contundenti da una cinquantina di squadristi assoldati dai padroni.
La squadraccia di mazzieri è stata lasciata agire indisturbata dalla polizia che era a pochi passi e non è intervenuta. Un lavoratore del picchetto risulta ricoverato in ospedale in gravi condizioni.

Uno scenario simile era accaduto due settimane fa in un altro magazzino della logistica della Fedex a San Giuliano Milanese.

Siamo in presenza di una brutalità antioperaia di una multinazionale statunitense che opera nel nostro paese. Per poter avere le mani libere, la Fedex è uscita dalla Fedit – l’organizzazione datoriale della logistica – così da svincolarsi da ogni contratto siglato con sindacati concertativi e quindi muoversi in totale libertà. Una scelta che consente alla multinazionale Fedex di utilizzare sistematicamente guardie private e picchiatori contro i picchetti dei lavoratori.

Esprimiamo piena solidarietà ai lavoratori della Fedex aggrediti, al lavoratore gravemente ferito e al SiCobas.
Denunciamo il verminaio che emerge continuamente nel settore della logistica, gestito con modalità mafiose dalle grandi aziende che approfittano di un sistema di appalti e cooperative fasulle sulle quali la magistratura sta svelando fin troppi scheletri nell’armadio.
Gravissime sono le responsabilità del governo Draghi, che nei fatti spalleggia le aziende e che, sbloccando i licenziamenti e liberalizzando ancora gli appalti, sostiene i peggiori sfruttatori.

Ci impegniamo e chiediamo a tutte e tutti di impegnarsi e sostenere ogni mobilitazione contro l’ennesima aggressione ai più elementari diritti di chi lavora. Noi stiamo coi lavoratori #FedEx!

Lascia un commento

X