Stay Social

Seguici su:

ELEZIONI IN ANDALUSIA. ESPLODE VOX. COS’È E CHI RAPPRESENTA QUESTA NUOVA ESTREMA DESTRA?

Le elezioni in Andalusia (Spagna) di ieri rischiano di essere l’ennesimo terremoto elettorale di questi ultimi anni. Per la prima volta dopo 36 anni il PSOE (Partido Socialista Obrero de Espana) è assai probabile non sarà più il partito di governo. Il calo di consensi ha dello straordinario: – 500.000 preferenze. Quest’erosione non è stata raccolta da Unidos Podemos che, a sua volta, perde voti rispetto allo scenario delle ultime elezioni andaluse, guadagnando 17 seggi contro i 20 che precedentemente detenevano Podemos e IzquierdaUnida.
Chi ci ha guadagnato e dov’è il terremoto? Non il PP (PartidoPopular), punito anch’esso nelle urne e che, nonostante tutto, è realistico vada ad esprimere il prossimo presidente dell’Andalusia. A esplodere letteralmente sono stati Ciudadanos e, soprattutto, Vox. Se lo Stato Spagnolo era stato finora esente dalla minaccia di una forza di estrema destra sul modello del FN (Front National) francese o della Lega italiana, ora non più. Vox ha fatto registrare un successo incredibile: ha moltiplicato i suoi voti per venti ed è passata dal non aver alcuna rappresentanza al portare dentro al Parlamento andaluso ben 12 eletti.

Ma che partito è Vox? La voce di chi rappresenta? Che progetto porta avanti?
Per capirlo abbiamo tradotto un articolo di qualche settimana fa di Brais Fernandez, compagno di Podemos, che ne tracciava le linee essenziali. Perché abbiamo bisogno di conoscere e capire, così da avere tutti gli strumenti per affrontare un nemico che a livello continentale pare rafforzarsi sempre più ad ogni tornata elettorale.

Il nuovo-vecchio mostro della Spagna
Brais Fernandez*

Traduzione a cura di Andrea Mencarelli (Coordinamento Nazionale Potere al Popolo!) dell’articolo originale pubblicato su: Jacobin

Il 7 settembre, il partito di estrema destra Vox ha riempito l’arena spagnola di Vistalegre con diecimila nostalgici del regime di Franco, neofascisti, estremisti cattolici e reazionari di ogni tipo. Nell’organizzare uno spettacolo di questo tipo, Vox ha avuto buoni motivi per scegliere questo luogo particolare, cioè la stessa arena in cui Podemos ha tenuto i propri congressi. Il partito di estrema destra ha organizzato qui il suo raduno per mostrare la propria forza.

Vox ha voluto vantarsi come l’antagonista naturale della nuova sinistra nata dal movimento anti-austerity 15M. E ci è riuscito. Da questo evento, il nome Vox è apparso sui media, i suoi leader sono su tutti i giornali, e il partito ha iniziato ad essere preso sul serio dai sondaggi di opinione (passando da zero per cento a circa il 5 per cento in pochi mesi).

L’evento di Vistalegre segna una svolta nella politica spagnola: l’ascesa di una nuova estrema destra, in un paese un tempo considerato un’eccezione alla minaccia fascista globale.

Le origini

Vox è stato creato nel 2013 sotto la guida di Alejo Vidal Quadras, ex leader del PartidoPopular (PP) – il partito tradizionale della destra spagnola. Quadrasha impostato Vox sull’obiettivo esplicito di “radunare gli elettori di destra disillusi dalle politiche del PP”. Tuttavia, questa operazione non è decollata come ci si aspettava, e questo voto di destra critico nei confronti del PP è stato invece raccolto da forze alternative con un profilo ideologico meno tagliente, come Ciudadanos o l’UniónProgreso y Democracia (anche se quest’ultima è ormai quasi scomparsa).

Questo fallimento ha portato alla prima crisi di Vox; dopo aver sostenuto relazioni più strette con queste altre forze di centro-destra, il suo presidente fondatore Quadras ha presto lasciato il partito, che ora è stato riorganizzato su nuove basi. Nel settembre 2014 Santiago Abascal è diventato presidente di partito (ruolo che ricopre ancora oggi) e ha iniziato a spostare il partito da posizioni tradizionalmente conservatrici a una nuova destra reazionaria: uno spostamento allineato ad altri fenomeni globali, seppur con caratteristiche inequivocabilmente spagnole.

Le idee di Vox si collegano con l’onda reazionaria che si diffonde in tutto il mondo. Esprime un potente odio contro le tradizioni della sinistra; il suo anticomunismo (“contro i rossi”) si traduce in attacchi contro la minaccia fantastica del “marxismo culturale”. I suoi militanti sostengono che quest’ultimo ha colonizzato le menti dei cittadini, minacciando così i valori alla base della coesione della Spagna.

