Stay Social

Seguici su:

 

I candidati

BOLOGNA

 

https://www.facebook.com/Bolognapoterealpopolo/
https://twitter.com/PaP_Bologna

Lorenzo Piccinini, Zevio (VR), 26/07/89

30 anni, dottorato in economia con una tesi su automazione e disoccupazione tecnologica, attualmente insegnante precario in attesa del concorso che non arriva mai. Ho iniziato ad essere attivo politicamente sin dal liceo, e, iniziata l’università, ho partecipato al movimento dell’Onda. Mi sono poi avvicinato al movimento per la casa, partecipando al collettivo Bologna Prende Casa, che lavorava in stretto contatto con Asia-USB. Proprio in una occupazione abitativa nasce nel 2013 l’esperienza di Noi Restiamo, a cui mi avvicino quasi subito, contribuendo a fondare il nucleo torinese. Quando due anni fa la campagna Eurostop (a cui Noi Restiamo aderisce) decide di partecipare alla creazione di Potere al Popolo, mi impegno subito per la sua costruzione, prima nell’assemblea di Barcellona (in cui sto vivendo in quel momento) e poi, ritornato a casa, nell’assemblea di Bologna.

Maria Rachele Via, Crotone (KR), 20/05/57

Educatrice professionale e pedagogista. Lavoro da sempre nei servizi educativi e residenziali per persone con disabilità; collaboro con un Ente per le Adozioni Internazionali svolgendo attività formative e di sostegno alla genitorialità. Ho partecipato ad attività associazionistiche nell’ambito della cultura, dell’educazione alla pace e dello sport.

Marco Odorici detto Oddo, Bologna (BO), 22/10/63

Lavoro da quando avevo 15 anni in quella che oggi è la Perini S.p.A, azienda metalmeccanica a Calderara di Reno. Sono delegato Sindacale da tantissimo tempo; dopo una vita nella FIOM io e gli altri delegati siamo usciti in polemica contro il contratto del 2015 e siamo entrati in USB. Dagli anni ’80 sono stato in Democrazia Proletario e poi, dal ’92, nel PRC. Sono stato eletto tre volte al consiglio comunale di Casalecchio dal ’95 al 2009. Dal 2009 ho sostenuto l’esperienza di Bologna Città Libera e di Terre Libere. La mia attenzione è sempre stata oltre che sul mondo del lavoro, sulle aggregazioni giovanili, sull’antifascismo, sull’Internazionalismo, sulla musica e sul mondo dello sport. Tutti argomenti che hanno a loro modo un filo conduttore di collegamento e che nel corso della mia vita ho percorso ampiamente. Sempre negli anni 90, assieme ad un altro amico e compagno di lotte, ho anche tenuto una trasmissione musicale a Radio Città 103 (ora Radio Città Fujiko) che si chiamava “Balla & Difendi” la cui peculiarità era trasmettere musica alternativa (Punk, Ska, Reggae) legata strettamente alla politica.  Ho deciso di accettare la candidatura alle regionali per Potere al Popolo, riprendendo quindi a spendermi in prima persona, perché vedo in questo gruppo di giovani che animano questa Lista la forza di poter invertire la tendenza di sconfitte e divisioni. Credo fermamente che non si possa continuare a votare il meno peggio. Bisogna iniziare un percorso di risalita per rivendicare nei vari ambiti la necessità di combattere per un mondo migliore, alternativo al sistema capitalista e che guardi agli ideali comunisti senza patemi.

Edgarda Valgimigli, Rimini (RN), 11/02/89

Sono Edgarda e faccio parte di Potere al Popolo Imola. Nella vita privata lavoro come estetista e sono mamma di una bambina di 9 anni. Mi sono avvicinata alla politica nel 2008, quando insieme al collettivo studentesco Imolese ci siamo mobilitati contro la riforma Gelmini, ho poi proseguito l’attività politica nei Giovani Comunisti con i quali mi occupavo di antifascismo ad Imola e Circondario. Circa un anno fa mi sono avvicinata a Potere al Popolo, volendo continuare la lotta in azioni concrete ho iniziato a partecipare alle riunioni ed alle attività politiche svolte dall’assemblea. Al momento con i compagni di Imola ci occupiamo di politica abitativa con lo Sportello Antisfratto, lotta alle discriminazioni con Rivolta Gaya (Imola Pride per i diritti LGBTQ) o con tutte le attività volte a includere, sostenere e lottare per i diritti di tutte e tutti.

