Stay Social

Seguici su:

maggio, 2019

09mag14:0017:00Torino - Fuori i fascisti dal salone del libro!#accettolasfida

more

Dettagli evento

FUORI I FASCISTI DAL SALONE DEL LIBRO!

Presidio giovedì 9 maggio, ore 14, via Nizza altezza metro Lingotto

La vicenda che vede coinvolto il Salone del Libro e la casa editrice fascista Altaforte, di proprietà di Francesco Polacchi attivista di CasaPound, divide il campo in maniera netta tra coloro che sono pronti a dichiararsi antifascisti solo nelle parate ufficiali e coloro che invece non sono disposti a lasciare spazio alle destre. Le dimissioni di Raimo e la dichiarazione da parte di WuMing di non partecipare al Salone del libro hanno costretto il direttore Lagioia a dichiararsi apertamente antifascista, tuttavia, nonostante le pressioni fatte da quest’ultimo al comitato d’indirizzo del salone – comitato nel quale, tra le varie associazioni, ci sono anche il Comune di Torino e la Regione Piemonte e che sembrerebbe essere l’unico ente che ha potere decisionale riguardo agli stand della fiera – i fascisti avranno il loro posticino e continueranno con la loro sporca propaganda.

Pensare che sarebbe bastato che la sindaca Appendino avesse preso la posizione che hanno preso alcuni suoi consiglieri, oppure che Chiamparino invece che dirsi antifascista a parole cominciasse – insieme ai suoi compagni di Liberi Uguali e Verdi – a fare qualcosa per limitare l’agibilità politica delle destre xenofobe e reazionare. Invece ancora una volta si dimostra plasticamente che se i fascisti hanno spazi è perché qualcuno glieli concede: il silenzio dalla sindaca è semplicemente imbarazzante e mette in luce la debolezza della giunta e di tutto il M5S incapace di agire sulle questioni dirimenti, mentre Chiamparino dice che non si può impedire ai fascisti “di esercitare un diritto”. Siamo ben consapevoli che quel po’ di libertà di stampa che esiste in questo paese è in buona parte dovuta alla lotta per la liberazione dal nazifascismo e dalla sua censura, quindi di quali diritti sta parlando Chiamparino?

Infine è da apprezzare che una serie di intellettuali e artisti abbiano già comunicato che non parteciperanno alla kermesse – si sono aggiunti anche Zerocalcare e Carlo Ginzburg – ma non si capisce come mai, seppur gravemente scandalizzati, molti altri continuino a dire che non bisogna lasciare il Salone ai fascisti ed è per questo che partecipano nonostante la presenza di Altaforte. L’impressione è che di fatto si dipinga il fascismo come un’opinione, sicuramente da criticare ma con la quale ci si deve confrontare come con le altre opinioni, quando invece è una forza reazionaria, criminale e antipopolare da combattere con ogni mezzo perché mette a rischio la nostra libertà.

Evento Facebook

Ora

(Giovedì) 14:00 - 17:00

Luogo

Via Nizza altezza metro lingotto

Via Nizza altezza metro lingotto

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X