Stay Social

Seguici su:

in evidenza

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_facebook][vc_separator type="normal" color="#820024" thickness="3" up="20" down="20"][vc_column_text]Potere al Popolo sostiene e partecipa alla mobilitazione in programma questo fine settimana a Bruxelles: con i lavoratori in sciopero, con i gilet gialli, con un popolo che si oppone l'avanzata dell'estrema destra! Questo weekend sarà "caldo” anche Bruxelles. Se a Roma sabato saremo in piazza per la manifestazione Get up Stand up per gridare "prima gli sfruttati", di qualunque colore siano, e a Parigi, accanto ai gilet gialli, per rivendicare le dimissioni di Macron, a Bruxelles saremo anche noi ai tre giorni di manifestazioni: da venerdì 14 fino...

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_facebook][vc_separator type="normal" color="#820024" thickness="3" up="20" down="20"][vc_column_text]Condividiamo il contributo di Nicoletta Dosio e Giorgio Cremaschi sulla manifestazione NO TAV a Torino dello scorso sabato. È più che mai necessario valorizzare quello che è successo nella giornata dell’8 Dicembre che ha visto, oltre alle 70000 persone presenti a Torino, decine di presidi e cortei organizzati da Sud a Nord del nostro Paese contro le grandi opere inutili e la distruzione dei nostri territori, che hanno reclamato un diverso modello di sviluppo, basato sulla tutela dell’ambiente, della salute e del lavoro. Nonostante questa grossa mobilitazione infatti,...

Macron ha appena terminato il suo discorso. Al di là della prevedibile condanna della violenza e una dose insopportabile di retorica, il Presidente della Repubblica francese è costretto a cedere su alcune importanti rivendicazioni : l’aumento dello SMIC – salario minimo – di 100 euro al mese (lorde, ci pare di capire) e la cancellazione di un recente aumento della CSG – imposta generale sui redditi – che gravava su chi prendeva meno di 2000 euro di pensione (prima, l’esenzione dall’aumento era fissata alla soglia di 1280 euro). Le misure non soddisfano il movimento, che commenta parlando di briciole. In effetti...

Sabato è stata una giornata meravigliosa. Da Nord a Sud di questo martoriato Paese ( e anche oltre confine!), la nostra piccola-grande comunità ha partecipato e ha sostenuto le decine di appuntamenti, presidi e cortei che sono stati organizzati per la giornata di lotta contro la devastazione ambientale e la tutela dei nostri territori. Eravamo ovunque. Eravamo a Torino insieme ad altre 70.000 persone per dire NO al TAV, no alla nuova alleanza trasversale (che va dal PD a Confindustria a CasaPound) che improvvisamente si è messa insieme per garantire soldi e profitti a poche, pochissime persone. Eravamo a Firenze al presidio della...

Sabato 8 dicembre si svolgerà l’Acte IV delle mobilitazioni dei gilets gialli in tutta la Francia. Da tre settimane il paese è in rivolta. Ormai tutta la Francia che soffre si solleva: gilets gialli, studenti medi e universitari, quartieri popolari delle banlieues, ecologisti, lavoratori del settore pubblico, ecc. Si sollevano e convergono verso un obiettivo comune: mettere fine al governo dei ricchi e alle politiche neoliberiste che strozzano le classe popolari. La constatazione è unanime: stiamo vivendo una pagina importante della storia del paese, un momento che può essere determinante. Per questo, abbiamo la responsabilità e la necessità di organizzarci per...

Non sappiamo se la misura di cui parliamo finirà davvero nella legge di bilancio: il governo del cambiamento d’opinione quotidiano è così allo sbando che dalla sera alla mattina cambiano le decisioni. Ad ogni modo, la novità presentata oggi sulle pagine del Sole 24 Ore – e successivamente ridiscussa, per le proteste dei costruttori – la dice lunga sulla direzione del Governo, e sulla sciatteria con cui lavora. Nel maxiemendamento alla legge di bilancio, il Governo giallo-verde vorrebbe inserire un meccanismo di bonus-malus per l’acquisto di nuove auto. In pratica sono previsti degli incentivi fino a 6000 euro per l’acquisto...

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_facebook][vc_separator type="normal" color="#820024" thickness="3" up="20" down="20"][vc_column_text]Il 2018 sta per concludersi e alle spalle abbiamo un anno intensissimo: prima una campagna elettorale "vecchia maniera", partita con l'impresa della raccolta firme e poi proseguita con volantinaggi, iniziative e affissioni in ogni parte d'Italia grazie al lavoro di migliaia di volontari che non si sono fermati nemmeno sotto alla neve. Dopo il 4 marzo abbiamo mantenuto la promessa di non disperdere quanto costruito e abbiamo continuato a crescere: le assemblee territoriali sono state un punto di incontro fondamentale, sono state aperte Case del Popolo, sportelli...

  Una breve premessa Quando abbiamo iniziato a lavorare su questo documento, il decreto sicurezza non era ancora legge dello Stato. Oggi, invece, questo passaggio è avvenuto e, sebbene lo considerassimo scontato, rende ancor più urgente un lavoro di informazione sulle novità di un pacchetto di leggi che, seppure in continuità con quelle precedenti, segna un passaggio ulteriormente peggiorativo in termini di repressione ma anche di restrizione delle libertà individuali. Prima di illustrarne i punti fondamentali, però, abbiamo sentito la necessità di iniziare con una breve quanto generale premessa… Nel Giugno del 2013, in piena crisi finanziaria europea, la banca d’affari statunitense JP Morgan...

[vc_row css_animation="" row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" angled_section="no" text_align="left" background_image_as_pattern="without_pattern"][vc_column width="2/3"][vc_facebook][vc_separator type="normal" color="#820024" thickness="3" up="20" down="20"][vc_column_text]Oggi non saremo a Roma al Teatro Italia alla presentazione del movimento di De Magistris. Siccome in molti ci hanno chiesto il perché, e siccome avevamo scritto qualche giorno fa che ci saremmo stati, ci sembra giusto scrivere queste righe per spiegare cos'è cambiato. La settimana scorsa avevamo ricevuto, sulla mail personale della nostra portavoce Viola Carofalo, un invito a intervenire, e con piacere avevamo accettato. Innanzitutto perché siamo aperti al confronto con tutti quelli che davvero vogliono cambiare le cose, poi perché abbiamo tante idee e pratiche...

Socializziamo con l’intera comunità di Potere al Popolo quello che sta accadendo in questi giorni. Si tratta di una lettera inviata da Maurizio Acerbo, attuale segretario del PRC, e che non riguarda soltanto i due destinatari a cui è stata inviata, Viola Carofalo e Giorgio Cremaschi. Riguarda tutte e tutti quelli che hanno a cuore il progetto di Potere al Popolo, e che hanno speso per questo anche solo un’ora di tempo, che profondono nell’orizzonte di Potere al Popolo fiducia e speranze. Riguarda tutte le migliaia di aderenti, perché Potere al Popolo appartiene a tutte e tutti loro. Lo facciamo perché...

X