Uno degli obiettivi principali della rabbia di Vox è il movimento femminista e LGBTQ, che accusa di aver organizzato il lavaggio del cervello nelle sale conferenze e nei media presumibilmente egemonizzati dalla politica di identità. Asserendo la propria “politicamente scorretta” in buona fede e rivendicandosi vittima della “censura progressiva”, Vox si dipinge nei colori del bianco produttore spagnolo che si alza doverosamente al lavoro ogni mattina, e che – che sia capo o lavoratore – si vede minacciato da orde di migranti che vengono a rubare il suo lavoro.

Tuttavia, Vox mantiene i tratti fondamentali del conservatorismo spagnolo. La tradizione fascista spagnola non si è mai lasciata sfuggire sfumature troppe “rivoluzionarie”. Il fondatore del Falange Española, Jose Antonio Primo de Rivera, e il generale Franco hanno sempre cercato di adottare un discorso più “reazionario” che “rivoluzionario”.

Queste figure hanno molto a che fare con il fatto che, fin dalle sue origini, il compito principale del fascismo spagnolo è stato quello di organizzare la controrivoluzione contro la sinistra, in un paese la cui formazione sociale significa che la piccola borghesia e la classe media sono sempre state profondamente legate alla struttura politica della classe dominante e dell’aristocrazia. A parte alcune minoranze di poco più ampia portata, il fascismo spagnolo è sempre stato realista, guardando al re per una fonte tradizionale di legittimità rispetto ad altri fascismi europei ricercati altrove.

Un’altra matrice ideologica che stabilisce un rapporto familiare tra Vox e questa tradizione nazional-reazionaria è la sua difesa di un’eredità di hispanidad (“spagnolezza”). Anche se pochi lo ricordano ancora, la Spagna era certamente un tempo un impero globale, che conquistò l’America e metà dell’Europa nel sangue e nel fuoco. Anche se questa eredità è difficile da rivendicare, anche in termini di sviluppo (la monarchia imperiale era solo un’escrescenza parassitaria, basata sull’errore militare, sul colonialismo religioso e sul sottosviluppo delle forze produttive), essa opera come una versione spagnola di “Make America Great Again,” di Donald Trump, anche se con una base materiale molto minore nelle realtà attuali.

Si tratta di un neoimperialismo privo di portata imperiale, che finisce così per indirizzare questi desideri frustrati verso un nazionalismo spagnolo acuto nel contesto interno: i galiziani, i baschi e, oggi, gli indipendentisti catalani sono – insieme ai “rossi” – i nemici per eccellenza su cui si fonda il progetto della destra spagnola. La stessa Vox potrebbe approfittare di una certa disaffezione nei confronti della destra tradizionale, accusata di essere troppo “morbida” nei confronti di un nemico interno visto come se fosse stato nell’offensiva attraverso il recente e turbolento incantesimo della politica spagnola.

Un possibile avanzamento

Quello che sappiamo per certo è che è ancora troppo presto per dire come si svilupperà il fenomeno Vox. I sondaggisti gli danno ancora punteggi relativamente bassi (quelli che gli danno le percentuali più alte lo valutano al 5% dei voti). Tuttavia, la sua improvvisa scoperta ha già avuto effetti immediati, permettendoci di indovinare alcuni dei modi in cui potrebbe svilupparsi in futuro.

Vox è cresciuta ai margini della politica ufficiale. I suoi leader hanno dovuto fare attenzione in un mercato politico già saturo di conflitti e di un’offerta eccessiva di alternative. Ma hanno abilmente operato nel mondo della società civile, costruendo organizzazioni e think tank con cui relazionarsi a varie sezioni della destra.

Il padrino di questo mondo è l’ex primo ministro Jose María Aznar, intimo ammiratore di George W. Bush, che ha accompagnato nell’avventurosa avventura in Iraq. Aznar e l’intero settore neoconservatore che egli rappresenta hanno trascorso anni lontano dal fronte politico, amareggiati come sono dalla leadership del PP sotto il primo ministro Mariano Rajoy (prima di essere destituito da questa carica qualche mese fa da una mozione di censura guidata dalla sinistra e dai partiti a favore dell’indipendenza, riportando così al potere il Partito Socialista Spagnolo dei Lavoratori Socialisti [PSOE], lo storico partito socialdemocratico,). Eppure, anche allora, questo settore neoconservatore ha continuato a lavorare sulla clandestinità, in una ricomposizione ideologica della destra politica.

Questo posizionamento “ai margini” ha permesso a Vox di apparire con un discorso anti-establishment, anche se i suoi leader sono persone che vengono…. dall’establishment. Ad esempio, Aznar (che rimane membro del PartidoPopular) ha definito lui stesso il capo della Vox Santiago Abascal “un ragazzo pieno di talento”.