Alessandro Bernardi, Bologna (BO), 28/07/54

65 annj, dipendente privato. Per una “fortunata congiuntura astrale” ho potuto partecipare al ´68 e al ´77 a Bologna. Nel nuovo secolo ho partecipato al movimento No Global nel Bologna Social Forum. Mi sono dedicato soprattutto alle tematiche relative all’ambiente, facendo parte del Forum Italiano Movimenti Acqua e del Comitato No People Mover. Dentro PAP Bologna coordino il tavolo di lavoro sull’’ambiente.

Debora Tognoni, Ascoli Piceno (AP), 06/09/90

Vivo dal ´94 a Bologna, città di cui ho potuto vedere l’involuzione tra lavori precari e un paio di forzate rinunce agli studi. Attualmente matricola in scienze chimiche all’Unibo. Lotte studentesche a parte, sono militante in Potere al Popolo per la provincia bolognese da un anno, dove abbiamo costruito un tavolo per la questione ambientale e la comunicazione della quale seguo il versante social media.

Matteo Nanni, Castel San Pietro Terme (BO), il 17/07/90

Ho partecipato nella lista M5S alle elezioni amministrative a Castel San Pietro Terme nel 2014. Dopo pochi mesi, compresa la natura profondamente ipocrita del movimento di Grillo e Casaleggio, abbandono il M5S e rifiuto il posto di consigliere comunale. Conosco Potere al Popolo grazie all’ex gruppo di Rifondazione Comunista di Imola, e partecipo all’assemblea territoriale di Imola da quando è nato. Inizio a partecipare alle iniziative pubbliche e ai progetti di mutualismo, in primis lo Sportello Antisfratto. Da musicista e appassionato di lingue (italiana e straniere), il mio interesse principale è la cultura, vera chiave di cambiamento della società̀, nonostante sia smantella giorno dopo giorno, a partire dalla scuola e dagli spazi di aggregazione giovanile e popolare.

Ilaria Cenni, Faenza (RA), 02/08/68

Titolo di studio: diploma. Sono operaia metalmeccanica presso Cisa Faenza. Pratici diversi sport, tra cui nuoto, atletica, sci alpino, e sono istruttrice di yoga. Partecipo inoltre a gare di ballo di ogni genere.

Lorenzo Trapani, Treviso (TR), 31/01/89

30 anni, sono originario di Treviso ma vivo a Bologna da più di un decennio. Sin da giovane mi sono interessato di antifascismo e giustizia sociale, da ricercare attraverso l’organizzazione delle e tra le persone, per imparare a usare al meglio le due armi che la Storia ci dice possono rovesciare il mondo: la solidarietà e l’intellettuale collettivo. Il mio impegno in Potere al Popolo è da subito determinato e forte, attualmente sono nel coordinamento nazionale e credo che queste elezioni siano un ottimo volano per riuscire a parlare con gli esclusi (dal sistema di amministrazione della regione a guida PD) e i traditi (da chi predica la rottura ma è subdolo e complice dei nostri sfruttatori).

Modena

https://www.facebook.com/poterealpopolomodena/

 

Patrizia Manzini, Modena, 13/07/53

Sono stata insegnante della scuola dell’infanzia comunale di Modena praticamente tutta la mia vita e ora mi godo la pensione. Nell’arco degli anni, ho svolto moltissime attività di mutualismo, credendo fortemente nell’iniziativa del singolo per l’impegno sociale. Il mio rapporto con la militanza partitica è stato piuttosto conflittuale, nel senso che credo che la gerarchizzazione di partito frenino molto l’entusiasmo e il lavoro concreto e reale di cui i territori hanno bisogno. Almeno questo era il mio sentimento finché non si è affacciato Potere al Popolo sulla scena politica. Ho sempre creduto che fare politica volesse dire migliorare le condizioni di vita delle persone, e questo movimento che parte dalla conoscenza delle esigenze dei territori, lasciando le assemblee libere di articolare il lavoro come meglio credono mi ha convinto. Ho quindi, un anno fa, alla tenera età di 65 anni, fatto la mia prima tessera.

