dicembre, 2017

14dic18:0021:00Lecce Accetta la sfida - 4° Assemblea Territoriale#accettolasfida

more

Dettagli evento

“Noi siamo gli ultimi di un tempo che nel suo male sparirà.”

1- DIFESA E RILANCIO DELLA COSTITUZIONE NATA DALLA RESISTENZA;
2 – UNIONE EUROPEA;
3 – PACE E DISARMO;
4 – PER I DIRITTI DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI, PER IL DIRITTO AL LAVORO;
5 – PREVIDENZA;
6 – ECONOMIA, FINANZA, REDISTRIBUZIONE DELLA RICCHEZZA;
7 – SCUOLA, UNIVERSITÀ, RICERCA;
8 – BENI E ATTIVITA’ CULTURALI, COMUNICAZIONE E INFORMAZIONE;
9 – SANITÀ, ASSISTENZA, LOTTA ALLA POVERTÀ;
10 – DIRITTO ALL’ABITARE, ALLA CITTÀ, ALLA MOBILITÀ;
11 – IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA;
12 – AUTODETERMINAZIONE E LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE E LE PERSONE LGBTQI;
13 – AMBIENTE;
14 – UNA NUOVA QUESTIONE MERIDIONALE;
15 – GIUSTIZIA.

Questi sono i nostri punti programmatici.
Siamo l’unica forza politica con un programma (https://poterealpopolo.org/potere-al-popolo/programma/)
elaborato da migliaia di persone, frutto di centinaia di proposte e 4 settimane di scrittura collettiva.
Come è stato possibile?
Semplice: nel nostro Paese la Sinistra è viva!
Nessuna forza di governo, nessun “centro-sinistra” ci ha mai rappresentato in questi anni; di certo non quelli delle grandi coalizioni e delle contrattazioni al ribasso.
Né tantomeno nessuno lo farà se non saremo noi stessi a farlo.
Il nostro programma non è e non sarà negoziabile, ma, piuttosto, dovrà essere l’unico punto di partenza possibile per riconoscerci, ricostruire e ripartire.
Il 4 Marzo 2018 si svolgeranno le elezioni politiche.
Vi aspettiamo tutti e tutte Giovedì 4 Gennaio, alle ore 18:00, presso il Crocevia, in Via Silvio Pellico 8 a Lecce per la Quarta Assemblea Territoriale di Potere al Popolo – Lecce!

ORDINE DEL GIORNO:
a. Illustrazione del progetto “PaP” e del programma.
b. Individuazione delle candidature su base territoriale (collegi di Lecce)
c. Organizzazione raccolta firme e banchetti;
d. Calendarizzazione degli altri adempimenti burocratico-legali relativi alla presentazione della lista
e. Individuazione delle disponibilità di quanti vogliano dare una mano

“Noi non vogliam sperare niente.
il nostro sogno è la realtà.
Da continente a continente
questa terra ci basterà.
Classi e secoli ci han straziato
fra chi sfruttava e chi servì:
compagno, esci dal passato
verso il compagno che ne uscì.”

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++
Un mese e mezzo fa, quando i compagni e le compagne dell’Ex-Opg “Je so’ pazzo” di Napoli hanno lanciato la sfida, lo hanno fatto con poche, semplici, parole: “se nessuno ci rappresenta, se nessuna forza politica porta avanti i bisogni e gli ideali di noi sfruttati, esclusi, poveri, allora rappresentiamoci noi, facciamo parlare l’Italia di qualcosa di serio e vero e non subiamo una campagna elettorale infame, giocata sul razzismo e tutta a favore di ricchi e gruppi di potere.”

Noi siamo coloro che in questi anni non si sono mai arresi.
E non siamo ancora tutti!

Nel corso dell’assemblea nazionale al Teatro Italia il 17 Novembre, alcuni di noi erano lì perché come abbiamo avuto di dire, questa è “una sfida che ci siamo sentiti subito di accettare: per uscire dal ghetto, per scappare dalla trappola dell’autocompiacimento e della condizione marginale alla quale quest’epoca sembra destinarci. Accettare perché i margini di agibilità sono ridotti al minimo, come mai era avvenuto, mentre tutto intorno diventa più ostile e i nostri nemici prendono forza e costruiscono credibilità. Accettare per reagire, per tornare a vivere la politica come impeto, slancio, verso qualcosa di più grande, verso un idea che superi la dimensione locale e diventi parte di un discorso collettivo, su scala nazionale, che sappia unire tutte quelle realtà simili che altrimenti sarebbero slegate e quindi meno forti. […]Noi del resto siamo quelli di sempre, i compagni che da anni (qualcuno da più di un decennio) stanno per strada quando c’è bisogno, occupano immobili dimenticati e abbandonati per restituirli alla collettività, lanciano cortei per contrastare il dilagare fascista e razzista, siamo quelli che non hanno paura di sporcarsi le mani perchè da buoni comunisti crediamo che si debba lavorare nei processi storici, essere presenti, e non diventarne spettatori passivi. A questa sfida rispondiamo con il nostro impegno, con serietà e costanza, con la voglia di lottare come si è fatto fino ad ora, ma con una grande consapevolezza in più: quella di non essere più soli, ma finalmente parte di qualcosa di più grande, che ci dà la sicurezza di poter crescere e raggiungere un obiettivo.
Ancora oggi riecheggiano più forti che mai le parole di Rosa Luxemburg: socialismo o barbarie.”

Ora

(Giovedì) 18:00 - 21:00

Luogo

Crocevia

Via Silvio Pellico 8, 73100 Lecce

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X