Ma Vox non si è fermato a costruire legittimità tra i circoli influenti di destra. Ha anche iniziato a mettere in atto una strategia di accumulazione attiva, cercando di penetrare nei quartieri popolari, fomentando la paura dell’immigrazione e l’opposizione alle politiche della sinistra. Ad esempio, a Usera – da tempo uno dei quartieri più popolari di Madrid – Vox ha usato tattiche molto aggressive, preparando le riunioni al municipio e soprattutto attaccando con violenza il consigliere distrettuale Rommy Arce, che è la prima donna migrante a diventare consigliere nella capitale spagnola.

La mobilitazione attiva del risentimento contro ciò che Vox considera intollerabile (una donna marxista, femminista, migrante di origine operaia in carica) ricorderà molte delle vecchie tattiche dell’estrema destra europea, che ha mobilitato gli strati della classe media nei quartieri poveri per rimettere al loro posto i socialisti che hanno raggiunto una posizione di potere. Questo orientamento marcatamente reazionario limita il potenziale elettorale di Vox, ma ne costituisce anche la base stessa. Secondo i sondaggisti i suoi elettori sono uomini bianchi ad alto reddito; non è ancora riuscita a penetrare la classe operaia, gli immigrati o gli elettori di sesso femminile.

Vox ha avuto anche altri effetti più immediati sulla politica spagnola. Se in altri paesi europei il DNA stesso delle democrazie liberali è stato fondato sulla lotta contro il fascismo, la democrazia spagnola non è stata costituita da un processo di nascita simile. Piuttosto, questa democrazia era il frutto di un patto tra gli eredi del dittatore Franco e le forze della sinistra. Per questo motivo, la destra non ha mai condannato il franchismo, ma piuttosto ha continuato da esso. Ciò significa che Vox ha molti punti in comune con i partiti tradizionali di destra.

Infatti, il giovane leader popolare del PartidoPopular Pablo Casado – lui stesso un protégédi Aznar – ha già fatto accenni a Vox in diverse interviste, non da ultimo rifiutando di definirlo un partito di estrema destra; non ha avuto problemi simili nel lanciare ogni sorta di epiteti a Podemos. Inoltre, la svolta di Vox ha causato una radicalizzazione di destra sia del PartidoPopular che di Ciudadanos, che sono entrati in una competizione a spirale per promuovere misure autoritarie contro i migranti, il femminismo, le organizzazioni dei lavoratori e gli indipendentisti catalani.

Fino a poco tempo fa, la Spagna era stato uno dei pochi paesi europei che la nuova estrema destra non aveva ancora raggiunto. Ma la svolta di Vox segna la fine della cosiddetta eccezione spagnola. Il malcontento nei confronti del sistema si era espresso attraverso il movimento di austerità 15M, Podemos, e la politica locale progressista. Ma questa nuova sinistra ha optato per una strategia di moderazione, cercando un patto governativo con la socialdemocrazia – una scelta che ricorda il fallito esperimento del Partito Comunista Francese degli anni ’80 nel governo guidato dai socialisti di François Mitterand.

Con la sinistra politica esaurita e priva di idee che vanno al di là della gestione del sistema (nonostante l’esistenza di un potente movimento femminista e di un movimento dinamico per il diritto all’alloggio, nonché di lotte operaie incipienti) l’estrema destra rappresentata da Vox cercherà di posizionarsi come alternativa reazionaria al sistema politico esistente.

Non tutto è perduto: esistono anche le forze per impedire la crescita del mostro fascista globale, e per evitare un disastro come quelli che i nostri fratelli e sorelle hanno sofferto in Brasile e negli Stati Uniti. Ma non possiamo negare che questo mostro sia effettivamente arrivato in Spagna.

* Brais Fernandez è nel comitato editoriale di Viento Sur e attivista dell’ala Anticapitalistas di Podemos.

SEGUICI SU FACEBOOK
Prossimi Eventi

aprile, 2019

07apr(apr 7)20:3005mag(mag 5)23:30Empoli - Domenica Resistente I: TecNO TAV Tour#accettolasfida

23apr19:3022:00Parigi - Résistances entre colonialisme et migrations de F. Piobbichi#accettolasfida

25apr12:0013:30Bisceglie - 25 Aprile - Aperitivo Partigiano a Bisceglie#accettolasfida

25apr13:0016:00Pavia - Pranzo popolare del 25 aprile#accettolasfida

25apr15:3019:30Siena - Il 25 Aprile della Rete Antifascista Senese#accettolasfida

25apr(apr 25)18:3027(apr 27)21:30Catania - Corteo 25 Aprile: libertà per gli antifascisti arrestati!#indietrononsitorna

26apr17:3023:30Siena - Trame di resistenza. Nuove lotte, nuovi ribelli.#accettolasfida

26apr19:0021:00Paesi Bassi - Drawings from the Border-Boekpresentatie#accettolasfida

26apr(apr 26)19:0028(apr 28)23:00Molfetta - Festival Resistenza E Resistenze. Sesta Edizione#accettolasfida

27apr17:0023:00Roma - Tra Reddito e Lavoro#accettolasfida

No Comments

Post A Comment
X