Alice Miglioli, Modena (MO), 30/03/84

Ho iniziato la militanza politica a 14 anni. Dopo tanti anni di lotta sul territorio, nelle scuole e a fianco del movimento anti-globalizzazione, ho vissuto parecchi anni in cui sono stata lontana dalla politica a leccarmi le ferite di Genova e della sconfitta. Grazie a Potere al Popolo ho ritrovato l’energia per tornare a lottare, e ora sono portavoce dell’assemblea provinciale di Modena assieme a Flavio Novara. Sul territorio abbiamo parecchi fronti aperti. Io in particolare ho lavorato molto sul parco “22 aprile”, parco cittadino costantemente presente sulla stampa locale per questioni di spaccio e degrado, che l’amministrazione pensa di risolvere militarizzando la zona. Noi abbiamo invece rimesso in sesto il parco e le strutture sportive, incentivando il quartiere a vivere lo spazio sociale pubblico, convinti che questo sia il reale contrasto al fantomatico degrado. Attualmente sono impiegata interinale presso l’Università di Modena e Reggio Emilia, con la speranza di poter finalmente interrompere la vita lavorativa “flessibile”.

Francesco Fida, Sassuolo (MO), 15/04/98

Sono uno studente all’ultimo anno di Economia e Marketing Internazionale, e l’anno prossimo inizierò gli studi magistrali con una specialistica in ambito economico-statistico. Sono un volontario Emergency, e presto servizio sempre di volontariato come doposcuola per i bambini e ragazzi del campo sinti di San Damaso. In ambito lavorativo ho svolto per due anni, fino l’Erasmus, la professione di tutor nelle scuole superiori, per aiutare i ragazzi in difficoltà sia nelle ore scolastiche che extrascolastiche. Credo fortemente nel progetto di Potere al Popolo, e sono pronto ad impegnarmi anche in prima persona per lottare a favore di quei diritti imprescindibili, oggi più che mai a rischio.

Samuele Serafini, Modena (MO), 09/05/98

Sono un ragazzo di vent’anni deluso dalla piega che ha preso questa società, ragione per la quale ho deciso di impegnarmi nel mio piccolo in prima persona come volontario Emergency e trovando risposte nel progetto di Potere al Popolo. Quest’ultimo coincide con la mia prima presa di posizione a livello politico, motivo per cui il mio “curriculum” può risultare scarno. La mia attività politica quindi la si può definire da quattro chiacchiere: al bar davanti a una birra con gli amici, nelle assemblee scolastiche, coi colleghi d’ufficio, in polisportiva con i genitori dei ragazzini.

Flavio Costantino Mario Novara, Milano (MI), 26/02/1966

Antifascista, difensore dei valori della Resistenza e della Repubblica Costituzionale. Professione Tecnico dei Processi Produttivi e dell’Industrializzazione del Prodotto, sono anche giornalista e direttore di Alkemia, testata online con collaborazioni ed inchieste nel campo economico e politico nazionale ed internazionale con riferimento al Medio Oriente. Consigliere comunale a Modena dal 1995 al 1999, sono stato anche candidato sindaco nel 2014 per la lista civica de l’Altra Modena.

Maria Gioia Caleffi, Carpi, 01/07/1980

Militante antifascista. Attiva nella difesa dei diritti sociali, sono da sempre schierata contro tutte le guerre ingiustificatamente definite “umanitarie” e nella difesa dei diritti dei lavoratori. Militante attiva per il referendum contro la privatizzazione dell’acqua, nella difesa dell’ambiente, del territorio e dei diritti costituzionali.

Annamaria Raiola, Napoli (NA), 09/09/68

Nella vita faccio l’operaia presso Marazzi Group. Sono testarda, appassionata e determinata, quando credo in un ideale combatto sempre con slancio e ardore. Da 15 anni sono una rappresentante sindacale (RSU e RLS) dei lavoratori per la CGIL.

