Stay Social

Seguici su:

[Pisa] I lavoratori Bekaert siamo Noi

Iniziativa di sostegno promossa da Potere al Popolo Pisa e Valdera

Martedì 4 dicembre dalle ore 19.30
Circolo arci “Il Botteghino”
Via Toscoromagnola – La Rotta, Pontedera (PI)

Apericena a sostegno degli operai della Bekaert di Figline Valdarno.
5 euro
(Anche piatti vegetariani e vegani)

Tutto il ricavato dell’apericena e le offerte della serata saranno devoluti al sostegno e alla lotta dei 318 operai che rischiano il posto di lavoro.
All’iniziativa interverranno una delegazione di operai Bekaert e operai e delegati Piaggio.

Potere al Popolo – Pisa
Potere al Popolo – Valdera e provincia di Pisa

Nel giugno scorso Bekaert ha annunciato la decisione di chiudere la fabbrica di Figline Valdarno, e i lavoratori da allora occupano il sito: dopo che il gruppo belga ha comunicato a Rsu, sindacati e autorità competenti la decisione di cessare le attività, sono partite le lettere di licenziamento per i 318 dipendenti, la cui età media è intorno ai 50 anni.

Secondo l’azienda, che aveva rilevato lo stabilimento da Pirelli nel 2014, «a causa dei suoi costi strutturali notevolmente superiori rispetto a quelli degli altri stabilimenti di rinforzi in acciaio per pneumatici di Bekaert nella regione Emea (Europa, Medio Oriente, Africa), il sito non è stato in grado di generare performance sostenibili dal punto di vista finanziario… (quindi)… la direzione non vede alternative per salvaguardare e rafforzare la propria posizione nei mercati europei della produzione dei rinforzi in acciaio per pneumatici».

Come sempre, la “razionalità” e le regole del mercato capitalistico mettono allo stesso livello macchinari, merci, finanze ed esseri umani. Finiti i margini di profitto in un sito produttivo si mettono i lavoratori a casa, si rubano i mezzi di produzione e si delocalizzano dove la mano d’opera costa meno, sino a quando si troveranno altri esseri umani ancora più “competitivi”….

Gli operai della Bekaert hanno detto NO!, bloccando i macchinari e iniziando una vertenza che sta ottenendo i primi risultati.

Un breve comunicato dei lavoratori Bekaert

L’azienda ha richiesto la CiGS e questo per noi anche se non è la soluzione , rappresenta sicuramente un traguardo. Però ci troviamo a vivere un momento delicato perché è facile sentirsi impotenti e lasciarsi andare all’attesa di quello che sarà di noi, di come andrà a finire. Ma non è da noi! Siamo stati protagonisti di una nuova stagione di lotta e di entusiasmo che ha fatto riemergere la solidarietà del Valdarno e non solo. Abbiamo presidiato la nostra fabbrica durante le ferie con musica, pittura, fantasia, striscioni e teatro. Abbiamo imparato a conoscerci e siamo rimasti uniti nel richiedere la CIGS. Ora continuiamo a presidiare il processo di reindustrializzazione del nostro stabilimento prendendo forza dalle vittorie dei lavoratori della Logistica #MagicPack (CR)che hanno appena sventato gli annunciati 71 licenziamenti ed hanno ottenuto addirittura le 5 settimane di ferie consecutive. E dai 35 lavoratori della #Melegatti di Verona che proprio 2 giorni fa sono rientrati in fabbrica in seguito all’acquisto da parte della famiglia Spezzapria, ad assicurarci pandori e panettoni anche per questo Natale!

Mentre diamo la nostra solidarietà ai lavoratori della #GIGAGrandicucine di Scandicci in sciopero davanti ai cancelli contro i 20 esuberi su 50 lavoratori annunciati dal gruppo statunitense Middleby che vuole delocalizzare la produzione di 3 prodotti.

 

PaP_BekaertDEF

No Comments

Post A Comment
X