PARMA

https://www.facebook.com/poterealpopoloparma/

 

Stefano Carosino, Parma (PR), 13/06/86

Laureato in triennale in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali presso l’Unibo nel 2008. Negli anni dell’università partecipa all’attività di alcuni collettivi studenteschi e a diverse mobilitazioni, anche durante il periodo di scambio trascorso a Bilbao, in particolare contro il denominato “processo di Bologna”. Dopo aver svolto alcuni lavori precari nel campo della ristorazione e dell’edilizia, anche in Spagna e in Belgio, è attualmente disoccupato. Dal 2011 al 2016 ricopre come indipendente l’incarico di Assessore presso il Comune di Busseto (paese di 7 mila abitanti da cui proviene), collaborando attivamente alla realizzazione di progetti in materia di salvaguardia dell’ambiente, riduzione del consumo di suolo, contrasto alla cementificazione, pianificazione partecipata del territorio, turismo, cultura. Dal 2016 è consigliere comunale nel medesimo comune.  Candidato dall’assemblea di Parma per Potere al Popolo alle politiche del 4 marzo 2018, attualmente è membro del Coordinamento Nazionale.

Sofia Bacchini, Parma (PR), 27/03/91

Da sempre attiva nella politica antagonista cittadina e nelle lotte internazionaliste. Dopo la laurea triennale in Scienze Politiche a Bologna e un master in Mediazione inter-Mediterranea a Venezia, mi sono specializzata in Relazioni Internazionali del Medio Oriente. Da alcuni anni lavoro nel settore dell’accoglienza come mediatrice e a gennaio 2019 sono diventata ricercatrice del Centro Studi Movimenti di Parma.

Domenico Colaninno detto “Mimmo”, Gravina in Puglia (BA), 18/05/74

Inizio l’attività politica in Puglia al congresso del PCI nel 1990 dove mi oppongo allo scioglimento e confluisce in rifondazione. Dal ’96 sono nel PCI, fino al ’98 quando esco dopo l’aggressione alla Jugoslavia, e fonda l’associazione Karl Marx. Operaio in fabbrica per 13 anni nell’indotto del mobile imbottito, sono RSA CGIL. In seguito alla crisi aziendale mi trasferisco a Parma, dove aderisce all’USB e al GAP (Gruppo Azione Palestina) fino all’approdo in PAP.

Chiara Pollio, Cercola (NA), 24/04/87

Candidata anche a Ferrara.

REGGIO NELL’EMILIA

https://www.facebook.com/PotereAlPopoloReggio/

 

Sara Cocconi, Montecchio Emilia (RE), 28/02/77

Sono laureata in Psicologia e collaboro con diverse cooperative sociali del territorio, occupandomi prevalentemente di progetti rivolti a minori e disabili, insieme ai servizi sociali e alle associazioni cittadine. Ho prestato servizio di volontariato a Nocera Umbra (PG) e a Cavezzo (MO) durante l’emergenza terremoto.  Mamma single per scelta, mi piacerebbe impegnarmi nel sostenere i diritti civili. Mi candido con Potere al popolo perché una società migliore si costruisce dal basso e il mutualismo insieme ad una buona politica può essere la strada.

Davide Leoni, Correggio (RE), 20/06/77

Sono sposato con due figlie, laureato a Bologna in storia contemporanea, sono docente di sostegno nella scuola secondaria di secondo grado, mi occupo in particolare dell’integrazione degli alunni diversamente abili e con difficoltà di apprendimento. Ho contribuito a fondare la Casa del popolo “Spartaco” di Correggio (RE) con cui continuo a lavorare.

Alessandro Medici, Sassuolo (MO), 04/09/77

Sono stato consigliere comunale a Casalgrande dal 2004 al 2016, e nel 2014 candidato sindaco. Sono stato nel nucleo fondativo del Gruppo d’Acquisto Solidale, e tra i fondatori e membro dell’associazione Notti Rosse che opera in campo culturale, sociale e politico. Militando attivamente in essa ha partecipato alle campagne referendarie, acqua e costituzionale in primis, agli aiuti post terremoto e alluvione con le BSA, promuovendo azioni dirette e raccolte fondi. Ha sostenuto le lotte dei lavoratori del distretto ceramico e promosso la creazione di uno sportello popolare del lavoro. Inoltre ha lanciato iniziative antimafia con focus sui processi emiliani e ambientali come la campagna contro la bretella Campogalliano/Sassuolo. Ho partecipato, in ambito internazionale, a campagne di sostegno della crisi greca, promozione e divulgazione della causa del popolo Curdo e Palestinese. Ho trovato in Potere al Popolo un naturale sviluppo della sua esperienza politica.

Giulia Turrini, Correggio (RE), 11/12/84

Lavoro in un’azienda di stampaggio materie plastiche. Mi sono sempre impegnata e nel 2014 ho trovato l’esperienza della Casa del Popolo di Correggio (RE), in cui vivo. Questo incontro mi ha dato l’opportunità di mettermi in gioco in prima persona e di lavorare insieme ad altre compagne e compagni per il riscatto della classe lavoratrice. Ho trovato la stessa volontà in Potere al Popolo e ho deciso di investire anche in questo percorso.

Stefano Carosino, Parma (PR), 13/06/86

Candidato anche a Parma.

FORLÌ-CESENA

https://www.facebook.com/poterealpopoloforli/

https://www.facebook.com/poterealpopolocesena/

 

Gerardo Di Stasio, Picerno (PZ), 20/03/80

Sono nato in provincia di Potenza e mi sono laureato a Bologna in Relazioni Internazionali. Ora lavoro e vivo a Forlì. Sono un addetto vendite di una nota catena di abbigliamento che fa parte della G.D.O. La mia ottima duttilità lavorativa mi permette di ricoprire più mansioni, tra le quali la carica di rappresentante sindacale unitario Filcams CGIL con un’esperienza quasi decennale.

Cristina Mainetti, Forlì (FC), 11/12/85

Sono nata a Forlì, residente e abitante da subito a Santo Sofia. Ho iniziato a lavorare a 15 anni. Ad oggi sono titolare di un negozio di abbigliamento nel mio paese. Ho sempre lavorato a contatto con il pubblico e ho imparato ad ascoltare tutto e tutti, a capire i bisogni, cosa manca e cosa si vuole. E soprattutto ho imparato a migliorare e crescere insieme. Più passano gli anni e più ci voglio credere che qualcosa possa cambiare. Credo che Potere al Popolo sia un buon inizio e una speranza di qualcosa di nuovo. E se ci crediamo, volere è potere!

Edoardo Martini, Lugo (RA), 03/11/96

Studio ingegneria Gestionale a Bologna, dal 2009 partecipo ai movimenti, tra cui quello degli Indignados. Potere al popolo è la mia prima esperienza di militanza in una forza politica, spinta dall’importanza dei temi quali l’ecologia, pacifismo, la critica all’autonomia differenziata e la difesa dei diritti dei lavoratori.In parallelo sono attivo anche nella campagna Mai Più Sfruttamento Stagionale che si è sviluppata nell’ultima estate in tutta la riviera romagnola, tramite la raccolta di dati e facendo rete tra i lavoratori sfruttati della stagione, oppressi da salari e condizioni di lavoro inaccettabili, per organizzarsi e affrontare chi dovrebbe controllare questo sistema, ma che da sempre si gira dall’altra parte.

Rosaria Valenti, Napoli (NA), 03/04/79

Sono nata da una famiglia operaia, ho studiato Giurisprudenza a Napoli e, dopo una lunga militanza nei movimenti studenteschi, sono diventata avvocata. Gli impegni di lavoro mi hanno allontanato dalla militanza ma non ho mai smesso di usare ogni spazio possibile per la difesa dei diritti. Ora con Potere al Popolo sono riuscita a ritrovare il tempo e la forza per l’impegno civile e politico!

RAVENNA

https://www.facebook.com/PoterealPopoloRavenna/

 

Gabriele Abrotini, Ravenna, 10/06/53

Diplomato geometra, lavoro all’ENEL per quasi 40 anni come progettista e coordinatore per la sicurezza. Ora in pensione dopo aver vissuto per quattro anni come esodato. Da sempre presente nei movimenti ambientalisti e di difesa del territorio è tra i primi aderenti al ramo italiano dell’associazione ATTAC, è attivo nella difesa dei beni comuni, fin dalle prime battute è stato referente provinciale per Ravenna del Forum Italiano dei Movimenti per l’acqua. Attivo nell’ambito dell’economia solidale è tra i fondatori, 10 anni fa, del primo gruppo d’acquisto solidale di Ravenna, appoggia diversi gruppi locali che operano nell’ambito della solidarietà internazionale. Nel 2016 è candidato nella lista “Ravenna in comune”, nel 2018 è tra i fondatori di Potere al popolo a Ravenna.

Andrea Casadio, Faenza (RA), 16/10/91

Diplomata al liceo Socio Pedagogico, sono attualmente disoccupata, dopo avere svolto la mansione di barista per 9 anni. Pratico vari corsi di danza e nuoto.

Roberto Gentilini detto “Piumino”, Faenza (RA), 31/7/74

Titolo di studio: Perito Trasporto Aereo. Sono operaio metalmeccanico presso Cisa Faenza, già componente della RSU. Ho praticato Atletica Leggera a livello agonistico. Sono inoltre Responsabile Osservatorio Meteorologico Comunale di Faenza.

Lorenza Milesi, Bergamo, 24/09/76

Titolo di studio: analista contabile segretaria di azienda. Sono operaia metalmeccanica presso Cisa Faenza, già delegata RSU, e attualmente faccio parte del C.D. Cral Cisa.  Pratico inoltre nuoto, bicicletta e faccio teatro.

FERRARA

https://www.facebook.com/PoterealpopoloFE/

Michele Nani, Ferrara (FE), 12/08/71

Dopo un lungo precariato universitario, alternato all’insegnamento nei licei, sono ora ricercatore presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche: mi occupo di storia sociale del lavoro, dell’abitare e delle migrazioni. Ho partecipato ai movimenti studenteschi medi e universitari degli anni Ottanta e Novanta, poi alla stagione dei “centri sociali”, alla prima Rifondazione e ai “social forum”. In seguito mi sono dedicato a forme di militanza culturale, ma i nostri tempi di devastazione ambientale, diseguaglianze crescenti e nazional-razzismo impongono a ciascuno di “fare politica”: Pap è lo spazio migliore per non cedere all’atomizzazione nel privato e al senso di impotenza, per mantenere un orizzonte alternativo e radicale, il solo all’altezza delle sfide epocali del presente.

Chiara Pollio, Cercola (NA), 24/04/87

32 anni, ricercatrice universitaria precaria. Per deformazione professionale, sono particolarmente interessata e attenta a tutto ciò che riguarda le disuguaglianze economiche, che possiamo definitivamente abbattere solo se pensiamo ad un cambio di sistema. Ho fatto le mie prime esperienze politiche nei movimenti studenteschi dell’onda del 2008. Da allora, ho sempre provato e coltivato un obbligo a lavorare con tutta la passione e la lucidità possibili per trasformare un sistema ingiusto, in cui a fare le spese sono sempre gli sfruttati, i deboli, quelli che sono senza diritti. Faccio parte del Coordinamento Nazionale di Potere al Popolo, e sia a livello nazionale che sul mio territorio mi occupo principalmente di portare un contributo organizzativo e di proposte sui temi del lavoro e dell’autonomia differenziata.

Giancarlo Dondi, Ferrara, 05/07/62

Sono un muratore e pompiere precario di 57 anni. Da quando ero ragazzo sono stato impegnato in movimenti politici, sociali, case del popolo. Sono affetto da “valsusismo”, e profondo da anni tutte le mie energie per portare forze militanti a quel movimento. Sono in Potere al Popolo perché voglio riparlare con la gente di un tema che è stato abbandonato dalla sinistra di partito e di movimento: il lavoro! E sono qui anche perché volevo fare il “soldato” della rivoluzione, e mi sono ritrovato a fare l’“operaio” di partito.

X